Marcinelle e Lampedusa

Nota a margine sull’omicidio razzista di Alika Noi non abbiamo patria è chiamato velocemente ad entrare nel merito della polemica che intercorre in queste ore tra Gianni Letta (leader politico che esprime le necessità dell’anti-razzismo di unità nazionale) e Giorgia Melone circa il paragone tra i morti operai italiani nella strage nella miniera di carboneContinua a leggere “Marcinelle e Lampedusa”

Alika ucciso dal razzismo e dall’”anti-razzismo di unità nazionale”

Alika Ogorchukwu è stato vittima del razzismo due volte. La prima volta, che ha segnato la fine della su vita per mano di un operaio di 32 anni, Filippo Ferlazzo, il 29 luglio a Civitanova Marche. La seconda volta dalla campagna politica e sociale che nega il carattere razzista dell’omicidio e da quella ancora peggioreContinua a leggere “Alika ucciso dal razzismo e dall’”anti-razzismo di unità nazionale””

Roe contro Wade: il caos dopo

Alcuni segnali inquietanti per il modo di produzione capitalistico si manifestano nella società Nord Americana. La crisi della accumulazione mondiale, l’agguerrita concorrenza sui mercati ed i fattori demografici e di calo della popolazione bianca negli Stati Uniti (soprattutto nella popolazione dei bambini) spingono ad una violenza globale contro la donna, richiamata all’ordine oppressivo della suaContinua a leggere “Roe contro Wade: il caos dopo”

La crisi, la finanza creativa e le leggi della fisica

È sempre una questione di fisica e di strumenti di misura. Se poi lo strumento della misura, un elemento prodotto dall’uomo, che deve cercare di perfezionare per necessità, si distingue tra i popoli in diverse unità di misura, non muta la sostanza e non muta il rapporto con le leggi della fisica: lo strumento dellaContinua a leggere “La crisi, la finanza creativa e le leggi della fisica”