La rivolta di Haifa: un report da un testimone oculare

Gli Shabab, i giovani che combattono per le strade, i ragazzini che erigono barricate contro la polizia e danno fuoco ai cassonetti della spazzatura, sono completamente alienati da ogni forma di forza politica; lavorano in piccoli gruppi informali ed a molti di loro non frega un cazzo della politica. Provengono dagli estremi confini della società palestinese del 1948, diretta conseguenza del tentativo sionista di ridurre questa società al caos interno. Sono gangster, trafficanti di droga, fuorilegge di ogni tipo, giovani senza futuro dei villaggi, delle città e dei quartieri più poveri della Palestina, i lumpenproletariat, e – la cosa più importante –  sono completamente incontrollabili. La politica tradizionale di organizzazioni, partiti politici, leader religiosi rispettabili e ONG non significa nulla per loro.

La nuova generazione in Palestina non ha più nulla da perdere. Anche secondo il famigerato Shin Bet di Israele, sono davvero ingovernabili. Ogni volta che una rivolta o un’insurrezione sfugge al controllo, le autorità e le agenzie di sicurezza cercano adulti “responsabili”, rispettati “leader della comunità” per pacificare la situazione. Ma quando investi così tanto potere nel distruggere una società dall’interno a tal punto, crei un nemico con cui non puoi negoziare, perché non ha paura di te e non ha nulla su cui contare o su cui sperare. Non si torna alla normalità. E vengono completamente diffamati...

Anonimo giovane israeliano di Haifa che ha partecipato, assistito e parteggiato con le rivolte dei giovani palestinesi durante le giornate di inizio maggio 2021

Quello che segue è la traduzione italiana di Noi non abbiamo patria di questa preziosa testimonianza circa le giornate della rivolta dei giovani e sfruttati palestinesi all’interno delle città di Israele, nella “Palestina del 1948” – ossia i territori sottratti al popolo palestinese per la realizzazione dello stato di Israele – e nelle città e villaggi della “Palestina 1967” – ossia i territori successivamente occupati militarmente da Israele nel 1967.

I compagni di Crimethinc (cui il blog Noi non abbiamo patria manda un saluto di solidarietà militante, in quanto continuamente essi sono sotto la lente costante della FBI e della censura dei vari social media), hanno intercettato questo preziosissimo contributo sui fatti cruciali ed importanti accuduti nei confini di Israele in quei giorni, che offre anche alcune riflessioni sulla vera natura dei riots (proletari) e la loro natura profonda che “è anche, ovviamente, una forma di lotta di classe, al di là della normale caratterizzazione come conflitto etnico“.

L’articolo originale inglese di questo anonimo giovane di Haifa è visionabile sul loro sito.

L’articolo del giovane isrealiano di Haifa ha il pregio di proporre un filo di riflessioni e di ragionamenti nel momento in cui, come egli stesso definisce, la situazione è tornata sotto controllo. Riflessioni e ragionamenti che appariranno indigesti ed oltraggiosi a coloro che per continuare a stare nella “comfort zone” di un anticapitalismo asfittico tinteggiato da un rosso proletario sempre più sbiadito e parolaio. In sostanza a quelli che hanno guardato all’incendio del terzo distretto di polizia di Minneapolis durante le prima ore del 29 maggio 2020 ed agli altri roghi successivi dell’estate nelle cento città degli USA durante la rivolta per George Floyd, come elementi estemporanei e di fatto che nulla producono e nulla esprimono circa l’avanzamento di una lotta di classe dalle forme nuove determinata dalla crisi generale del mondo capitalismo ed esercitata da un nuovo mostro proletario meticcio che è senza riserve.

Il giovane battagliero isrealiano di Haifa, dalla parte degli oppressi palestinesi, ha anche il coraggio ed il merito di affermare quanto sfugge ai più: Haifa e Minneapolis hanno molto in comune. E Noi non abbiamo patria oltre a condividerne l’intuizione, aggiunge che anche la notte di Napoli del 23 ottobre 2020, dei uagliò in miezz a via – proletari senza riserve, mezzi occupati, sotto occupati, a nero nel mercato capitalistico, lecito ed illecito della camorra – sono nel mezzo cronologico di questa catena di eventi, tutti alla stessa stregua prodotti di una insorgente crisi generale capitalistica economica e delle sue condizioni materiali della riproduzione della vita e di tutte le relazioni sociali.

Il blog riconosce all’anonimo giovane coraggioso israeliano di Haifa, dalle evidenti simpatie anarchiche, di non scivolare mai sui paludosi percorsi, cui tanto vecchio anarchismo e soprattutto la gran parte delle varie correnti storiche del movimento comunista obsolescenti, finiscono nel guardare il mondo sotto l’ottica visuale di uno scontro tra modelli “etici” – fascismo e anti fascismo, autoritarismo e anti autoritarismo – cui parteggiare nelle fila dei tanti anti come punto di partenza più favorevole per una rivoluzione proletaria realmente anti capitalista. La riflessione che ci arriva da Haifa, di fronte alla crescente mobilitazione dal basso fascista di settori sociali ebrei contro i palestinesi, ci conferma che non è il fascismo di Israele il problema principale, non sono le organizzazioni fasciste originate dalle ideologie più estreme del sionismo, bensì il peggior nemico e responsabile della pulizia etnica della Palestina oggi e del continuo massacro di proletari e sfruttati palestinesi è il governo democraticamente eletto, l’esercito democratico di Israele.

Ci dice inoltre, che sebbene non tutti gli atti compiuti dal lumpenproletariat palestinese siano condivisibili o da ritenere opportuni, ci spiega cosa erano e quale funzione avessero la maggior parte delle sinagoghe attaccate. In sostanza, lui stesso dovrebbe riconoscere, come già abbondantemente fa, che in una realtà sociale dove l’apartheid e la ghettizzazione degli arabi palestinesi ha raggiunto limiti estremi, le iniziali rivolte proletarie possono rappresentarsi con i caratteri esteriori del nazionalismo anche all’interno del fronte degli oppressi. Ma saranno nuovi giovani proletari israeliani in “formazione spontanea”, che gettando ogni paura e remora – come l’autore di questo report di fatto è espressione – nello stare dietro le stesse barricate tirate su dai giovani proletari senza riserve dalle tinte esteriori nazionaliste che accenderanno di nuova luce. Non sarà un partito comunista dall’alto, finalmente puro, pre confenzionato e con tanto di codice merceologico ad istruire proletari palestinesi e proletari ebrei su come stare insieme, nemmeno espedienti tattici di azione diretta che talvolta scadono in un professionalismo dei ruoli durante le rivolte in strada e nelle battaglie con la polizie e gli eserciti. Sarà il portato della modo di produzione capitalistico attanagliato da una crisi generale, storica e sistemica a scrivere il canovaccio cui i proletari interpreteranno il ruolo della rivoluzione attraverso nuove forme, nuove connessioni sociali, nuove forme di solidarietà, e nuovi spazi di vita e relazioni umane “inventate”.

Non siamo già al domani, ed il tempo stringe e la strada ardua e faticosa, ma, grazie di cuore Haifa!

Ed anche se non condividete queste considerazioni del blog, raccomando la lettura del report da Haifa qui di seguito.


Durante l’ultimo mese, una rivolta popolare è sorta in tutto il paese in Palestina e nelle comunità di rifugiati all’estero. È scoppiata a Gerusalemme, si è diffusa in villaggi, città e quartieri palestinesi nella “Palestina 1948” (cioè, il cosiddetto Israele), e infine in West Bank, Gaza, campi profughi dei paesi vicini e davanti ai consolati israeliani ovunque. Per la prima volta da decenni, i palestinesi hanno dimostrato che non solo esistono ancora, sono uniti e disposti a resistere, nonostante tutti i tentativi di Israele di dividerli e schiacciare il loro spirito. I primi giorni della rivolta sono stati guidati dai “palestinesi 1948”, quelli dei territori occupati nel 1948. Essi a volte sono chiamati anche “arabi israeliani” e che hanno la cittadinanza israeliana. Le proteste si sono svolte in molte città arabe e miste nella cosiddetta Israele. Parlerò soprattutto di Haifa, la città dove vivo e testimoniando gli eventi così come si sono manifestati.

Questo articolo sarà diviso in alcune parti. È fondamentale per me fornire alcune informazioni sulla situazione attuale, nonché un po’ di storia dei palestinesi del 1948 e della resistenza fino ad ora all’apartheid e all’occupazione israeliane. Posso solo fare un breve riassunto, non sono un esperto né uno storico ed esiste già abbastanza materiale sull’argomento. Per comprendere la questione palestinese, consiglio vivamente il libro La pulizia etnica della Palestina di Ilan Pappé, un eccellente rapporto sulla Nakba del 1948 e su come si è formato lo stato sionista. Dopo lo sfondo, presento i miei resoconti come testimone oculare degli eventi nella mia città, Haifa, e anche di alcuni altri punti di resistenza, la contro insurrezione fascista, la repressione e altri importanti eventi accaduti durante il mese. Per concludere, condividerò alcune riflessioni sulla situazione attuale. Alla fine: una guida sul campo al fascismo israeliano! Cose divertenti! Restare in zona.

sfondo

Il posto migliore per iniziare a parlare riguardo la Palestina 1948 e la Palestina in generale è la Nakba (“Catastrofe” in arabo), in cui le milizie di occupazione sioniste invasero la terra nel 1948, distrussero villaggi, massacrarono la popolazione locale e provocarono espulsioni e sfollamenti di massa, portando a una delle più grandi crisi di rifugiati della storia. Circa 700.000 persone hanno lasciato la terra, senza mai poter tornare. Molti di loro aspirano ancora a tornare nella patria dei loro antenati o di quelli dei loro antenati. Non lontano da dove vivo ad Haifa, in una strada che porta dal quartiere di Hadar al centro, è iniziato l’attacco alla Haifa araba. I militanti sionisti hanno lanciato barili esplosivi lungo la strada per bombardare i quartieri arabi. La ripida geografia della città era a loro vantaggio, poiché dall’alto delle colline potevano attaccare i quartieri arabi situati sotto.

Solo di recente, quando ho iniziato a conoscere davvero la storia non raccontata di questa città, ho scoperto tutte le storie dell’orrore. Nell’indottrinamento sionista a scuola, ti vengono insegnate solo le coraggiose “guerre di liberazione” che gli uomini ebrei hanno combattuto contro il terrore; a volte ti viene persino insegnato che questa terra era completamente vuota. Ho saputo del massacro nella fabbrica della raffineria di petrolio, che dopo che la Palmah, una milizia sionista, ha lanciato una bomba contro un operaio arabo radunato all’esterno, uccidendo sei persone e ferendone 42, i lavoratori hanno preso d’assalto l’edificio e ucciso 39 dei loro compagni lavoratori ebrei. 

Haifa è sempre stata una città operaia con una forte solidarietà operaia, anche nei momenti più difficili, e questa aggressione ha danneggiato gravemente quel rapporto. In un atto di vendetta, I militanti di Palmah, una milizia sionista, hanno invaso i villaggi vicini, Balad al-Sheikh e Hawasa, e hanno massacrato più di 60 persone. Ho appreso del bombardamento e del terrore sionista nei quartieri arabi, in particolare Wadi Salib, Wadi Nisnas, Halisa e l’intera area del centro. Ho appreso come quando le persone si sono radunate nel porto per evacuare dalla città, le milizie sioniste sui pendii delle montagne che dominano la folla hanno bombardato la zona, provocando panico e caos, per assicurarsi che le persone che partivano non avessero ripensamenti sul tornare indietro.

Circa 61.000 palestinesi hanno lasciato la città. Alcuni se ne sono andati temporaneamente, sperando di tornare quando la situazione si fosse calmata, solo per rendersi conto che c’erano nuovi confini e che non avrebbero mai potuto tornare alle loro case. I 4000 palestinesi che sono riusciti a rimanere ad Haifa nonostante la campagna di pulizia etnica si sono concentrati nel quartiere di Wadi Nisnas, un quartiere palestinese di Haifa ancora oggi. Questa ghettizzazione era necessaria per stabilire la città ebraica. La legge sulla proprietà dell’assenteismo, una delle prime leggi del neonato Stato, consentiva allo Stato di dichiarare proprietà dello Stato le terre e le case dei rifugiati fuggiti nei vicini paesi “ostili”, e molti di quei quartieri erano occupati dai nuovi arrivati immigrati ebrei, come Wadi Salib ad Haifa, che divenne popolata da ebrei marocchini. Nei primi anni dello stato, la legge marziale fu imposta alla popolazione palestinese sopravvissuta alla Nakba. Il governo militare ha permesso allo stato di imporre il coprifuoco, la confisca delle proprietà, la demolizione degli edifici, l’espulsione dei residenti, l’espropriazione di terreni e la limitazione dei movimenti. Il punto era colonizzare il più possibile la terra, massimizzando gli insediamenti ebraici e limitando i palestinesi. La legge marziale terminò nel 1966 e un anno dopo, nel 1967, Israele occupò West Bank, la Striscia di Gaza, le alture del Golan e la penisola del Sinai. West Bank e la Striscia di Gaza, a differenza dei territori occupati nel 1948, non sono mai diventati ufficialmente parte di Israele e la loro occupazione doveva essere “temporanea” fino a quando non fosse stato raggiunto un futuro accordo tra Israele e una leadership palestinese. In questi territori è stato stabilito il dominio militare e sono stati costruiti molti insediamenti ebraici, alcuni dei quali popolati dalle frange razziste più radicali dell’estrema destra israeliana.

La storia della resistenza dei palestinesi del 1948 è caratterizzata dalla commemorazione annuale di eventi che significano momenti di coraggio e resilienza collettivi palestinesi. Oltre al giorno della Nakba, commemorato ogni anno il 15 maggio, uno di questi eventi è il Giorno della Terra. Il 30 marzo 1976, i palestinesi della Galilea e del Negev insorsero contro un piano di espropriazione delle terre da parte di Israele inteso a promuovere la giudaizzazione della Galilea e rubare la terra ai palestinesi. Fu annunciato uno sciopero generale e si verificarono disordini in molte città e villaggi sia di quelli del 1948 che in quelli del 1967 della Palestina. La polizia non è riuscita a gestire gli eventi e l’esercito è entrato. Sei manifestanti sono stati uccisi, tre dei quali nella città di Sakhnin. Da allora, l’evento viene commemorato ogni anno con marce ed eventi in tutta la Palestina.

Un’altra sequenza importante nella storia della resistenza popolare è conosciuta come gli eventi dell’ottobre 2000. Durante la seconda intifada, le proteste iniziate a Umm al-Fahm si sono diffuse in molte città del paese, con massicce rivolte e aspri combattimenti contro le forze di polizia. A Wadi Arra, Nazareth, Haifa, Jaffa, Galilea, Negev e molti altri villaggi e città arabe e miste, i manifestanti hanno bloccato le strade, lanciato bottiglie molotov e pietre e attaccato le stazioni di polizia. Quella è stata una delle tante volte in cui i palestinesi hanno mostrato una unità tra i palestinesi delle terre del 1948 e quelle del 1967 che combattevano insieme, come un unico popolo, nonostante tutti i tentativi di israelizzazione e divisione.

Ma c’è stata anche una massiccia mobilitazione in reazione. Folle di ebrei israeliani si sono ribellate nelle città ebraiche e miste, attaccando i palestinesi e le imprese palestinesi. Dodici palestinesi sono stati uccisi durante gli eventi e un ebreo israeliano. Nonostante le indagini, nessuno è mai stato punito per gli omicidi e tutti i casi contro gli agenti di polizia sospettati degli omicidi sono stati chiusi.

Dopo l’ottobre 2000, molti dei giovani della Palestina 1948 si sono dati alla criminalità e le armi hanno cominciato a comparire nei villaggi, nelle città e nei quartieri arabi. La questione dell’attività criminale è molto dolorosa e distruttiva nella Palestina 1948; sta letteralmente uccidendo la società dall’interno. Nel 2020, 113 palestinesi sono stati uccisi in attività legate alle bande; le organizzazioni criminali hanno letteralmente preso il controllo di città e villaggi. Solo pochi mesi fa ci sono state proteste contro la violenza nelle città arabe, alcune delle quali sono state attaccate dalla polizia. Un numero enorme di armi si trova nelle città palestinesi e sembra che lo stato ne sia completamente felice. Interverranno non appena gli ebrei saranno minacciati e ne faranno una situazione terroristica, ma consentiranno agli arabi di uccidersi a vicenda. Molti giovani senza futuro e senza un posto dove andare si stanno rivolgendo al crimine, e lo stile di vita criminale è diventato una sorta di sottocultura. La questione delle armi giocherà un ruolo importante nell’attuale rivolta.

Quest’anno, a Jaffa, il 18 aprile 2021, un rabbino e un manager di una yeshiva ebraica sono stati attaccati da dei palestinesi locali. Questa yeshiva è conosciuta in Israele come “nucleo della Torah“: si tratta di gruppi di coloni e attivisti di destra, di solito da West Bank, che vengono nei quartieri palestinesi e nelle città miste per fondare sinagoghe e yeshiva e costruire comunità ebraiche per la campagna di colonizzazione e giudaizzazione della zona. È importante ricordare che la yeshiva è stata costruita ad Ajami, uno degli ultimi quartieri palestinesi rimasti a Jaffa. La storia dei palestinesi a Jaffa, come in qualsiasi altra parte della Palestina, è una storia di espropriazione ed esclusione, e a Jaffa questo è stato accompagnato dalla gentrificazione e dal crimine. I media hanno presentato l’evento come un attacco insensato contro un rabbino ebreo.

Per comprendere l’attuale esplosione, è necessario comprendere l’importanza di Gerusalemme per la coscienza collettiva palestinese. La città è una massiccia roccaforte di resistenza, vista come un luogo da difendere a tutti i costi. Molte rivolte di massa sono scoppiate a Gerusalemme, inclusa la seconda intifada, scoppiata dopo che Ariel Sharon, allora ministro della Difesa, ha visitato il complesso di Al-Aqsa, che è stata vista come una seria provocazione.

Comprendere Gerusalemme significa comprendere gran parte della mentalità sionista e della resistenza palestinese. Dopo l’occupazione del 1948, la città fu divisa in una parte occidentale, sotto il controllo israeliano, e una parte orientale, sotto il controllo giordano. Dopo l’occupazione del 1967, la città si “riunì” e i palestinesi ricevettero la residenza permanente. La “riunificazione” di Gerusalemme si celebra ogni anno in Israele; la data ebraica dell’occupazione è una festa nazionale, contrassegnata da una “parata della bandiera” in cui molti israeliani marciano dal centro della città ed i partecipanti di destra entrano nel quartiere musulmano della città vecchia, sventolando bandiere e gridando slogan razzisti, con la protezione della polizia.

Gerusalemme è un laboratorio per l’apartheid e il colonialismo dei coloni. I quartieri palestinesi nella parte orientale della città sono completamente trascurati. I campi profughi abitati da coloro che sono fuggiti nel 1948 e ai quali è vietato tornare alle loro case originali si trovano vicino a quartieri arabi poveri e gli insediamenti ebraici, circondati da mura. Questi sono ghetti densi e poveri. Alcune parti non sono nemmeno collegate alla rete fognaria. I permessi di costruzione non vengono quasi mai concessi agli arabi, quindi la maggior parte delle costruzioni è illegale. In mezzo a tutto questo, ci sono coloni razzisti israeliani con un chiaro piano per giudaizzare Gerusalemme est e renderla come l’Occidente.

Il complesso di Al-Aqsa, o Monte del Tempio, è una delle regioni più esplosive del mondo. La moschea, uno dei luoghi più sacri dell’Islam, è una roccaforte della resistenza, un simbolo nazionale e un’area di tensione etnica. Dopo che la polizia israeliana ha deciso di mettere barriere a Bab al’Amud, uno degli ingressi, e di limitare il numero dei fedeli a 10.000, sono scoppiate rivolte, con molti manifestanti che hanno attaccato la polizia, dato fuoco alle strade e danneggiato le telecamere di sicurezza. Alla fine le barriere sono state rimosse. Allo stesso tempo, alcuni palestinesi hanno caricato in rete video TikTok dal carattere nazionalista che li mostrava mentre attaccavano gli ebrei in città e gruppi di estrema destra sono stati organizzati per attaccare i palestinesi nel mercato e nel centro della città. Lehava, un’organizzazione fascista di estrema destra, ha guidato una marcia razzista dal centro della città a Bab al’Amud, cantando “morte agli arabi” e sono stati bloccati dalla polizia vicino alla loro destinazione. I poliziotti antisommossa sono entrati nella moschea di Al-Aqsa il 9 e 10 maggio e negli intensi scontri scoppiati, almeno 12 poliziotti e più di 215 persone sono rimasti feriti.

A Sheikh Jarrah, un quartiere palestinese a Gerusalemme Est, i coloni israeliani hanno cercato di giudaizzare l’area e sfrattare i palestinesi per più di un decennio. Insediamenti ebraici estremisti esistono in altri quartieri palestinesi a Gerusalemme Est, come Silwan e Abu Tor, dove sono completamente protetti dalla polizia israeliana e da banditi armati. Le organizzazioni religiose e nazionaliste di coloni, sostenute da ricchi donatori dall’estero, principalmente ebrei americani, stanno conducendo battaglie legali contro le comunità e le proprietà palestinesi attraverso il sistema giudiziario israeliano.

Sheikh Jarrah è un quartiere molto antico di Gerusalemme, risalente al XII secolo. Durante gli anni ’50, mentre l’area era sotto il controllo della Giordania, il governo giordano vi ospitava i rifugiati palestinesi fuggiti dall’occupazione del 1948 e dalla Nakba. L’attuale disputa è iniziata nel 2001, quando i coloni israeliani hanno fatto irruzione all’interno di una sezione sigillata della casa della famiglia Al-Kurd che si rifiutarono di andarsene, sostenendo che una volta la casa era di proprietà di ebrei. Il tribunale distrettuale di Gerusalemme si è pronunciato a loro favore. La sentenza del tribunale si basava su un atto di vendita di epoca ottomana, la cui autenticità è stata contestata nel 2009 sulla base del fatto che l’edificio era stato affittato solo al Comitato della comunità sefardita, il gruppo ebraico che presumibilmente possedeva la proprietà. Inoltre, le famiglie palestinesi ei loro sostenitori sostenevano che i documenti ottomani che la Corte Suprema israeliana aveva convalidato erano in realtà dei falsi. Gli Al-Kurd sono stati sfrattati nel 2008.

Nell’agosto 2009, le famiglie al-Hanoun e al-Ghawi sono state sfrattate da due case a Sheikh Jarrah e le famiglie ebree si sono trasferite, sulla base di una sentenza della Corte Suprema che la proprietà era di proprietà di ebrei. Questo ha provocato indignazione da tutto il mondo. Nel corso del 2010, nel quartiere si sono svolte manifestazioni settimanali di attivisti di sinistra israeliani e palestinesi locali. La reazione globale e la lotta sono state in grado di prevenire ulteriori sgomberi fino al 2017, quando un’altra famiglia palestinese è stata sfrattata, la famiglia Shamasna. Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, i tribunali israeliani hanno stabilito che otto famiglie, circa 500 persone, devono essere sfrattate. Il verdetto è stato impugnato e l’udienza legale è stata più volte rinviata a causa dei disordini avvenuti nel quartiere e delle pressioni internazionali.

Il terreno era maturo per l’insurrezione.

Cronologia della Rivolta

Questa cronologia si concentrerà principalmente sugli eventi ad Haifa, ma menzionerà eventi importanti in altre città che sono state al centro dell’attuale rivolta, tra cui Gerusalemme/Al-Quds, Lydd, Akko, Jaffa e Ramle. Mancheranno alcuni eventi. Non sono un giornalista; questo potrebbe non essere perfetto, ma questi sono gli eventi per come li ho vissuti. 

Mentre scrivo, la situazione si è “calmata”, ma gli eventi continuano a verificarsi, Gaza è un inferno vivente, i fascisti stanno ancora attaccando le persone in piccoli gruppi e le campagne di repressione statale sono in corso.

9 maggio

Mentre mi avvicinavo alla Colonia Tedesca, una grande folla si era già radunata per protestare contro l’ultima invasione di Al-Aqsa e gli sgomberi pianificati a Sheikh Jarrah. La Colonia Tedesca è un grande quartiere nel centro della città [n.d.r. di Haifa], in prossimità di Wadi Nisnas, che ha preso il nome dall’essere un insediamento dei Templari tedeschi durante l’Impero Ottomano nel XIX secolo. Divenne una sorta di centro bohémien per molti giovani palestinesi nel nord di Israele, con molti ristoranti, caffè e club. La strada principale, che un tempo si chiamava Carmel Boulevard e ora si chiama “Ben Gurion” Boulevard, conduce al tempio Bahai, e la piazza al centro, conosciuta dai palestinesi come piazza Ha’asir, è un luogo regolare per manifestazioni filo-palestinesi. La Hirak, che letteralmente significa in arabo “movimento”, gruppi di affinità. Diversi gruppi Hirak sono attivi in ​​molte città e si coordinano tra loro. L’Hirak di Haifa ha chiamato la gente a radunarsi alle 08:00 di sera e alcune centinaia di persone hanno risposto alla chiamata.

Mentre ci spostavamo dalla piazza alla strada per bloccarla, la polizia si è precipitata di fronte per fare una barriera per impedirci di marciare. La gente si è voltata indietro e ha iniziato a marciare dall’altra parte, il che ha fatto correre anche la polizia dall’altra parte, e poi le persone si sono rapidamente girate di nuovo e hanno iniziato a marciare nella direzione prevista. I poliziotti alla fine hanno fatto i cordoni da entrambe le parti per far bollire i manifestanti. Gli Shabab [n.d.r. in arabo sta per gioventù, giovani] erano chiaramente visibili: i giovani palestinesi, conosciuti come la resistenza più militante. L’atmosfera era molto tesa; la gente stava davanti alla linea della polizia, sventolando bandiere e cantando canzoni. Alcuni manifestanti hanno cercato passare i blocchi della polizia e sono stati arrestati violentemente. La situazione è diventata ancora più tesa quando la gente ha iniziato a urlare insulti alla polizia ed a mostrare loro il dito medio. Poi le cose sono diventate caotiche.

Mentre le granate stordenti venivano sparate direttamente sulla folla e la gente correva a mettersi al riparo, si sentivano i rumori dei bombardamenti a chilometri di distanza. I cortili dei ristoranti sono diventati un luogo dove ripararsi, e contro gli sbirri sono stati lanciati sassi e bottiglie vuote. Un bidone della spazzatura è stato dato alle fiamme. Quel giorno sono state arrestate quindici persone. Per me era zona di guerra, ma era solo un assaggio di quello che sarebbe successo nei giorni successivi.

Contemporaneamente, a Nazareth, si svolgeva una protesta simile davanti a una stazione di polizia. I pneumatici sono stati bruciati per fungere da barricate e gli scontri con la polizia hanno portato ad alcuni arresti. 

10 maggio

Quel giorno arrivai tardi alla Colonia Tedesca, quando la rivolta era vicina alla fine, ma vidi gli Shabab occupare Carmel Boulevard, lanciando pietre e innalzando barricate in fiamme nelle strade vicine. Erano già stati effettuati quindici arresti. Allo stesso tempo, ho appreso che in tutto il paese la situazione era degenerata, iniziando a somigliare a una rivolta popolare di massa.

Era il giorno di Gerusalemme, la giornata nazionale che celebrava l’occupazione della parte orientale della città nel 1967 e la cosiddetta “riunificazione” della città, e la sfilata annuale della bandiera doveva marciare dal centro della città a ovest attraverso la vecchia città est, durante le rivolte a Bab al’Amud e Sheikh Jarrah e l’invasione della polizia di Al-Aqsa. La città è completamente esplosa. In centinaia si sono ribellati nel complesso di Al-Aqsa. Tentativi di linciaggio hanno avuto luogo (in questa regione, la parola “linciaggio” descrive un gruppo di persone che picchiano una persona, a volte uccidendola, altrimenti ferendola gravemente). Intorno alle 17:00, Hamas ha annunciato da Gaza che Israele aveva un’ora per sfrattare tutti i poliziotti da Al-Aqsa e Sheikh Jarrah. Con il passare dell’ora, alle 18:02, si sono udite sirene a Gerusalemme e sono stati lanciati razzi da Gaza verso la città. I partecipanti alla sfilata delle bandiere sono corsi ai ripari. La polizia, contrariamente agli ultimi anni, ha annunciato che sarebbe stato vietato entrare nella città vecchia e ha bloccato i manifestanti che tentavano di entrare.

In risposta alla sparatoria, Israele ha annunciato un’operazione militare a Gaza e gli aerei militari hanno iniziato a bombardare la Striscia di Gaza, causando distruzioni di massa, uccisioni e sfollamenti. Hamas in cambio ha lanciato razzi contro le città israeliane, provocando principalmente danni agli edifici, ma anche alcuni morti. A Lod, nota tra i palestinesi anche come Al-Lydd, città storicamente palestinese, ora mista nel centro, non lontano da Tel Aviv, la situazione ha raggiunto l’entità di una vera e propria “rivolta etnica”. 

I palestinesi hanno dato fuoco a automobili, sinagoghe, edifici comunali e una scuola preparatoria militare. Durante i disordini, un palestinese è stato ucciso da un residente ebreo. Disordini si sono verificati anche fuori dall’ospedale. Nella vicina Ramle sono state bruciate anche sinagoghe e un cimitero, saccheggiati negozi e sparati pietre e fuochi d’artificio contro poliziotti e persone a caso. Mentre è molto difficile giustificare alcune delle azioni degli Shabab, e di queste alcune avevano purtroppo un carattere chiaramente nazionalistico e religioso, è importante ricordare che la maggior parte delle sinagoghe che state danneggiate all’inizio erano quelle delle cellule di destra del nucleo della Torah, che hanno la chiara missione di giudaizzare le città miste. 

È anche importante capire il contesto nelle città di Lydd e Ramle e quanto siano ghettizzate le comunità palestinesi segregate. Le rivolte si sono verificate anche a Giaffa, con i manifestanti che hanno lanciato pietre e sparato fuochi d’artificio contro la polizia, e in tutto il nord, in Galilea e nel Negev. Più di 100 persone sono state arrestate e le stazioni di polizia sono state bruciate.

11 maggio

Inizia la reazione fascista. Mentre gli attivisti di sinistra ebrei e arabi si radunavano per una manifestazione di pace non violenta nella piazza dell’UNESCO presso la Colonia Tedesca che conduce al tempio Bahai, i manifestanti di estrema destra si radunarono davanti a loro, gridando “morte agli arabi!” e accusandoli di essere traditori. La polizia ha separato i due gruppi. In fondo alla strada, in piazza Ha’asir, i palestinesi si erano già radunati e l’energia era alta. Un giovane Shabab è salito sul palo di un lampione per alzare una bandiera palestinese. La polizia antisommossa ha portato poliziotti a cavallo e un cannone ad acqua per affrontare i manifestanti. Le granate stordenti, come al solito, sono uscite dal nulla e il quartiere si è trasformato in una zona di guerra.

Alcuni ristoranti e attività commerciali della zona hanno aperto i battenti per solidarietà alle persone in fuga dalla polizia. Quella notte gli Shabab hanno combattuto coraggiosamente contro la polizia. Decine di bidoni della spazzatura sono stati bruciati, le strade sono state barricate e per alcune ore la polizia ha perso il controllo. Allenby Street che porta a Wadi Nisnas era letteralmente in fiamme. Lo stesso Wadi Nisnas era completamente barricato e i giovani Shabab stavano sulla piazza che portava dalla Colonia Tedesca, a guardia dell’invasione della polizia. Sembrava un territorio liberato, una zona temporanea autonoma, in cui lo stato doveva ritirarsi, anche solo per la notte. Le nuvole di gas lacrimogeni si sono sicuramente sentite, ma la gente ha tenuto duro.

Nella strada principale della Colonia Tedesca, la polizia ha permesso ai fascisti di destra di marciare, urlando insulti razzisti, sotto una forte protezione. Nel video che documenta l’incidente, vengono mostrati i poliziotti che inseguono un manifestante e irrompono violentemente in una casa in una strada vicina.

A Lydd, durante i funerali del palestinese ucciso il giorno prima da un residente ebreo, i disordini sono continuati e un poliziotto è stato ferito da una pietra lanciatagli contro. Altre auto e sinagoghe sono state danneggiate e alcuni residenti ebrei sono stati evacuati per paura della violenza. La guardie di frontiera sono entrate in città e si è parlato di far entrare l’esercito. È stato dichiarato lo stato di emergenza per dare più autorità alla polizia e alle forze di sicurezza.

I manifestanti di destra sono arrivati ​​in città. A Ramle, i palestinesi hanno bruciato parti del mercato locale. Allo stesso tempo, le folle fasciste si sono mobilitate per venire in città, con figure di spicco come Itamar Ben-Gvir e l’organizzazione di estrema destra kahanista Lehava (per una spiegazione del kahanismo, vedere l’appendice). I fascisti hanno attaccato persone sospettate di essere arabe, hanno linciato un autista arabo, hanno lanciato pietre contro le auto arabe e hanno cercato di entrare in un quartiere palestinese. Ad Akko, i palestinesi si sono ribellati nella città vecchia, bruciando attività commerciali locali e una stazione di polizia.

12 maggio

I fascisti si sono riuniti a Kiryat Eliezer, un quartiere prevalentemente ebraico vicino alla Colonia Tedesca, per marciare verso Wadi Nisnas e attaccare i palestinesi. Erano lì come parte di una mobilitazione anti-palestinese a livello nazionale. Sono apparsi i gruppi di estrema destra Telegram e WhatsApp, che esortavano le persone a portare tirapugni, coltelli, mazze da baseball e altre “armi fredde” e per prepararsi alla battaglia. 

In risposta é stato lanciato un appello affinché le persone si radunassero a Wadi Nisnas per aiutare a difendere il quartiere e i giovani si sono riuniti agli ingressi dal primo pomeriggio. La polizia ha impedito ai fascisti di raggiungere Wadi Nisnas, i quali in ogni caso hanno causato danni alle attività commerciali di proprietà degli arabi che hanno trovato sulla loro strada, hanno attaccato i conducenti ed i passanti palestinesi, danneggiato le automobili, lanciato pietre contro le case arabe e urlato insulti razzisti. La polizia ha attaccato le persone riunite a Wadi Nisnas con gas lacrimogeni e granate assordanti. Era impossibile raggiungere il quartiere, perché sono arrivato troppo tardi e l’intera area era completamente bloccata dalla polizia antisommossa. Gli scontri sono scoppiati anche alla Colonia Tedesca, come era diventato un evento quotidiano.

A Bat Yam, una folla fascista che ha cercato di raggiungere Jaffa si è ribellata, rompendo le finestre di un’azienda di proprietà di un arabo e linciando brutalmente un autista arabo, fatto che è stato ripreso in diretta televisiva.

A Lydd è stato annunciato il coprifuoco a partire dalle 20:00, nessuno poteva entrare in città o uscire di casa. Nonostante questo, un numero enorme di bande di estrema destra, alcuni dei quali coloni venuti da West Bank, sono arrivati in città e gli è stato permesso di andare in giro liberamente e attaccare i palestinesi. I palestinesi che si sono radunati nella moschea locale sono stati attaccati dalla polizia antisommossa, dalla pattuglia di frontiera e dai fascisti. Durante la notte sono stati segnalati scontri a fuoco tra coloni e palestinesi.

Un poliziotto è stato colpito e ferito a Ramle. Le folle e gli attacchi anti-arabi fascisti ebbero luogo anche ad Hadera, Natanya e in alcune altre città ebraiche. Tre israeliani sono stati linciati dai palestinesi ad Akko. 

13 maggio

Gruppi di Shabab nella Colonia Tedesca, nel centro città, a Wadi Nisnas ed a Hadar hanno lanciato pietre e bottiglie molotov, hanno distrutto banche e attività commerciali, eretto barricate, hanno combattuto la polizia e danneggiato pali dei lampioni, semafori e autobus. Un’anziana donna israeliana è rimasta ferita a causa di pietre lanciate contro un autobus. Allo stesso tempo, la gente andava radunando ogni giorno davanti al tribunale per aspettare il rilascio degli arrestati.

A Lydd, il coprifuoco è continuato per un’altra notte e sono seguiti scontri di strada tra polizia, palestinesi e gruppi fascisti. I coloni hanno bruciato un negozio arabo, mentre i palestinesi hanno bruciato un camion e un centro comunitario. Un israeliano è stato accoltellato. Sono stati segnalati scontri a fuoco tra palestinesi e coloni. I disordini sono continuati anche a Ramle.

Questi sono stati praticamente i giorni principali degli eventi. Nei giorni seguenti, le rivolte si sono in gran parte estinte. Proteste e attacchi sono continuati su scala ridotta. L’attenzione è stata in gran parte rivolta ai razzi che volavano verso le città israeliane e al massacro di Gaza. Ho toccato i principali eventi nei territori della Palestina 1948, ed ho solo appena menzionato il Negev e la Galilea, che hanno coraggiosamente resistito anche allo stato, la rivolta parallela nella West Bank e le proteste dei rifugiati palestinesi ai confini israeliani in Libano e Giordania e davanti alle ambasciate ed ai consolati israeliani ovunque.

I giorni successivi sono stati caratterizzati da una pesante repressione, condotta dalla polizia e dal famigerato Shin Bet, l’agenzia di sicurezza israeliana. I poliziotti hanno fatto irruzione nelle case delle persone, alla ricerca di chiunque fosse coinvolto in disordini o anche in proteste organizzate. Hanno fatto irruzione nelle case dei membri della Hirak di Haifa e hanno effettuato arresti, mentre la gente pensava a come commemorare l’imminente giorno della Nakba il 15 maggio. Il giorno della Nakba, a Sakhnin si è svolta una grande protesta, che si è conclusa pacificamente. Anche le folle fasciste sono continuate, ma dopo questo punto sono andate tutte in clandestinità. Alcune case arabe ad Haifa sono state contrassegnate di rosso sulle porte, costringendo alcuni residenti a lasciare la città per la paura. Per alcuni, questo ricordava le pratiche durante la Nakba, causando paura e panico tra la popolazione indigena per farli partire.

14 maggio

I palestinesi stavano formando comitati di autodifesa autonomi. Da una dichiarazione rilasciata su Facebook da Khulud Khamis, un palestinese di Haifa:

Questa mattina (venerdì 14 maggio 2021), mi sono svegliato con la notizia che 38 giovani palestinesi sono stati arrestati durante la notte ad Haifa. Alcuni di loro erano minorenni, che sono stati interrogati senza l’accompagnamento dei genitori, mentre ad altri con lesioni sono state negate le cure mediche. Gli avvocati di Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, hanno aspettato tutta la notte per incontrarli, ma a partire da quella mattina è stata loro negata l’opportunità di fornire qualsiasi consulenza legale.

Questi ultimi giorni sono stati quasi surreali ad Haifa. Non ho mai assistito a niente di simile accadere nella mia amata città. Per la seconda notte consecutiva, circa 200 coloni ebrei estremisti, che si fanno chiamare “l’esercito dei cittadini”, hanno preso d’assalto i quartieri palestinesi di Haifa. Sono armati con mazze e altre armi, molti dei quali con un background di addestramento militare, e sono altamente organizzati. Nel pomeriggio, si vedono piccoli gruppi entrare negli edifici e contrassegnare con un pennarello rosso le porte appartenenti ai residenti palestinesi. Hanno vandalizzato dozzine di auto, attaccato palestinesi nelle strade e tentato di irrompere nelle case dei palestinesi. Attacchi simili sono stati effettuati in altre città miste, come Lydd, Akka, Gerusalemme.

I rappresentanti dei quartieri e delle comunità palestinesi si sono incontrati ieri per discutere le tattiche di protezione, perché abbiamo visto come la polizia non solo non è intervenuta per fermare questi attacchi, ma li ha abilitati e sostenuti. Invece di fermare gli attacchi dei coloni, la polizia ha attaccato i manifestanti palestinesi il cui unico crimine era difendere le loro case.

Dopo la prima notte, in cui abbiamo assistito alla mancanza di azione della polizia, alcuni alleati israeliani si sono incontrati sia con il sindaco di Haifa che con la polizia. In pratica hanno detto loro che non c’è niente che possono fare.

Non siamo protetti nelle nostre case, paesi e città, la violenza sta solo aumentando, Gaza viene attaccata, bambini, donne e uomini vengono uccisi, i residenti di Sheikh Jarrah stanno ancora affrontando l’espulsione forzata e il mondo rimane in silenzio, chiudendo un occhio. I media israeliani stanno ovviamente dipingendo con successo i cittadini palestinesi come istigatori e teppisti in questa equazione, ignorando quasi completamente gli attacchi dei coloni estremisti. Questo gioca solo nelle mani di Netanyahu, che ha ripetutamente fallito nel formare un governo dopo le quattro elezioni tenutesi nell’ultimo anno e mezzo. Allo stato attuale della situazione, ha ancora una volta una grande possibilità di formare un governo. I cittadini palestinesi a Yaffa, Akka, Haifa, Lydd e in altri luoghi stanno formando comitati di autodifesa. Avvocati, medici, psicologi e persone che pattugliano i nostri quartieri per proteggerci dai feroci attacchi a cui stiamo assistendo in questi ultimi giorni (la mia testimonianza su ciò che è successo ad Haifa è nel mio post precedente.Chiediamo un intervento internazionale immediato per fermare questa follia. Siamo stati lasciati a badare a noi stessi, completamente privi di protezione. Agisci adesso.

E su una nota più personale:

Amici che parlano, protestano, agiscono, resistono: siete dalla parte giusta della giustizia.

“Amici” che tacciono: il vostro silenzio è assordante.

E non osare chiedermi cosa puoi fare o dirmi che ti senti impotente e non c’è niente che tu possa fare. C’è sempre qualcosa che puoi fare. Se ignori ciò che sta accadendo, istruisci te stesso e inizia ad agire. Questo è su di te. Non puoi dire che non lo sapevo.

18 maggio

In Palestina è stato annunciato uno sciopero generale. Ad Haifa, durante la giornata, a Wadi Nisnas si sono tenuti molti eventi per celebrare la cultura palestinese, tra cui canti, spettacoli dal vivo, disegni e attività per bambini. Alle 18:00 è stata indetta una protesta ad Hadar, sulla strada che porta a Wadi Nisnas. La polizia antisommossa pesante è arrivata preparata. Quando le persone hanno iniziato a marciare, la polizia ha bloccato rapidamente la strada, impedendo loro di marciare. La gente invece cantava canzoni e festeggiava per strada. Nonostante la tensione, il raduno si è concluso pacificamente.

In serata, un palestinese vicino alla Colonia Tedesca ha riferito che i razzisti di destra avevano segnato il suo edificio, lanciato pietre e bottiglie molotov, e urlato insulti razzisti, poi sono fuggiti.

A Gerusalemme, durante una manifestazione a sostegno dello sciopero generale, la polizia ha attaccato persone a Bab Al’Amud e si sono verificati disordini a Sheikh Jarrah.

19 maggio

A Umm al-Fahm, Mohammad Kiwan, un palestinese di 17 anni, ferito durante le proteste della settimana precedente, è stato dichiarato morto. I disordini sono scoppiati all’ingresso della città.

20-23 maggio

Il 21 maggio è stato annunciato un cessate il fuoco tra Israele e Hamas, che ha posto fine a dodici giorni di operazioni militari a Gaza e di lanci di razzi. Durante i disordini a Gerusalemme, la polizia è nuovamente entrata nel complesso di Al-Aqsa, ripetendo la provocazione che in primo luogo aveva aggravato la situazione.

Lo stato ha avviato un’intensa campagna oppressiva intesa a terrorizzare coloro che osavano resistere. Arrestate circa 2000 persone. La notte del 23 maggio, la polizia israeliana ha annunciato l’operazione “Law and Order”, che mira ad arrestare 500 persone in 48 ore, oltre a circa 1500 persone che erano già state arrestate. Nei raid in tutto il paese, le persone sono state arrestate con accuse che andavano dal dare il dito a un poliziotto1e post online per e disordini. Gli arresti continuano ancora oggi.

La gioventù va avanti

I palestinesi si sentono traditi e abbandonati dal mondo. La gente li ricorda solo quando è in corso una campagna di genocidio, e anche allora, tutti sono impegnati a parlare di quanto sia “complicata” la situazione. Non sono sicuro che abbiano qualcuno di cui fidarsi, inclusa la loro “leadership”.

Gli Shabab, i giovani che combattono per le strade, i ragazzini che erigono barricate contro la polizia e danno fuoco ai cassonetti della spazzatura, sono completamente alienati da ogni forma di forza politica; lavorano in piccoli gruppi informali ed a molti di loro non frega un cazzo della politica. Provengono dagli estremi confini della società palestinese del 1948, diretta conseguenza del tentativo sionista di ridurre questa società al caos interno. Sono gangster, trafficanti di droga, fuorilegge di ogni tipo, giovani senza futuro dei villaggi, delle città e dei quartieri più poveri della Palestina, i lumpenproletariat [n.d.r. proletari senza riserve], e – la cosa più importante –  sono completamente incontrollabili. La politica tradizionale di organizzazioni, partiti politici, leader religiosi rispettabili e ONG non significa nulla per loro.

La nuova generazione in Palestina non ha più nulla da perdere. Anche secondo il famigerato Shin Bet di Israele, sono davvero ingovernabili. Ogni volta che una rivolta o un’insurrezione sfugge al controllo, le autorità e le agenzie di sicurezza cercano adulti “responsabili”, rispettati “leader della comunità” per pacificare la situazione. Ma quando investi così tanto potere nel distruggere una società dall’interno a tal punto, crei un nemico con cui non puoi negoziare, perché non ha paura di te e non ha nulla su cui contare o su cui sperare. Non si torna alla normalità.

E vengono completamente diffamati. La macchina della propaganda dei media li tratta come nient’altro che criminali, terroristi, selvaggi, “pogrommisti” assetati di sangue, e loro non devono avere voce in capitolo. Le rivolte sono presentate come nient’altro che uno scoppio di rabbia violenta da parte di alcuni teppisti, con l’idea che le nostre forze di polizia, le agenzie di intelligence e il sistema carcerario se ne occuperanno. Sembra che tutti abbiano deciso di continuare a spingerli il più in basso possibile, a nasconderli sotto il tappeto, a trattarli come nient’altro che mostruosi assassini fino al prossimo sfogo. Anche l’apartheid sionista è un sistema di classe che odia di più i palestinesi poveri.

La rivolta è anche, ovviamente, una forma di lotta di classe, al di là della normale caratterizzazione come conflitto etnico. Ho letto da qualche parte che durante la prima intifada, nei suoi primi giorni, molti dei giovani che si ribellarono a Gaza e oltre non erano molto politici e molti attacchi erano diretti contro i palestinesi più ricchi. Questo risale alla grande rivolta araba del 1936, quando molti degli attacchi hanno coinvolto i Falahi, la popolazione contadina della Palestina, che agivano contro l’élite urbana. Questa dimensione della lotta di classe all’interno della società palestinese è sempre cancellata dalla storia, a favore di un conflitto etnico più semplificato degli arabi contro gli ebrei.

Questa lotta di classe viene sempre messa da parte una volta che i grandi partiti, le fazioni militariste, riescono a prendere il sopravvento. La prima intifada, per esempio, è stata chiusa dall’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). È stata rapidamente trasformata da una lotta di massa popolare a un’opposizione controllata dall’alto verso il basso nelle mani di pochi burocrati corrotti. Come tutti sappiamo, una volta che le milizie e i rivoluzionari di professione prendono il sopravvento, le persone diventano spettatori della loro stessa “liberazione”, e l’appello popolare di massa della resistenza è perso. L’OLP e Fatah hanno schiacciato l’intifada per far andare avanti gli accordi di Oslo, che hanno diviso West Bank in piccoli cantoni e hanno introdotto la cosiddetta Autorità Palestinese. Fatah divenne de facto il lungo braccio di Israele e dell’occupazione, gestendo l’apartheid dall’interno.

Mentre componevo questo, l’attenzione si è spostata completamente sui razzi che colpiscono le città israeliane da Gaza. Nove persone in Israele sono morte a causa dei razzi di Hamas, compresi palestinesi, come nel villaggio di Dahamash vicino a Ramle. Alcuni razzi di Hamas hanno raggiunto West Bank. I razzi sono arrivati ​​anche dal Libano. Le proteste sono in gran parte diminuite e non vediamo più grandi rivolte. Non si può fare a meno di sentire che Hamas e le fazioni militariste hanno interrotto la nascita di un movimento popolare, di massa nelle strade, nei centri urbani dell’occupazione, che avrebbe potuto creare danni reali alla stabilità dello stato.

Possiamo vedere chiaramente chi ne beneficia. L’anarchia nelle città israeliane è finita e Israele può vendere la stessa vecchia storia al mondo su di noi che combattiamo terroristi jihadisti islamici che sparano razzi contro le nostre città. È una storia molto più comoda e molto più facile da affrontare. Forse la strategia di indebolire i fronti marxisti rivoluzionari laici degli anni ’80 e rafforzare Hamas ha dato i suoi frutti. Le ideologie reazionarie sono più facili da controllare e, quando necessario, possono assumere il controllo della lotta e uccidere i movimenti di massa.

In questo sistema ognuno fa la sua parte. La sinistra fa quello che fa sempre, storicamente, la sinistra in tempi di rivolgimento sociale: cercare di pacificare la resistenza e assorbirne l’energia per indirizzarla verso un terreno più “accettabile” (cioè inefficace). Le stesse vecchie tattiche obsolete, noiose manifestazioni prevedibili, sciocchezze “non violente” e discorsi vuoti sulla superficiale “coesistenza”, pace e democrazia. Non c’è davvero nulla da aspettarsi da ciò che resta della sinistra ebraica israeliana, ma anche i partiti politici arabi si sono dimostrati completamente scollegati da ciò che sta accadendo nelle strade.

Il partito comunista “di sinistra radicale” Hadash della Lista Araba Unita e il partito Ra’am sono entrati entrambi alla Knesset (il parlamento israeliano) alle elezioni del 23 marzo. Hanno esortato le persone a protestare legalmente e ad astenersi dalla violenza. Non c’è da stupirsi che i giovani siano completamente alienati da loro. Per i palestinesi della Palestina 1948, i partiti arabi alla Knesset sono la stessa cosa che Fatah e Ap sono per quelli della Palestina 1967 palestinesi (West Bank): un altro volto dell’occupazione, svenduti, collaboratori, gestori dei conflitti, strumento di pacificazione per il regime. Proprio come Syriza in Grecia o Podemos in Spagna, appaiono nei movimenti di massa per appropriarsi del linguaggio e dell’energia delle persone in rivolta per incanalare tutto nell’agire all’interno del sistema e, naturalmente, nel momento della verità, tradiranno completamente le persone.

È quasi diventato un cliché menzionarlo, ma il problema dei palestinesi non sono solo gli stronzi di estrema destra, ma il sionismo. Le folle razziste israeliane sono la diretta conseguenza di un paese fondato su radici profondamente razziste – un progetto coloniale di insediamento costruito sulle rovine di villaggi e l’allontanamento della popolazione indigena, di uno stato suprematista ebraico – alla portata di tutti gli altri. Israele è probabilmente uno dei peggiori esempi di uno stato nazionale come modo di risolvere le cose per le persone oppresse. È molto più facile per gli israeliani essere disgustati dai teppisti di estrema destra che attaccano un palestinese, mentre la campagna genocida dell’IDF a Gaza (per non parlare della nascita violenta di questo stato) non viene messa in discussione o è completamente accettata. L’IDF è “l’esercito popolare, che sta mettendo in pratica la piattaforma della “morte agli arabi” molto più efficacemente di quanto potrebbero fare i gruppi di base fascisti.

In questo momento, la Striscia di Gaza è completamente in rovina. Gli aerei militari sganciano bombe sulle cliniche, una torre dei media è crollata, interi quartieri vengono cancellati. La situazione è insostenibile. Mentre scrivo, circa 250 persone sono state uccise e migliaia sono sfollate. Gaza è sotto assedio dal 2007. Era un inferno in terra prima dell’attuale massacro, la più grande prigione aperta della terra, e ora è arrivata a una situazione di catastrofe umana. Questo è il sionismo dominante, non i marginali estremisti.

Si sente molto parlare di “coesistenza” ultimamente, specialmente in città miste come Haifa, su come le rivolte abbiano danneggiato la “coesistenza” tra ebrei e arabi. Questo è un mito. Questa coesistenza è un modo codificato per descrivere la vita sotto la supremazia ebraica, il che implica che i palestinesi dovrebbero tacere e cancellare se stessi per adattarsi. La popolazione israeliana che ha celebrato il “Giorno dell’Indipendenza” solo un mese prima non lo vedrà mai come una provocazione in una città storicamente palestinese che ha subito uno degli attacchi più brutali durante la Nakba, ma se i palestinesi osano dimostrare che esistono, pagheranno severamente. La coesistenza è un’operazione di contro-insurrezione.

È difficile prevedere cosa accadrà dopo. Gli Shabab hanno combattuto coraggiosamente contro la polizia e hanno liberato alcuni territori, zone temporanee autonome in cui lo stato non era presente solo per una notte e si poteva camminare liberamente, oltre nuvole di gas lacrimogeni, e immaginare una realtà diversa. Ma non dovrebbero essere esenti da critiche. Molti degli attacchi avevano un carattere nazionalistico e hanno fatto alcune cose difficili da difendere. Attaccare sinagoghe, autobus e persone a caso non era l’approccio migliore alla situazione. Ciò di cui abbiamo disperatamente bisogno in questo momento è un’insurrezione congiunta, una co-resistenza, che coinvolga ebrei e arabi e tutta la gente di questa terra, contro tutte le autorità che ci tengono sotto controllo e ci impediscono di vederci come esseri umani simili. Negli spazi della rivolta, noi dobbiamo creare territori autonomi liberati in cui noi potremmo realizzare nuove vie per vederci gli uni con gli altri ed il mondo intorno a noi, reinventando la vita, condividendo gli spazi come uguali.

Sfortunatamente, per il momento, questa è una fantasia. È stato versato troppo sangue perché le persone si fidassero l’una dell’altra. Puoi sentire la tensione ovunque: viviamo insieme in questa città, ma confini mentali invisibili ci dividono costantemente.

La situazione nei cosiddetti Stati Uniti mi ispira. La ribellione di George Floyd fu una vera e propria insurrezione diversificata. Lavoratori bianchi e neri si sono trovati per strada e hanno combattuto insieme contro il sistema che li sfrutta. Ho persino sentito dire che il primo che ha dato fuoco al distretto di polizia di Minneapolis era un bianco. Questo è un enorme miglioramento per un posto come gli Stati Uniti, e le condizioni sono ora mature per una rivolta multirazziale di persone che combattono all’unisono.

Quindi tutto è possibile, immagino. Ma è difficile rimanere fiduciosi. Sembra che abbiamo una lunga strada da percorrere. Tuttavia, alcune persone non stanno aspettando. Le connessioni si formano ogni secondo sotto la realtà quotidiana dell’apartheid e i confini visibili e invisibili vengono infranti mentre parliamo. È anche importante notare che non abbiamo molto tempo: in vista della crisi climatica e del peggioramento della situazione ecologica, le future intifada saranno combattute per le risorse, l’acqua pulita e l’aria respirabile, oltre che per la terra.

Concludo con una citazione dalla Palestina, Mon Amour di Alfredo M. Bonnano:

Non ci sono prospettive di pace in vista. La soluzione ideale, almeno per quanto la vedono tutti coloro che hanno a cuore la libertà dei popoli, sarebbe l’insurrezione generalizzata. In altre parole, un’intifada a partire dal popolo israeliano capace di distruggere le istituzioni che lo governano e di proporre al popolo palestinese direttamente, senza intermediari, la pace basata sulla collaborazione e sul rispetto reciproco. Ma per il momento questa prospettiva è solo un sogno. Dobbiamo prepararci al peggio.


Appendice: una guida sul campo per principianti sul fascismo israeliano

Proprio come l’estrema destra americana ed europea, i fascisti israeliani sono diventati molto più decentralizzati negli ultimi anni, passando dalle grandi organizzazioni all’organizzazione informale, principalmente online e tramite app come Telegram. Molte dei raduni e delle mobilitazioni per attaccare i palestinesi durante le rivolte non hanno nomi, oppure i nomi sono cambiati costantemente, poiché sono diventati clandestini una volta scoperti. Citerò ancora le grandi e famose organizzazioni, poiché continuano ad essere una forza nelle mobilitazioni, diffondendo la propaganda dell’odio e fungendo da porta d’accesso a modi più sotterranei di organizzazione. Penso che sia importante che le persone all’estero conoscano i gruppi, le organizzazioni, i simboli e le ideologie di estrema destra israeliani, perché operano ovunque nelle comunità ebraiche. È un buon modo per mantenere le nostre comunità al sicuro e per fornire protezione e solidarietà ai palestinesi e ai rifugiati locali

Kahanismo: un’ideologia ebraica estremista che prende il nome dal rabbino Meir Kahane, un rabbino americano attivo in Israele principalmente negli anni ’80 e figura di spicco della politica di estrema destra del paese. Ha proposto di espellere principalmente gli arabi e tutti gli altri non ebrei da Israele al fine di “purificare” la terra e stabilire una monarchia halacha (legge ebraica) sotto i confini biblici di Israele. Sotto il suo partito politico, Kach, propose leggi razziste che ricordavano le leggi di Norimberga fino a quando il partito fu messo fuorilegge nel 1985 per razzismo. Kahane fu infine assassinato a New York da un egiziano-americano, ma il suo pensiero e la sua ideologia sono ancora vivi nell’Israele di oggi e si stanno rafforzando.

Fazioni kahaniste esistono negli insediamenti ebraici nella West Bank, specialmente tra i coloni estremisti di Hebron e Kiryat Arba, e sono state associate a numerosi attacchi terroristici e campagne violente contro i palestinesi. Alcuni (in)famosi Kahanisti includono Baruch Goldstein, che aprì il fuoco sui fedeli musulmani nella Grotta dei Patriarchi a Hebron nel 1994, uccidendo 29 persone. I terroristi e le milizie kahaniste continuano a commettere atti violenti contro i palestinesi in West Bank, Israele e all’estero. Le organizzazioni kahaniste in tutto il mondo includono la Jewish Defense League e la Jewish Task Force.

Lehava: una grande organizzazione kahanista. L’acronimo ebraico di “per la prevenzione dell’assimilazione in terra santa”. Noto per aver preso di mira le relazioni miste, in particolare tra donne ebree e uomini arabi, per aver inviato delinquenti a minacciare e attaccare i palestinesi che frequentavano ebrei e per aver attaccato i palestinesi nelle strade di Gerusalemme. Molte delle figure di spicco vivono in insediamenti ebraici in West Bank. Lehava ha organizzato la marcia razzista “Morte agli arabi” da Gerusalemme Ovest a Gerusalemme est il 22 aprile, e molti dei raduni a caccia di palestinesi a Gerusalemme durante i giorni che hanno portato all’escalation sono collegate a questa organizzazione. Hanno alcune sezioni all’estero.

Otzma Yehudit: un partito politico di estrema destra kahanista e ultranazionalista. Molti dei suoi membri sono studenti e seguaci del rabbino Meir Kahane. Questo partito di solito non riesce ad entrare alla Knesset durante le elezioni, ma uno dei suoi membri principali, Itamar Ben-Gvir, è entrato nella Knesset durante le ultime elezioni, mentre era in corsa con la Lista Sionista Religiosa. Ben Gvir ha contribuito con la sua parte all’escalation insediando il suo “ufficio” nel quartiere di Sheikh Jarrah e partecipando alla mobilitazione dei linciaggi a Ramle.

Hilltop Youth: una sottocultura religiosa e nazionalista di giovani coloni della West Bank. Soprannominato per la loro abitudine di costruire avamposti in cima alle colline della West Bank. Coinvolge alcuni kahanisti, alcuni altri tipi di fondamentalismo religioso e ultranazionalismo, tutti violenti e pericolosi. Alcune cellule terroriste ed estremamente violente sono emerse da questi gruppi, come quello di Bat Ayin, che ha cercato di bombardare una scuola femminile palestinese a Gerusalemme est. I coloni di Hilltop Youth sono stati visti durante l’attuale mobilitazione di gruppi fascisti, specialmente a Lydd, dove erano armati e attaccavano i palestinesi insieme alla polizia, nonostante il “coprifuoco”.

Im Tirzu: una organizzazione fascista neo-sionista più laica, costruita attorno a cellule studentesche nei campus universitari. Im Tirzu si concentra sull’attività ultranazionalista, sulla negazione della Nakba, sulla diffamazione e sulle campagne legali contro la sinistra, i rifugiati, i migranti e le organizzazioni per i diritti umani. Dopo aver citato in giudizio un gruppo di Facebook per averli definiti fascisti, il tribunale israeliano ha affermato che “indicano alcune somiglianze con il fascismo”. Quindi sono fascisti anche per il sistema giudiziario israeliano, il che è un bel risultato.


Segui cosa sta accadendo in Palestina!

https://twitter.com/RadicalHaifa

https://twitter.com/m7mdkurd

https://twitter.com/BDSmovement

https://twitter.com/activestills

https://twitter.com/YASHebron

2 pensieri riguardo “La rivolta di Haifa: un report da un testimone oculare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: