Segnali di disfattismo dal fronte interno durante la ritirata Afgana.

Il network anarchico ed internazionalista CrimeThinc riporta questa lettera di un veterano dell’esercito U.S.A. impegnato per dieci anni come soldato di fanteria nella guerra di occupazione imperialista in Afghanistan. E’ una lettera a caldo ed un bilancio sul significato di questa sporca guerra di aggressione al popolo Afghano lunga venti anni oramai nel momento e nel giorno della presa di Kabul da parte dei Talebani.

La lettera è animata da un genuino di disfattismo internazionalista che proviene dall’interno della truppa che è stata trascinata in questa guerra imperialista, voluta dagli Stati Uniti, appoggiata dai paesi NATO e dall’Italia con la loro presenza militare in campo e dagli interessi capitalistici ed imperialisti innanzitutto occidentali. Una guerra di aggressione che non è stata solo contro il popolo Afghano, ma contro tutte le masse lavoratrici e sfruttate dell’area e con l’obiettivo di soggiogare sotto il carro degli interessi delle potenze capitaliste ed imperialiste anche l’insieme dei lavoratori di tutto l’occidente.

Che nel giorno della caduta di Kabul, dell’ingloriosa sconfitta del carro imperialista occidentale unito e degli Stati Uniti, questa piccola voce di disfattismo internazionalista di un ex veterano, impegnato lì in terra Afghana per anni, è un bilancio prezioso da rilanciare.

Non è una unica voce isolata. E’ ampio negli States il panorama delle organizzazioni antimilitariste dei Left Flank Vets composte da veterani delle guerre Amerikane. Veterani che abbiamo anche visto in campo ed in prima fila a Portland durante le notti di rivolta contro il razzismo sistemico e della polizia (locale e federale) nella lunga estate del 2020.

Al di là delle inevitabili approssimazioni, al di là che nel frattempo che un movimento internazionalista sorga generalizzato il veterano autore dello scritto inviti ad impegnarsi nell’aiuto umanitario della popolazione Afghana umiliata ed affamata da venti anni di guerra e di occupazione imperialista (che sappiamo nonostante la buona volontà è embedded al sistema di dominazione imperialista), questo scritto costituisce una testimonianza preziosa, genuina, finalmente ribelle, che emerge dal profondo di un sistema imperialista e capitalista che sempre più appare, come dice questo veterano dell’esercito, ad un “mazzo di carte in attesa di cadere, a cominciare dal cuore della belva.

Il blog Noi non abbiamo patria riporta qui di seguito la traduzione italiana della lettera che potete leggere in originale sul sito dei compagn* di CrimeThinc qui.


La vittoria dei talebani in un contesto globale

Mentre scrivo, i talebani hanno preso il controllo di Kabul e quindi dell’intero Paese afghano. Il presidente Ashraf Ghani, sostenuto dagli Stati Uniti, è fuggito in Tagikistan, mentre i membri dell’esercito afghano fuggono nei paesi vicini o si arrendono ai militanti talebani. Solo pochi giorni fa, i funzionari dell’intelligence statunitense avevano previsto che sarebbero trascorsi almeno 30 giorni prima della caduta di Kabul, poiché il presidente Biden ha schierato 5000 soldati statunitensi per proteggere l’evacuazione dell’ambasciata e del personale statunitensi. Ora il Dipartimento di Stato sta esortando i restanti cittadini statunitensi a rifugiarsi sul posto, a non precipitarsi all’aeroporto di Kabul per l’evacuazione di emergenza. Mentre il fumo di documenti riservati bruciati e gli spari diffondono una foschia all’orizzonte di Kabul, tutti stanno pensando alla caduta di Saigon a favore dell’Esercito del Vietnam del Nord e del Fronte di Liberazione Nazionale.

Non posso celebrare la vittoria dei talebani. Mentre hanno combattuto un’occupazione imperialista e capitalista, rappresentano il peggio del fondamentalismo religioso, del patriarcato e della gerarchia. Tuttavia, è sorprendente vedere il sipario tirato indietro in modo così toccante, rivelando l’eccezionalità militare americana per quello che è. Vent’anni di soldi sprecati, giovinezza e sangue.

Sono un veterano dell’occupazione dell’Afghanistan. Tutto ciò che sto per dirti deriva dalla mia esperienza diretta al servizio dell’impero come soldato di fanteria per dieci anni.

Mi sono iscritto per tutti i motivi che hai visto negli annunci di reclutamento. In qualità di analista dell’intelligence e sottufficiale, ho gestito e guidato squadre, squadre e unità di soldati. Sulla base della mia esperienza con la sorveglianza aerea e la ricognizione, sono stato reclutato per entrare a far parte di una società appaltatrice della difesa. Le società di difesa per cui ho lavorato includevano L3, Boeing e Lockheed Martin. Ho addestrato unità negli Stati Uniti e in Afghanistan per oltre tre anni e sono stato schierato in Afghanistan tre volte per quelle compagnie. Mi sono anche schierato in Afghanistan come parte della squadra operativa per un’unità che gestisce una delle più grandi basi nel sud dell’Afghanistan.

Sulla base di ciò che ho visto, le operazioni antiterrorismo statunitensi riguardano principalmente la creazione di mercati per le tecnologie e i prodotti militari statunitensi e la protezione delle risorse per l’impero statunitense. Per 20 anni abbiamo sostenuto i signori della guerra locali e regionali, dando loro armi, denaro e armi in modo che non attaccassero le nostre forze. Abbiamo dato il via libera ai loro squadroni della morte e li abbiamo chiamati la polizia locale afgana. Lavorando a livelli di alto livello, ho visto sia gli ufficiali di grado elevato che i soldati minori arrampicarsi per riempire i loro curriculum nella speranza di diventare mercenari per le aziende e le agenzie che stavano effettivamente conducendo lo spettacolo. I generali hanno fatto carriera e sono stati assunti da quelle società o dal Dipartimento della Difesa/Comunità dell’intelligence. Dalla Siria e dall’Iraq allo Yemen e in tutta l’Africa, attraverso le nostre 800 basi militari, Non conosco una singola missione militare che si concentri principalmente sulla creazione di pace e stabilità.

Ho partecipato a questo per troppo tempo e desidero essere responsabile, anche se so che non c’è modo di fare veramente ammenda.

C’è voluta la morte di uno dei miei soldati per mettere tutto in prospettiva. In seguito, ho iniziato a soffrire degli effetti del CPTSD [Disturbo Post-Traumatico da Stress Complesso]. Le caratteristiche classiche: consumo di alcol e droghe, perdita di relazioni, depressione, tendenze suicide. Ho anche iniziato a chiedere aiuto. Mi sono unito a Iraq Veterans Against the War e mi sono connesso con i membri del servizio attuale ed ex che combattono l’imperialismo USA. Con le informazioni della GI Rights Hotline, sono stato in grado di lasciare le riserve dell’esercito. Ho iniziato un processo di politicizzazione in cui ho imparato a conoscere il militarismo, l’imperialismo, il colonialismo e la supremazia bianca.

Ora che l’occupazione è finita, un’intera generazione di veterani dell’esercito americano sarà costretta a chiedersi a cosa servisse. Tutto quello che posso fare è chiedere perché ci hanno messo così tanto tempo per arrivare a questa domanda. Era sempre evidente, intorno a noi.

Durante la mia permanenza in Afghanistan, non abbiamo mai controllato il territorio al di fuori delle nostre basi e avamposti, e spesso abbiamo trovato il nemico all’interno delle nostre stesse mura. I talebani hanno condotto con successo una contro-insurrezione per vent’anni. Mantennero un governo ombra, riscuotevano tasse, risolsero controversie sociali, culturali ed economiche e manovrarono e conquistarono il territorio, aspettando il loro tempo per tutto il tempo.

Perché i talebani sono stati in grado di aspettare la fine dell’occupazione e riconquistare il potere così facilmente?

I talebani hanno beneficiato delle strutture tribali ed etniche dell’Afghanistan, una complessa rete di alleanze e legami sociali e culturali che le forze USA/NATO non sono mai state del tutto in grado di comprendere. L’Afghanistan, come altri stati-nazione dell’ex impero britannico, è stato creato senza considerare i dati demografici etnici e religiosi. Il risultato fu una popolazione composta da Pashtu, Tagiki, Hazara, Uzbeki, Aimak, Turkmeni e Beluci, gruppi con una vasta gamma di culture e pratiche. Alcuni hanno trovato facile allearsi con la NATO, mentre altri sono stati fermamente contrari.

I talebani erano quasi interamente Pashtu, il gruppo etnico dominante dell’Afghanistan, con il 40-50% della popolazione. Il popolo Pashtu esiste su entrambi i lati del confine dell’Afghanistan con il Pakistan e lungo la parte meridionale del paese. Le loro connessioni sociali e tradizioni si estendono oltre i confini coloniali del paese, rendendo facile per loro spostarsi tra i rifugi sicuri in Pakistan, sfruttando una lacuna nel controllo militare della NATO.

Quando ripenso ai molti momenti che hanno illustrato il motivo per cui la guerra è stata inutile, ricordo il mio tempo al Kandahar Airfield, una base che ospita almeno 22.000 soldati, appaltatori e civili. Lì ho appreso che il comandante del distretto ombra talebano era il cognato del generale in carica dell’aeronautica afgana. In considerazione dell’importanza delle relazioni tribali e familiari nella cultura Pashtu, era ovvio che le alleanze del generale al governo appoggiato dalla NATO non avrebbero mai avuto la precedenza su queste relazioni. Le connessioni tra quei due signori della guerra, anche se formalmente erano considerati combattenti nemici, assicuravano che nessuno dei due avrebbe cercato di sconfiggere l’altro. Ho incontrato più volte questo tipo di interconnessione tra presunti nemici, dalle mie interazioni con i cittadini comuni fino all’allora presidente afghano Hamid Karzai.

I talebani hanno anche provveduto alle persone. La legittimità dei talebani è radicata nella loro capacità di fornire protezione e guida religiosa, prima dell’invasione statunitense di anni. I loro mullah risolsero le controversie sociali, culturali ed economiche nelle aree sotto il loro controllo. Hanno raccolto le tasse e controllato l’agricoltura durante la guerra. Hanno anche compiuto atti di estrema violenza, ed è così che hanno preso piede in territori che non avevano controllato prima della guerra.

L’occupazione statunitense non è riuscita a diminuire la resistenza dei talebani per vent’anni perché non c’era mai stato un momento in cui la maggioranza della popolazione considerava legittime le forze di occupazione. Bombe e proiettili da soli non sono in grado di vincere una guerra contro una determinata popolazione. Al contrario, il governo e l’esercito sostenuti dagli Stati Uniti erano completamente egoisti e corrotti. Essendo motivate principalmente dal guadagno personale, le forze della NATO hanno combattuto le loro battaglie intorno alle metriche: erano più preoccupate per il numero di progetti, per le vittime, per i soldi spesi o per i soldi risparmiati. Trascorrendo del tempo nel paese in rotazioni di schieramento relativamente a breve termine, non sono mai stati in grado di creare fiducia o rispetto. Nuove unità e nuove persone si presentavano costantemente senza alcuna idea di dove fossero o cosa fosse stato fatto prima. Questa mancanza di rispetto è stata così essenziale che durante una insurrezione del 2012, gli attacchi interni (attacchi delle forze governative afgane contro le forze della NATO) hanno rappresentato oltre il 14% delle vittime totali.

Alla fine, i talebani sono riusciti a prendere il controllo perché hanno capito che l’essenziale per vincere una lotta contro l’occupazione coloniale è sopravvivere a una guerra di logoramento. Per vent’anni, dimostrando l’inefficacia di un governo corrotto sostenuto dalla NATO, hanno mantenuto i sistemi di controllo normativi e gerarchici che avevano stabilito prima dell’invasione statunitense.

Ma il fondamentalismo dei talebani non è stato essenziale per il loro successo. Gli imperi crollano dalle loro estremità verso l’interno: il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan è parte di un processo più ampio in cui l’influenza geopolitica degli Stati Uniti si sta erodendo in tutto il mondo. Lo stato cinese potrebbe acquisire potere nella regione; potremmo assistere a crescenti lotte di potere tra India e Pakistan. La domanda è cosa verrà dopo, in Afghanistan e nel mondo.

In questo momento storico, nel cuore dell’impero americano, vedo un movimento conservatore in ascesa con molte idee e politiche che riflettono lo stesso fondamentalismo, patriarcato e gerarchia che caratterizzano i talebani. Le opinioni che ho visto espresse dall’ala destra riguardo ai corpi delle donne, alle comunità LGBTQIA+, ai migranti e a chiunque sia ritenuto outsider si allineano con la visione del mondo violenta giustificata dai dogmi religiosi dei talebani.

Negli Stati Uniti, la destra autoritaria sta diffondendo un mito della vergogna attorno al maschio americano, una mitologia sulla sostituzione, la femminilizzazione, la sconfitta, la perdita di controllo e potere. Hanno sviluppato questa mitologia per anni e la sconfitta in Afghanistan non farà che aggiungere benzina sul fuoco. La violenza e l’odio che abbiamo visto nelle strade in anni di mobilitazioni fasciste sono la diretta conseguenza di una nazione che ha glorificato le bugie di una guerra persa. I “patrioti” e i ragazzi orgogliosi che indossano le toppe degli squadroni della morte di destra non sono molto lontani dagli squadroni della morte del fondamentalismo talebano.

Ho visto i liberali andare al passo con questa stessa macchina da guerra imperiale. Per quanto riguarda le loro idee sul militarismo e la polizia, si schierano fianco a fianco con la destra fascista e, a prescindere dal loro progressismo, non hanno fatto nulla per portare una vera sicurezza per le nostre comunità. È istruttivo che due presidenti repubblicani e due democratici abbiano supervisionato questa guerra. Un’amministrazione dopo l’altra ha ampliato il potere del ramo esecutivo, mentre i budget per la difesa e la sicurezza degli ultimi due decenni hanno dissanguato le nostre comunità.

Gli Stati Uniti hanno speso migliaia di miliardi di dollari in armi. Molti di questi sono finiti nelle mani dei talebani e dell’ISIS; altri sono stati riportati e schierati contro le comunità del Nord America, specialmente contro i neri e marroni e gli indigeni. I proletari che hanno incendiato le stazioni di polizia e combattuto le battaglie di strada di un’insurrezione non così lontana si sono trovati contro le stesse forze, strategie, tattiche e mentalità sviluppate per sorvegliare l’Afghanistan.

Ormai da un’intera generazione, la Guerra Globale al Terrorismo iniziata in Afghanistan è stata sia sfruttata che mercificata. Le persone che non hanno mai nemmeno partecipato al conflitto hanno acquistato materiali di marca per realizzare il LARP [n.d.r. live action role play – gioco dal vivo tra centinaia di persone che in costumi d’epoca giocano a fare la guerra con spade, lance e scudi nei parchi cittadini o di campagna] dei loro sogni febbrili della cultura guerriera. Un intero settore della popolazione ha interiorizzato il culto tossico della morte maschile del patriottismo e del nazionalismo. Ora quella facciata è stata messa a nudo e sto osservando mentre l’identità di questa generazione, costruita attorno alla loro vicinanza e partecipazione alla guerra, si sgretola intorno a loro. I liberali incolperanno inevitabilmente i conservatori e viceversa, mentre il processo di polarizzazione politica si intensifica ed entrambe le parti cedono il loro futuro a diversi tipi di autoritarismo nella speranza di mantenere l’illusione della stabilità.

Se la vittoria dei talebani dimostra qualcosa, è che l’impero americano è un mazzo di carte in attesa di cadere. È capace di violenza estrema, di uccidere nei modi tecnologicamente più avanzati conosciuti dall’umanità. È capace di estrema crudeltà. Ma è comunque una tigre di carta, incapace di conquistare i cuori e le menti delle persone, indipendentemente dall’intensità dell’intervento o dalla durata dell’occupazione.

Turtle Island ha visto oltre 500 anni di resistenza all’occupazione e, indipendentemente da quanti anni ancora ci aspettano, dovrebbe essere chiaro che anche noi vinceremo. Le conseguenze dell’Afghanistan non saranno solo la sconfitta di un regime fantoccio corrotto e indesiderato, ma si ripercuoteranno in molte aree di questo impero in rovina per gli anni a venire.

Un’intera generazione di individui esperti di combattimento ha imparato a proprie spese che la nostra partecipazione al governo imperialista era basata su errori. Abbiamo già iniziato a reinvestire le nostre conoscenze ed esperienze in comunità focalizzate sulla liberazione effettiva.

Ma cosa verrà dopo? Se la vittoria dei talebani in Afghanistan è indicativa, ciò che succede all’impero statunitense potrebbe essere il fondamentalismo o il nazionalismo oppressivo. Dovremmo chiederci come potremmo combattere l’ordine regnante in modo tale che non venga sostituito dall’equivalente dei talebani quando crollerà altrove.

I nemici delle nostre comunità e del futuro che desideriamo hanno assorbito anche i veterani scontenti e stufi dell’occupazione. La loro rabbia, radicata nella suddetta vergogna, si esprime nella violenza piuttosto che nella solidarietà. Hanno già tentato un colpo di stato per il bene della loro visione autoritaria. Gli eventi in Afghanistan li motiveranno ulteriormente. Possiamo aspettarci di vedere ex soldati, operatori delle forze speciali e mercenari mobilitarsi contro i loro presunti nemici e compiere singoli atti di terrorismo. Questo è ciò contro cui ci confrontiamo.

Il cambiamento climatico, la polarizzazione politica, la crisi economica, lo sgretolamento dell’impero americano e i disordini sociali in ebollizione non stanno tutti davanti a noi come fenomeni individuali, ma come un’unica sfida composta da disastri interconnessi. Possiamo trarre ispirazione dalle sconfitte dei nostri avversari nel governo degli Stati Uniti e imparare dai successi di coloro che vi resistono ovunque pur mantenendo un’opposizione permanente a tutte le forme di oppressione. Il mio cuore si riversa per il popolo afghano che da generazioni subisce i traumi della guerra. Stiamo parlando dell’eredità di una terra e di una popolazione eterogenea di persone che hanno ripetutamente sconfitto gli imperi più potenti della storia del mondo. Spero che trovino la forza per andare avanti e, alla fine, per raggiungere la vera liberazione, la vera sicurezza. Spero che quelli di noi qui negli Stati Uniti, comprendendosi come parte di un movimento internazionale, trovino la forza di fare tutto il necessario nel cuore di questo impero malvagio per costruire un nuovo mondo sulle rovine del vecchio.

Ora è il momento di ascoltare il popolo afghano, di sostenere i rifugiati, di sostenere “le organizzazioni umanitarie” e di inveire contro i responsabili della catastrofe degli ultimi vent’anni, per aprire i nostri cuori a nuove possibilità e nuovi potenziali complici, per sviluppare l’abilità e la mentalità che ci terranno al sicuro mentre avanziamo verso l’ignoto.

Se tu o i tuoi familiari state attualmente prestando servizio nell’esercito degli Stati Uniti, contattate la GI Rights Hotline al numero 1-877-447-4487 o semplicemente AWOL. Non c’è bisogno di stare al servizio di un fronte violento per le armi e le corporazioni della difesa. Non c’è motivo di morire per il loro bene, e non c’è assolutamente motivo di fare ai poveri del mondo quello che abbiamo appena trascorso negli ultimi due decenni a fare al popolo afgano.

Una opinione su "Segnali di disfattismo dal fronte interno durante la ritirata Afgana."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: