Sulla frontiera della “bianchezza”? Espropriazione, guerra e riproduzione sociale in Ucraina

di Olena Lyubchenko – 30 aprile 2022

La compagna Olena Lyubchencko, studentessa universitaria presso la York University di Toronto, figlia di una immigrata Ucraina in Canada che qui emigrò come lavoratrice addetta alle pulizie, focalizza in questo scritto la guerra in Ucraina nel contesto più ampio della posizione dell’Ucraina nei modelli globali di produzione e riproduzione sociale, concentrandosi in particolare sulle sue dinamiche del razzismo sistemico del capitalismo e dell’oppressione di genere che determinano il richiamo della difesa della autodeterminazione dell’Ucraina “dall’imperialismo russo”, come servizio da parte del proletariato ucraino e della donna proletaria ucraina per la difesa della riproduzione sociale capitalista della “frontiera bianca”, che come gli argomenti riportati da Olena spiegano essere di difesa nazionale razzista. Se il titolo del testo contiene un punto interrogativo, lo svolgimento realizza la più interessante, utile e netta critica all’eurocentrismo occidentale sulla guerra in corso, davvero pertinente e che evidentemente è stimolata positivamente dalla crescente polarizzazione sociale che sta facendo scricchiolare la Greatest America, dalle questioni di classe, della razza, di genere e della natura.


Scrivo e riscrivo questa breve riflessione da sette settimane. Settimane trascorse ad aiutare parenti e amici in fuga dall’Ucraina e indirizzare fondi di solidarietà alla resistenza ucraina e all’organizzazione di mutuo soccorso. Avendo camminato per le strade di Mariupol quasi ogni estate da quando ero bambina, e per l’ultima volta nell’estate del 2019 prima della pandemia – la tomba di mio padre si trova in un villaggio appena fuori Mariupol – riflettere è un compito difficile. In città come Mariupol assistiamo alla distruzione di ospedali, scuole, teatri e infrastrutture critiche come strade e ferrovie.

Il danno equivale a un’estirpazione diretta delle infrastrutture pubbliche dell’era sovietica da parte della macchina da guerra di Putin, un atto che in effetti è di “de-comunizzazione”. Quello che è stato per la classe operaia ucraina, un lento e deprimente tre decadi di decomposizione di classe, immiserimento e spopolamento, negli ultimi due mesi è accelerato in massacri, distruzione e sfollamento forzato. È anche la distruzione della storia e della memoria. La guerra tende a cancellare ogni eccezione, sfumatura, discussione. Spero che quest’ora più buia abbia il compito di critica necessaria per un futuro diverso.

Mentre le immagini orribili di devastazione, morte e stupro in luoghi come Bucha circolano ampiamente online e poiché le donne ucraine in fuga con bambini vengono accolte in Europa mentre gli “altri” immeritevoli non possono entrare, ci viene detto più volte dalle élite occidentali e ucraine che “l’Ucraina sta combattendo una guerra europea” e “l’Ucraina sta difendendo l’Europa”.

In questo contesto, l’idea emergente di “ucraineità” e la sua equazione con “europeità” è mediata da una concettualizzazione di razza, classe, genere e sessualità. La sovranità e l’autodeterminazione dell’Ucraina sono sempre più percepite dalle élite locali come legate all’incorporazione nella “fortezza Europa” e alla trasformazione della “nazione ucraina” come “bianca” ed “europea”. Il concetto di “autodeterminazione”, sostenuto dalla sinistra rivoluzionaria internazionalista, anticoloniale e antimperialista, è oggi strumentalizzato. Nell’uso delle élite occidentali e ucraine, la storia dell’internazionalismo locale, del comunismo e dell’antifascismo è separata dall'”autodeterminazione” attraverso manovre eurocentriche. Ironia della sorte, in questo senso, questo utilizzo non è lontano dagli attacchi di Putin all’autodeterminazione dell’Ucraina, che afferma con disprezzo è legato ai principi leninisti di antimperialismo e anticapitalismo.

Una recente borsa di studio sull’Europa orientale, che si occupa di razza, classe e imperialismo (e meno di genere e sessualità), esplora le varie periferie dei diversi paesi dell’Europa orientale e post-sovietici rispetto all'”Europa”.[i] Queste periferizzazioni si materializzano come livelli disuguali di accesso delle nazioni alla “bianchezza”, il che significa la loro inclusione nell’economia capitalista in termini europei, le nazioni della “classe media”, occidentali e (non) comuniste – i presunti vincitori del neoliberismo. Storicamente, la “bianchezza” degli europei dell’Est è stata contingente. Mentre le versioni di “europeità” sono elevate, qualsiasi deviazione dalle presunte norme di tale identità rischia una perdita di status con conseguenti ripercussioni materiali per le popolazioni dello spazio “post-socialista”. Disciplinata attraverso prestiti espropriativi del FMI, politiche energetiche, opportunità di lavoro precario per i migranti e dipendenza dalle rimesse, la regione e i suoi popoli sono stati trasformati in “europei” precari.

Nel tentativo di sconvolgere l’attuale preoccupazione per le questioni strategico-militari, così come il campismo metodologico e il nazionalismo che ha afflitto molti dei dibattiti sulla guerra in Ucraina che si trovano sul terreno del complesso militare-industriale, propongo di spostare l’attenzione invece a una critica dell’economia politica e a uno sforzo onesto nei confronti dello stato capitalista in Ucraina, gli elementi razzializzanti del nazionalismo Ucraino, le dinamiche quotidiane della riproduzione sociale in Ucraina, il suo futuro “europeo” e la teatralità delle simpatie europee e nordamericane sullo sfondo di violenze coloniali altrove.

In questo pezzo, colloco la guerra in Ucraina nel contesto più ampio della posizione dell’Ucraina nei modelli globali di produzione e riproduzione sociale[ii], concentrandomi in particolare sulle sue dinamiche razzializzate e di genere. Usando il femminismo della riproduzione sociale, traccio come, dal 2014, la militarizzazione dell’Ucraina sia stata intimamente legata alle misure di austerità, spostando efficacemente gli oneri della resistenza all’aggressione russa e preparando lo stato per un processo altamente ineguale di integrazione “euro-atlantica” delle famiglie e soprattutto delle donne. La militarizzazione, l’austerità e l’aggressività in questo contesto agiscono come processi di espropriazione e accumulazione primitiva. Essi “generano riserve globali di forza lavoro i cui movimenti transfrontalieri sono al centro della produzione e riproduzione mondiale di capitale e lavoro”.[iii] In questo modo, la cittadinanza razzializzata riproduce per alcuni la precarietà e l’esclusione e la sicurezza e l’inclusione per alcuni altri, proprio mentre la differenziazione storica della classe operaia ucraina all’interno del capitalismo globale viene riscritta e strumentalizzata.[iv]

Europei buoni

Nelle prime settimane dell’invasione russa dell’Ucraina, il mondo ha assistito a violenze razziste ai confini dell’Ucraina con Polonia, Romania e Ungheria. Ai rifugiati dell’Africa, dell’Asia meridionale e del Medio Oriente, nonché ai cittadini rom dell’Ucraina e a migliaia di studenti internazionali che studiano e lavorano in Ucraina, è stato impedito di attraversare le frontiere e talvolta gli ucraini hanno persino impedito loro di salire a bordo dei treni che trasportavano i rifugiati nell’UE e che formarono delle catene umane. I giornalisti che riferivano dal confine con indosso spille blu e gialle hanno rapidamente denunciato questa discriminazione, per poi passare rapidamente alle immagini di bambini ucraini che ricevevano giocattoli da amichevoli volontari tedeschi. “Gli studenti indiani bloccati hanno osservato gli animali domestici ucraini attraversare il confine per mettersi in salvo”, si legge in un articolo. In Nord America e nell’Europa occidentale, i ristoranti servono piatti ucraini, donando il ricavato allo sforzo bellico in Ucraina, mentre i centri commerciali sono stati illuminati di blu e giallo. Il sito Web del gigante tecnologico Amazon ora vanta un pulsante “Aiuta il popolo ucraino”. Alcuni dei più grandi proprietari immobiliari in Canada – quelli che hanno sfrattato le famiglie della classe operaia durante la pandemia aumentando i prezzi degli alloggi già inadeguati – si sono “uniti” per offrire opzioni abitative gratuite e sovvenzionate agli Ucraini in fuga in Canada. I media e i responsabili politici occidentali hanno deciso che gli Ucraini sono cittadini “buoni”, “europei”, che sono professionisti IT di valore, istruiti. Il razzismo è stato trattato non come un problema strutturale, ma come un comportamento scorretto. La resistenza Ucraina all’esercito russo è celebrata come eroica, coraggiosa e democratica, e allo stesso tempo di autodeterminazione, la liberazione nazionale, la resistenza popolare violenta altrove non è estesa alla stessa celebrazione, invece è etichettata come terrorista, con “eroi” incarcerati, “illegalizzati”, e così via. La nostra responsabilità è chiederci “perché?”. Sicuramente anche le circostanze che devono affrontare i cittadini di Afghanistan, Siria, Iraq, Yemen, Gaza, Etiopia sono eccezionali? A fine del 2021, il conflitto nello Yemen aveva causato 377.000 morti, quasi il 70% dei quali sono bambini di età inferiore ai cinque anni di età.[v] Non abbiamo visto giocattoli e cibo gratuiti al confine con la Polonia per quelle donne e bambini, ma piuttosto gas lacrimogeni, cannoni ad acqua, manganelli, cani poliziotto e filo spinato. Solo pochi mesi fa, la Polonia stava diventando l’ultima prima linea di deterrenza di sorveglianza ad alta tecnologia al confine con la Bielorussia. Nell’ottobre 2021, il suo governo ha approvato l’installazione di una recinzione di sicurezza del confine da 350 milioni di euro lungo metà del confine con la Bielorussia, che raggiunge i 5,5 metri di altezza, con telecamere e sensori di movimento avanzati che traggono profitto direttamente dalle aziende tecnologiche e di armi. Il giornale The Guardian riporta che “L’anno scorso Frontex si è aggiudicato un contratto da 100 milioni di euro (91 milioni di sterline) per i droni Heron ed Hermes realizzati da due compagnie armate israeliane, entrambe utilizzate dall’esercito israeliano nella Striscia di Gaza. In grado di volare per più di 30 ore e ad altezze di 10.000 metri (30.000 piedi), i droni hanno trasmesso feed quasi in tempo reale al quartier generale di Frontex a Varsavia”. La Polonia spera anche di adottare un “cannone sonoro montato su un veicolo che emette raffiche” assordanti “fino a 162 decibel per costringere le persone a tornare indietro”. Dovremmo anche semplicemente ignorare come la Polonia sia stata un’ancella delle forze che hanno distrutto l’Iraq e l’Afghanistan mentre allo stesso tempo hanno istituito un regime sessista di estrema destra in patria? Anche le truppe Ucraine sono andate in Iraq. Regno Unito, Canada e Francia, tra gli altri, si sono affrettati a inviare denaro alla Corte penale internazionale (CPI) per indagare sui crimini di guerra Russi in Ucraina, mentre la CPI ha dovuto combattere per trovare i fondi per perseguire i crimini di guerra in Afghanistan, Siria , Iraq. La nostra responsabilità è chiederci perché.

La giustizia liberale è intrecciata con il razzismo sistemico poiché le risorse occidentali vengono incanalate in Ucraina per far fronte a una “crisi in Europa”, ma sono trattenute in situazioni in cui i paesi occidentali si oppongono alla responsabilità per i propri crimini di guerra. La stessa cosa vale per gli aiuti umanitari. In questa luce, come scrive Ralph Wilde, le rappresentazioni teatrali delle simpatie ufficiali europee per l’Ucraina appaiono come “una luce a gas sociopatica e razzista del popolo iracheno”, e molti altri espropriati dalle guerre europee e nordamericane.

L’enfasi dei media sulle bombe molotov in Ucraina dà l’impressione che questa guerra verrà vinta esclusivamente grazie a una strategia radicale di autodifesa del popolo, proprio come quella dei palestinesi, che ovviamente non ricevono tale adulazione. L’Ucraina è un contesto diverso dal “proteggere la propria terra” non perché la lotta per l’autodeterminazione non sia forte, al contrario, abbiamo assistito alla forza e al coraggio collettivi della resistenza ucraina, ma perché lo sforzo bellico Ucraino è guidato dall’alto dell’apparato statale e sostenuto dall’esterno da una forza combattente ben finanziata, avvolta da interessi capitalisti imperialisti. Questo fattore richiede una distinzione tra gli interessi nazionali popolari ucraini e gli interessi dello stato capitalista ucraino, nonché un resoconto di come quest’ultimo abbia espropriato i primi attraverso la militarizzazione e l’austerità dal 2014.

L’Ucraina ha ereditato il 30% delle scorte militari sovietiche, ha quadruplicato la sua spesa militare negli ultimi dieci anni e aveva quasi 500.000 soldati (250.000 regolari e 250.000 della guardia nazionale forte, che incorpora gruppi neofascisti come i battaglioni Aidar e Azov nei suoi ranghi) prima dello scoppio delle ostilità. Ha un’avanzata industria militare nazionale ed è diventata il destinatario di armi anticarro altamente sofisticate, sistemi antiaerei, tecnologie dei droni e armi pesanti come negli ultimi mesi. In breve, l’Ucraina ha un esercito permanente professionale che è probabilmente più impressionante di qualsiasi membro dell’Europa orientale della NATO (e solo dietro alla Turchia e alla Russia nella regione). Dall’invasione, gli Stati Uniti hanno impegnato oltre 1,7 miliardi di dollari in “aiuti letali” all’Ucraina, oltre a 2,5 miliardi di dollari spesi tra il 2014 e il 2021, inclusa la formazione, e con altri da altri alleati della NATO. Il 28 aprile, il Congresso degli Stati Uniti ha autorizzato 33 miliardi di dollari per più artiglieria, armi anticarro e altro materiale, nonché aiuti economici e umanitari. Come riporta il New York Times, se messi insieme, “gli Stati Uniti autorizzerebbero 46,6 miliardi di dollari per la guerra in Ucraina, che rappresenta più di due terzi dell’intero budget annuale della difesa della Russia di 65,9 miliardi di dollari… In confronto, l’anno scorso il Pentagono ha stimato che i costi totali dei combattimenti in Afghanistan dal 2001 al 2020 a 816 miliardi di dollari, o circa 40,8 miliardi di dollari all’anno”. Il drastico aumento degli aiuti militari statunitensi e, soprattutto, l’invocazione del Lend-Lease Act di Roosevelt del 1941, ritenendo così la difesa dell’Ucraina “vitale per la difesa degli Stati Uniti”, predice un’escalation degli interessi degli Stati Uniti in una lunga guerra. Sebbene questo “aiuto” abbia contribuito a frenare l’avanzata russa, è importante pensare a lungo termine a come la militarizzazione “si infiltra” nella vita delle persone della classe operaia che cercano di sbarcare il lunario.

Se non c’è pane, mangino le armi: riforme neoliberiste e militarizzazione

La militarizzazione dell’Ucraina dal 2014 è stata accompagnata da riforme neoliberiste volte a facilitare la crescita del capitale a scapito della riproduzione delle famiglie della classe operaia. Dall’inizio della guerra nel 2014, lo stato ha istituzionalizzato costi di riproduzione sociale notevolmente inferiori attraverso quelle che Jennifer Mathers chiama “richieste straordinarie alla società civile – e in particolare alle famiglie e alle donne le cui risorse sono già sovraccaricate”, giustificate e normalizzate dai bisogni della sforzo bellico e inviti al “sacrificio” per “la nazione”.[vi] Il costo della spesa per la sicurezza nazionale, quadruplicato nell’ultimo decennio, è stato socializzato attraverso bilanci di austerità, con le donne che hanno assorbito i tagli al salario sociale e al settore pubblico. Le istituzioni finanziarie internazionali come l’FMI hanno posto limiti rigorosi alla spesa sociale, con implicazioni significative per le donne, inclusa l’eliminazione de facto dei sussidi per il carburante, causando prezzi più alti per gas, riscaldamento, elettricità e trasporti, tagli radicali alla spesa per la salute, istruzione e assistenza all’infanzia e una profonda riforma del sistema pensionistico. Probabilmente, a partire dal 2015, le “leggi sulla de-comunizzazione”[vii], che vietavano i partiti e i simboli politici comunisti, ribattezzavano città e strade dell’era sovietica e facilitavano la persecuzione degli studiosi ed attivisti di sinistra definiti tutti secondo l’etichetta di spazzatura, includendo anche la ‘decomunizzazione’ della politica sociale. Nuove riforme sociali ed economiche sono state estese in nome della modernizzazione e dell’europeizzazione di quel poco di welfare state rimasto dopo le riforme della Shock Therapy degli anni ’90. Contravvenendo alla Costituzione Ucraina, che proclama l’Ucraina come uno stato sociale, il giornale Commons riferisce che le riforme hanno comportato multe ridotte per i datori di lavoro per il mancato rispetto delle leggi sul lavoro, deregolamentazione dei codici di salute e sicurezza sul lavoro, un sistema pensionistico appena finanziato, diminuzione della spesa medica, e il movimento verso la privatizzazione dell’assistenza sanitaria. Rispetto al 2013, nel 2016 lo Stato ha tagliato la spesa per l’assistenza sanitaria del 36,3%, per l’istruzione del 36,2% e per la funzione pubblica del 30,6%.[viii] Le riforme economiche spinte dal FMI e adottate dallo Stato ucraino hanno ha accelerato la crescente disuguaglianza, con il 67% delle famiglie ucraine nel 2021 che si caratterizzava come “povero”. L’espropriazione attraverso l’austerità e la militarizzazione ha reso femminile il lavoro precario e la povertà.

Per i due milioni di persone sfollate a causa della guerra nel Donbass, prima dello scoppio dell’attuale aggressione, la riproduzione sociale è stata quasi impossibile negli ultimi otto anni. Nel novembre 2014, lo Stato Ucraino ha interrotto il finanziamento dei servizi governativi nelle aree separatiste della regione, comprese le pensioni. Questo è un esempio particolarmente evidente dell’espropriazione del lavoro passato e dell’attuale disponibilità dei lavoratori in pensione nel paese. Molti cittadini Ucraini aventi diritto a una pensione di vecchiaia, che vivevano dall’altra parte della linea del fronte, hanno dovuto attraversare il confine nel territorio controllato dall’Ucraina per ricevere la pensione. Nel 2016 il Governo Ucraino ha introdotto una rigorosa misura di controllo, che richiede agli “sfollati interni” di registrarsi a un indirizzo nel territorio controllato dal governo e di effettuare il check-in bimestrale per mantenere l’idoneità alla pensione. Molti anziani, per lo più donne che vivono nelle regioni occupate, hanno dovuto viaggiare ogni 60 giorni per un massimo di 24 ore su autobus, camminando, aspettando in lunghe file, senza un riparo e condizioni di base come i bagni, per accedere alle loro pensioni con una media di 90 dollari. al mese. Quei lavoratori impossibilitati a viaggiare per problemi di salute e mobilità sono rimasti senza nemmeno questo reddito. Da dicembre 2018 ad aprile 2019, 18 anziani sono morti per complicazioni di salute per lo più legate al cuore mentre compivano il difficile viaggio attraverso la “linea di contatto” che separava i belligeranti.[ix] L’ONU stima che 400.000 persone abbiano perso l’accesso alla pensione da quando la regola dei 60 giorni è stata applicata nel 2016. Secondo quanto riferito, il Fondo Pensioni Ucraino ha accumulato un debito di 86 miliardi di grivna (circa 3,5 miliardi di dollari USA) dovuto ai pensionati che vivono nelle aree non controllate dal governo centrale. Ciò rappresenta un’espropriazione diretta dei lavoratori Ucraini da parte dello Stato, legittimata dalla guerra.

Anche la violenza contro le donne è aumentata a causa della guerra. Mathers scrive che “i corpi mascolinizzati viaggiano per partecipare alle operazioni di combattimento come soldati. Quando tornano nel mondo della pace per riprendersi dalle ferite fisiche e psicologiche della guerra, vengono assistiti in gran parte dalle famiglie a causa dei tagli all’assistenza sanitaria statale. “[x]

Nel 2018, le parti controllate dall’Ucraina delle regioni di Donetsk e Luhansk hanno registrato rispettivamente un aumento del 76% e del 158% dei casi segnalati di violenza domestica rispetto alla media dei tre anni precedenti. I membri dell’esercito regolare e della polizia sono esentati dai procedimenti amministrativi nei tribunali di giurisdizione generale, che serve essenzialmente a proteggerli dall’azione penale per violenza domestica.

Lavoro migrante, riproduzione sociale e “frontiera bianca”

L’economia industrializzata, le infrastrutture pubbliche e la forza lavoro qualificata dell’Ucraina post-sovietica hanno subito un periodo di accumulazione primitiva attraverso le terapie d’urto delle riforme neoliberiste, realizzando un sapore proprio dello stato capitalista, quello di una cleptocrazia neoliberista.[xi] Di conseguenza, come altri europei dell’Est negli anni ’90, le madri e le nonne Ucraine hanno lavorato come lavoratrici domestiche migranti, lasciando le loro famiglie alle spalle, pulendo le case di ricchi italiani, tedeschi, polacchi, americani e canadesi impegnate nel lavoro sociale riproduttivo precedentemente svolto dalle “donne bianche” occidentali.[xii] Questo è stato anche per mia madre. Dal 2014, un numero drammaticamente maggiore di Ucraine è stato mobilitato come forza lavoro socio-riproduttivo a basso costo, versando a casa gran parte delle rimesse del proprio reddito a copertura delle lacune dei servizi sociali statali e per compensare i danni della guerra e della militarizzazione. Queste lavoratrici non sono state accolti con zuppa calda, telefoni e benefici dell’UE su nessun confine dell’Unione Europea, poiché il loro paese veniva saccheggiato dalle riforme neoliberiste “orientate all’Europa”. Ecco una storia “felice” di una lavoratrice migrante ucraina, fuggita dalla povertà e dalla guerra in Polonia durante il COVID-19:

IDI4 [caso anonimo tra i tanti citato nel report al link qui] è arrivata in Polonia da Berdiansk nel 2018. Sua figlia di 5 anni l’ha raggiunta nel settembre 2020. Suo marito è morto in guerra nell’ottobre 2019. In Ucraina, ha studiato contabilità e ha svolto vari lavori nel settore della vendita al dettaglio e dell’amministrazione. In Polonia, ha studiato medicina in un istituto di formazione e ora lavora come addetta alle pulizie in un blocco chirurgico in un ospedale. […] In ospedale ora ci sono procedure approfondite, una grande quantità di dispositivi di protezione che devono essere indossati e cambiati, test regolari e sessioni di allenamento ripetute per garantire la pulizia. Si sente responsabile e si prende cura di pulire a fondo prima di tornare a casa. Riceve un bonus Covid di 250 PLN [circa 52,6 euro]. Sua figlia va all’asilo mentre è al lavoro, ma l’accompagna nei lavori di pulizia extra nella casa di un amico medico, dove la figlia gioca con i suoi figli mentre lei fa le pulizie.

Nel 2020, il numero di lavoratori ucraini residenti all’estero era stimato tra 2,2 e 2,7 milioni, pari al 13%-16% dell’occupazione totale nel paese. Entro la fine di febbraio 2020, il numero di ucraini in Polonia era salito a 1.390.978, il 44% dei quali erano donne, per lo più impiegate nel settore dell’assistenza precaria nelle città più grandi. L’Ucraina è il decimo destinatario al mondo di rimesse dei redditi degli emigrati in termini assoluti e nel 2020 queste costituivano il 9,8% del PIL del paese.[xiii] Secondo nuovi dati della Banca nazionale, nel 2021 i flussi di rimesse verso l’Ucraina hanno superato i 19 miliardi di dollari. Nel 2018, il 33% delle rimesse proveniva dalla Polonia, il 32% da altri Stati membri dell’UE, il 9% dalla Russia e il 9% da Stati Uniti e Canada. Le rimesse hanno contribuito per circa il 50%-60% dei bilanci delle famiglie destinatarie e “rispetto alle famiglie che non ricevono le rimesse, le spese delle famiglie con lavoratori migranti per l’alloggio e l’istruzione sono state 2-4 volte superiori e per il cibo il 20% in più”.

Mentre in Ucraina i costi della riproduzione sociale sono stati scaricati sulle famiglie che preparano i lavoratori per essere mandati all’estero, nei paesi dell’UE, la forza lavoro ucraina in arrivo è “gratuita”, cioè “pagata” attraverso il lavoro passato delle famiglie e delle comunità in Ucraina, mentre il suo rinnovamento in corso attraverso il sostentamento è a buon mercato perché i lavoratori migranti sono esclusi dai benefici statali e dalla cittadinanza sociale prevista dall’UE in generale.

La riproduzione sociale dei cittadini dell’UE e dei lavoratori ucraini è geograficamente determinata e intricata in dinamiche co-costitutive di genere, razza e classe, sullo sfondo della “minaccia” dei rifugiati neri e marroni. Il lavoro di genere “produce la nazione” e forma i confini dell’Europa. Come sostengono Daria Krivonos e Anastasia Diatlova, “è attraverso lo scambio simbolico delle donne e il loro lavoro riproduttivo tra Oriente e Occidente che nasce l’Europa”.[xiv] Uno dei paradossi della retorica anti-migranti dell’Europa centrale verso il Sud del mondo è che questa regione ha beneficiato pesantemente della migrazione dall’est, inclusa l’Ucraina.[xv] Mentre le donne polacche sono impiegate come lavoratrici domestiche nei paesi dell’Europa occidentale, “nei loro contatti con i lavoratori domestici ucraini, i datori di lavoro polacchi spesso si comportano come rappresentanti paternalistici autoproclamati dei valori e degli stili di vita occidentali”.[xvi] Il bianco, quindi, non forma una dicotomia ma un gradiente.[xvii] Gradazioni di “bianco periferico”, o vicinanza all’Europa, si spostano da Bruxelles a Varsavia, da Varsavia a Leopoli, da Leopoli a Donetsk. La razzializzazione delle donne dell’Europa orientale nell’industria dell’assistenza e del lavoro domestico ha modalità operative politico-economiche concrete, incorporate nella mercificazione dell’assistenza nell’Europa occidentale neoliberista[xviii] e nella continua femminilizzazione della povertà nell’Europa orientale, con il suo sapore di spossessamento e di austerità militarizzata nell’Ucraina post-2014. Proprio come il lavoro migrante, anche l’industria delle tecnologie di riproduzione assistita o “repro-turismo” dell’Ucraina è profondamente dipendente dalle reti transnazionali, dalla classe e dalla razzializzazione, letteralmente orientata alla riproduzione di bambini europei “bianchi” attraverso il lavoro sociale riproduttivo di lavoratrici bianche “più povere”. L’industria della maternità surrogata in Ucraina si posiziona come più competitiva rispetto alle industrie della maternità surrogata in India o Thailandia, in gran parte a causa del “bianco” e dell'”europeità” delle lavoratrici. Durante la prima e la seconda ondata della pandemia di COVID-19, l’agenzia di maternità surrogata commerciale BioTextCom di Kiev era sotto i riflettori, quando la maggior parte dei bambini legati all’Europa occidentale nati da gestanti ucraine sono rimasti bloccati “apolidi” in un hotel a causa del blocco della pandemia. Una volta accusata di traffico di esseri umani perché i medici hanno fornito biomateriale da fonti ucraine sconosciute invece che da genitori biologici, l’industria è di nuovo sotto i riflettori durante l’invasione russa dell’Ucraina. Lo stato ucraino non raccoglie statistiche ufficiali sulla maternità surrogata in Ucraina, ma potrebbe essere un leader nel settore della maternità surrogata commerciale per gli stranieri, con una stima di 2.000-3.000 bambini surrogati nati ogni anno. Mentre il costo della maternità surrogata per i futuri genitori è di 38-45.000 dollari, le madri surrogate vengono pagate solo 300-400 dollari al mese e altri 15.000 dollari alla fine della gravidanza. Quando è iniziata l’invasione, circa 800 coppie straniere aspettavano un figlio da una madre surrogata in Ucraina. A causa dell’invasione, madri surrogate, infermiere e bambini sono tutti bloccati ancora una volta. I surrogati sono posti in una situazione in cui devono continuare a fornire assistenza oltre il contratto concordato e attendere il pagamento fino a quando i genitori adottivi occidentali non saranno in grado di registrare il bambino, nato apolide, né cittadino ucraino né cittadino dell’UE, e non registrato in Ucraina. Alcune madri surrogate ucraine non sono in grado di fuggire nell’Europa occidentale lontano dalla guerra, temendo che potrebbero essere “richieste di registrarsi come tutori legali dei bambini ai sensi della legge sulla maternità surrogata meno permissiva”. Il regime di confine dell’UE e la regolamentazione differenziale e diseguale dell’industria riproduttiva e del lavoro attraverso il divario est-ovest scaricano sul lavoratore i rischi economici associati alla maternità surrogata (potenzialmente per tutta la vita).

L’industria della maternità surrogata commerciale in Ucraina è un esempio di riproduzione in outsourcing per i paesi occidentali più ricchi, per cui il lavoro riproduttivo non deve affatto migrare nell’UE, ma piuttosto si svolge completamente all’interno della periferia. Nel 2018, i media hanno riferito che il mercato della maternità surrogata porta in Ucraina oltre 1,5 miliardi di dollari all’anno. Sebbene la gravidanza e il parto surrogato non conti il tempo trascorso dalla madre surrogata a fini dei  calcoli pensionistici, l’industria e la sua clientela fa affidamento che il costo della riproduzione sociale sia ancora gratuito come nel passato per le madri surrogate in Ucraina, come per l’accesso alla sanità in generale ereditata in gran parte dall’era sovietica. Le madri surrogate Ucraine rinunciano a tutti i diritti relativi al controllo delle loro gravidanze, mentre rischiano l’abbandono dei bambini indesiderati, in particolare quelli con disabilità, da parte dei genitori assistiti. Le donatrici di ovuli e le madri surrogate in Ucraina “sono costruite nei discorsi delle cliniche per l’infertilità e delle agenzie di reclutamento come portatrici di bianchezza (sia in termini di produzione di bambini bianchi che di appartenenza alla ‘cultura bianca’), femminilità e ipersessualità in relazione ai riceventi prevalentemente europei .”[xix] La pagina web “Chi siamo” di BioTextCom afferma: “Benvenuti nella più grande base di donatori di genere europea. Il pool genetico ucraino è considerato il migliore per il trattamento dell’infertilità” – – caratterizzare esplicitamente la nazionalità Ucraina come Europea e più fertile, quindi implicitamente più desiderabile della maternità surrogata nel Sud del mondo, per non parlare dell’omogeneizzazione di diverse caratteristiche degli Ucraini. Seguendo la critica di Hill Collins alla cittadinanza e al nazionalismo da una prospettiva femminista nera, ritengo che vendendo “bianchezza” a buon mercato, BioTextCom demarca razzialmente il tipo di femminilità “buona” e “cattiva”: le donne bianche, che danno alla luce il “il giusto tipo di bambini, i desiderabili futuri cittadini europei” (in questo caso), in contrasto con gli indesiderabili “Altri”.[xx] La descrizione delle donatrici di ovociti nel database è classificata razzialmente in base a “bellezza, intelletto, salute, umanità” – in questo esatto ordine di priorità. La parte “bellezza” è delimitata sia dall’esotismo delle origini “miste” eurasiatiche che dal “bianchezza” comunque risultante:

“Alcune persone dicono che la bellezza delle donne Ucraine è spiegata da numerose conquiste e reinsediamenti di persone che hanno portato a un ricco mix genetico. Non possiamo saperlo con certezza. L’unica cosa che possiamo affermare con certezza è che gli esperti e i devoti della bellezza femminile affermano all’unanimità che le donne Ucraine sono le più belle del mondo, se intendiamo il tipo di aspetto Europeo. Corporatura regolare e peso corporeo, occhi chiari, capelli e pelle, lineamenti fini del viso contano a favore delle donatrici Ucraine”.

I riferimenti alle passate conquiste Orientali, incarnate nelle donne Ucraine, implicano una posizione di frontiera dell’europeità, della civiltà e del bianco che è nuova. Nascondendo la maggiore femminilizzazione del lavoro precario e della povertà in Ucraina dal 2014, BioTextCom garantisce che la maggior parte delle donatrici sia “classe media” e principalmente motivata dalla carità e non dalla povertà, come presumibilmente accade nel Sud del mondo. Questo è lontano dalla verità. Le interviste con le lavoratrici surrogate mostrano che mentre alcune donne che praticano la maternità surrogata in Ucraina sono sfollate dalla regione del Donbass a causa della guerra, altre provenienti da piccole città Ucraine, si impegnano nella maternità surrogata per integrare il proprio reddito per i bisogni di base.

Evidentemente, “l’Ucraina” è impiegata nella produzione del bianco poiché risiede alla sua frontiera, dove la sua funzione è in gran parte attribuita al mantenimento di un confine attorno alla civiltà per e all’interno dell’Europa attraverso un lavoro riproduttivo sociale a basso costo.[xxi]

Il mondo fa il tifo per l’Ucraina

Ancora una volta, quando sentiamo al telegiornale che “l’Ucraina sta combattendo una guerra europea” e “l’Ucraina sta difendendo l’Europa”, tra le immagini di donne “povere bianche” in fuga con bambini che hanno la priorità sugli “Altri” razzializzati, “L’Ucraina” è diventata “bianca” nell’immaginario globale. Cioè, «l’ingiunzione di ‘tornare in Europa’ attraverso l’europeizzazione è abilitata e condizionata dalle mitologie della civilizzazione Occidentale, e che l’Europeizzazione allo stesso tempo segna (promulga) e demarca (naturalizza) la bianchezza razziale».[xxii] Il paradosso è che l’esistenza dell’Europa in quanto tale è stata possibile solo grazie allo sfruttamento dei lavoratori globali attraverso l’espropriazione delle risorse e oggi le riforme economiche neoliberiste e riprodotte dal lavoro delle donna. Ciò include la manodopera a basso costo dall’Ucraina, che è relativamente “privilegiata” in relazione alla manodopera migrante dal Sud del mondo – ma non così privilegiata come le classi medie occidentali. Il concetto di W.E.B. DuBois della bianchezza del “salario psicologico” illumina il rapporto tra razza e classe nella formazione del lavoratore bianco povero: “Va ricordato che il gruppo di lavoratori bianchi, pur ricevendo un salario basso, era in parte compensato da una sorta di salario pubblico e psicologico. Hanno ricevuto deferenza pubblica e titoli di cortesia perché erano bianchi”.[xxiii] Costruito dallo stato Ucraino e dalle élite liberali e accolto in Occidente, il nazionalismo Ucraino come processo di “ritorno in Europa”, è impigliato nelle relazioni storicamente diseguali di genere e razzializzate del capitalismo globale, come rivelato da una prospettiva di riproduzione sociale globale. La popolazione già impoverita dell’Ucraina, priva di risorse nel settore pubblico precario e nell’assistenza sanitaria, sta sovvenzionando lo sforzo bellico con il lavoro domestico, socializzando i costi della guerra e della difesa a spese dei mezzi di sussistenza delle persone. Qual è il carattere dell’autodeterminazione dell’Ucraina, chi rappresenta e include l'”Ucraina” e, in effetti, qual è il futuro progetto politico? Tenendo presente le questioni strutturali della militarizzazione, del nazionalismo e dell’austerità, con un occhio al futuro del dopoguerra, la resistenza all’imperialismo russo – con le sue radici nell’impero zarista russo e le contraddittorie politiche del nazionalismo sovietico e l’espropriazione dei contadini – si tradurrà nella costruzione di solidarietà con le lotte e i movimenti antimperialisti e anticapitalisti nel Sud del mondo? Ciò richiederebbe un ripensamento dell’Ucraina come un progetto politico socialista antirazzista dal basso e, soprattutto, una critica all’eurocentrismo.

Vittoria ai lavoratori ucraini, solidarietà al movimento russo contro la guerra!


Note dal testo

[i] See the following initiatives and works: Tagungsbericht: Historicizing “Whiteness” in Eastern Europe and Russia, 25.06.2019 – 26.06.2019 Bucharest, in: H-Soz-Kult, 17.10.2019. http://www.hsozkult.de/conferencereport/id/tagungsberichte-8478; Paul Stubbs. 2022. “Colonialism, Racism, and Eastern Europe: Revisiting Whiteness and the Black Radical Tradition 1.” Sociological Forum 37, no. 1: 311–19; Böröcz, József. “‘Eurowhite’ Conceit, ‘Dirty White’ Ressentment: ‘Race’ in Europe.” Sociological Forum 36, no. 4 (December 1, 2021): 1116–34; Daria Krivonos and Anastasia Diatlova. 2020. “What to Wear for Whiteness? ‘Whore’ Stigma and the East/West Politics of Race, Sexuality and Gender.” Intersections EEJSP 6(3): 116–132; Sedef Arat-Koç. 2014. “Rethinking Whiteness, ‘Culturalism,” and the Bourgeoisie in the Age of Neoliberalism” In Theorizing Anti-Racism: Linkages in Marxism and Critical Race Theories, ed. Abigail B. Bakan and Enakshi Dua. Toronto:  University of Toronto Press, 311-339; Agathangelou, Anna M. 2004. The Global Political Economy of Sex: Desire, Violence and Insecurity in Mediterranean Nation States. Basingstoke: Palgrave MacMillan.

[ii] An expanded view of production, as developed by social reproduction feminism arising from Marx’s critique of political economy, includes both production for surplus and various forms of social reproduction—the mental, manual, and emotional labour involved in maintaining existing and future life—as a necessary, integrated process. See Barbara Laslett and Johanna Brenner. 1989. “Gender and Social Reproduction: Historical Perspectives.” Annual Review of Sociology 15: 381-404; Tithi Bhattacharya. ed. 2017.  Social Reproduction Theory: Remapping Class, Recentering Oppression. London: Pluto Press.

[iii] Sue Ferguson and David McNally. 2015. “Precarious Migrants: Gender, Race and the Social Reproduction of a Global Working Class.” Socialist Register (Merlin Press, 2014): 1-23; Jennifer G. Mathers. 2020. “Women, war and austerity: IFIs and the construction of gendered economic insecurities in Ukraine.” Review of International Political Economy 27(6): 1235-1256.

[iv] On ‘differential inclusion’ in North America and Western Europe, please see: Bridget Anderson. 2010. “Migration, immigration controls and the fashioning of precarious workers.” Work, Employment and Society 24(2): 300–317; Judy Fudge. 2012. “Precarious migrant status and precarious employment: The paradox of international rights for migrant workers.” Comparative Law and Policy Journal, 34, 95; Leah F. Vosko. 2019. Disrupting Deportability: Transnational Workers Organize. Ithaca: Cornell University Press;

[v] Taylor Hanna, David K. Bohl, Jonathan D. Moyer. 2021. “Assessing the Impact of War in Yemen: Pathways for Recovery.” United Nations Development Programme, 3-67, 32. https://www.undp.org/publications/assessing-impact-war-yemen-pathways-recovery?fbclid=IwAR2RWLa63a38d7JdxDFHpdaod-#modal-publication-download  

[vi] Jennifer G. Mathers. 2020. “Women, war and austerity: IFIs and the construction of gendered economic insecurities in Ukraine.” Review of International Political Economy 27(6): 1235-1256.

[vii] Council of Europe. 2015. “Joint Interim Opinion on the Law of Ukraine on the condemnation of the communist and national socialist (Nazi) regimes and prohibition of propaganda of their symbols, adopted by the Venice Commission at its 105th Plenary Session,” Venice, 18-19 December. https://www.venice.coe.int/webforms/documents/?pdf=CDL-AD(2015)041-e Accessed March 15, 2022.

[viii] Jennifer G. Mathers. 2020. “Women, war and austerity: IFIs and the construction of gendered economic insecurities in Ukraine”. Review of International Political Economy 27(6): 1235-1256, 1239.

[ix] OSCE Report, April 8, 2019. https://www.osce.org/files/f/documents/d/0/417005.pdf  Accessed March 15, 2022.

[x] Jennifer G. Mathers. 2020. “Women, war and austerity: IFIs and the construction of gendered economic insecurities in Ukraine.” Review of International Political Economy 27(6): 1235-1256, 1236.

[xi] Volodymyr Ishchenko and Yulia Yurchenko 2019. “Ukrainian Capitalism and Inter-Imperialist Rivalry”. In Immanuel Ness and Zak Cope (eds.), The Palgrave Encyclopedia of Imperialism and Anti-Imperialism. Palgrave Maacmilan.

[xii] While I focus here in particular on social reproduction, this sector is one among others such as tourism, seasonal farming, construction, where Ukrainian migrant workers find employment – jobs that are characterized as dirty, dangerous, and precarious.  See also Sara Farris. 2018. “Social reproduction and racialized surplus populations.” In Peter Osborne; Éric Alliez and Eric-John Russell, eds. Capitalism: Concept, Idea, Image – Aspects of Marx’s Capital Today. Kingston upon Thames: CRMEP Books, 121-134.

[xiii] This number has probably fallen in the wake of the Covid-19 pandemic.

[xiv] Daria Krivonos and Anastasia Diatlova. 2020. “What to Wear for Whiteness? ‘Whore’ Stigma and the East/West Politics of Race, Sexuality and Gender.” Intersections EEJSP 6(3): 116–132, 120.

[xv]Alexandra Levitas. 2020. “Care Work During Covid-19: Public Health Implications of Ukrainian Migration into Poland.” CMR Spotlight. 19, 2-5.

[xvi] Anna Safuta. 2018. “Eastern Europeans’ ‘peripheral whiteness’ in the context of domestic services provided by migrant women.” Tijdschrift voor Genderstudies 21(3): 217 – 231, 225. 

[xvii] Researchers have shown that the racialization of Ukrainian migrant workers in Hungary works through the prism of the existing racist discourses about the Roma population in Hungary: “By complementing contemporary economic and social processes with special substitutional and transformational rules, the social attitude towards someone being a stranger from the “Ukraine” appears close to that towards a “Gipsy”. This process is significant as the adaptation of content elements of ethnical categories assists articulation of social differences of the “Ukrainian”, while making the system of structural inequalities stronger in the local society, a process originating in earlier times.” See Borbély Sándor. “The Ukrainian is a nefarious Gipsy” – micro-policy of the foreign immigration in the borderland settlement of Kispalád.” Tér és Társadalom Vol. 29. No. 3.  doi:10.17649/TET.29.3.2708, 4. See also: Tibor Meszmann and Olena Fedyuk. 2019. “Snakes or Ladders? Job Quality Assessment among Temp Workers from Ukraine in Hungarian Electronics.” Central and Eastern European Migration Review 8(1): 75–93.

[xviii] Sara Farris. 2017. In the Name of Women’s Rights: The Rise of Femonationalism. London: Duke University Press.

[xix] Polina Vlasenko. 2015. In (In)Fertile Citizens: Anthropological and Legal Challenges of Assisted Reproduction Technologies, Lab of Family and Kinship Studies Department of Social Anthropology and History University of the Aegean, October, 197-217, 202.

[xx]  PatriciaHill Collins. 2009. Black Feminist Thought: Knowledge, Consciousness, and the Politics of Empowerment. [2nd ed.]. New York: Routledge.

[xxi] I thank my colleagues and friends, Lina Nasr El Hag Ali, Rhaysa Ruas, Brent Toye, and Sophia Ilyniak for discussions around this concept.

[xxii] Nadezhda Husakouskaya and Randi Gressgård. 2020. “Europeanization as Civilizational Transition from East to West: Racial Displacement and Sexual Modernity in Ukraine.” Intersections: East European Journal of Society and Politics 6(3): 74-96, 76.

[xxiii] WEB Du Bois.1935. Black Reconstruction in America, 1860-1880. New York: Harcourt, Brace and Company, 700.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: