Ritmo e ritualità: il comporsi del movimento di Portland 2020

Anonimi, Portland 14 ottobre 2020 – originale in inglese

Noi non abbiamo patria propone la traduzione di questa riflessione proposta da autori anonimi di Portland ed apparsa su Ill Will Editions il 14 ottobre 2020. Potete leggere in italiano lo stesso articolo sul sito curato dai compagni romani e della sezione dell’Urbe dell’Internazionale Vitalista, con cui ci siamo sforzati per esprimere un titolo coerente con il senso delle parole proposte dagli autori: “Rhythm and ritual: composing movement in Portland’s 2020“.

La riflessione proposta richiede una immersione nei fatti e nelle esperienze concrete di una movimento di lotta e di rivolta, che a Portland trova continuità con l’insieme dell’estate calda di rivolta del proletariato di colore e multirazziale che si è dato nel nome di George Floyd (di cui speriamo l’autunno che si profila possa non essere da meno), ma che ha anche specificità derivanti dalla storia dell’Oregon cui il razzismo sistemico del capitale si è caratterizzato in maniera distintiva.

Quali domande, ostacoli, sfide e potenzialità si celano dietro la rivolta abolizionista della polizia, non mera rivendicazione di casematte o aree liberate, ma pratica concreta di una insurrezione che necessariamente e faticosamente cerca di risalire la china della catena generale dell’oppressione e dell’alienazione di classe contro cui internazionalmente gli sfruttati ed i proletari senza riserve iniziano a reagire?

In questa riflessione, non c’è solo la sintesi delle peculiarità del movimento di lotta a Portland, la specificità del razzismo sistemico in Oregon, la polarizzazione con la “black middle class” per il suo ruolo di conservazione dell’esistente borghese ed il ritorno dei traditori – proletari – della razza bianca (vedi per esempio l’articolo su questo blog sulle “Battaglie di Portland“, “Il black August“, “La contro insorgenza della black middle class” e “Il ritorno di John Brown: i traditori della razza bianca…“, così come altre riflessioni da leggere in italiano su “Internazionale Vitalista o direttamente in inglese su “Ill Will Editions“).

Attraverso la ricostruzione delle esperienze dei 100 giorni delle battaglie di Portland, gli autori raccontano come si stia forgiando intorno ad una visione abolizionista della polizia, un ecosistema di relazioni, di soliderietà tra chi è in strada nella lotta, e da chi offre un sostegno “popolare”, essenzialmente da parte di lavoratori e di lavoratrici, alla Portland che lotta. E’ un ecosistema proletario nero, bianco, ispanico e dei nativi, con le sue molteplici diversità, che forgia sull’esperienza la composizione del movimento di rivolta, che non può sottrarsi dall’affrontare domande e contraddizioni che il suo stesso moto produce attraverso le azioni di lotta e rivolta di quei 100 giorni. Come difendere la comunità dagli attacchi di stato, polizia e del suprematismo bianco? E che cos’è una abolizione della polizia che non scivoli verso l’illusoria ricomposizione delle fratture di classe dietro le vie della riforma sociale intonata dalle “élite” borghesi al potere? Come questa stessa comunità proletaria e multirazziale di lotta può difendersi anche dal degrado endogeno cui l’alienazione e l’oppressione del capitale produce? Come rispondere al bisogno di una altra collettività umana, libera da sfruttamento, razzismo e violenza di classe e di genere, che sappia auto difendersi dagli attacchi esterni e da quelli “interni”, evitando di realizzare una effimera “altra polizia”? I temi sono davvero complicati, soprattutto perchè nascono dal vivo della lotta, esponendo chi si batte ad errori. Sono le domande vissute ogni notte, notte dopo notte. Gli anonimi autori sottolineano “…l’abolizione non può essere semplicemente un’idea che si allontana oltre un orizzonte sempre rinviato della rivoluzione futura, pur rimanendo inattuabile nel presente; deve anche essere una forza pratica sperimentale, qui e ora“. Ma come farlo senza rischiare di rimanere appunto soggiogati dai richiami delle classi borghesi al potere, che sulla base della necessaria sicurezza della comunità proletaria, tentano di riprendere il controllo e disperdere la rivolta del 2020 negli illusori rivoli della riforma e della dittatura democratica del capitalismo razzializzato? Il testo potrà sembrare offrire il fianco più volte a questo pericolo. Ma proprio perchè il punto di partenza è l’esperienza di un movimento reale, anche quando la Portland in lotta non ha saputo dare la necessaria ed adeguata risposta all’omicidio di Stato del compagno Michael Forrest Reinoehl crivellato di colpi dalla polizia il 3 settembre 2020, l’ammissione di questa ferita aperta e di questa debolezza, richiama ad una assunzione di maggiori responsabilità, di una maggiore determinazione da parte della comunità proletaria in lotta.

Non è un percorso indolore, le ferite sanguinano ancora, per questo ecosistema proletario che si riaffaccia nell’arena dello scontro di classe. Si cadrà e si inciamperà ancora e ancora, perché le ragioni della battaglia acquistano sempre di più quel sentimento proletario che non vuole più vivere come prima di fronte alla quotidiana violenza razzista, alla oppressione di classe, allo sfruttamento razziale, di genere e della natura dei boschi dell’Oregon in fiamme. E le lezioni di Portland, gli anonimi autori ci raccontano, intanto descrivono la Portland nera, proletaria bianca e multietinica, delle mamme bianche, ispaniche e nere, dei papà lavoratori, dei veterani delle guerre di aggressione imperialiste USA, che vuole battersi senza compromessi contro lo Stato e l’oppressione sociale, che incontra se stessa, il noi, lo stare insieme e lo stare stretti organico, ripetuto, ritmato. Superando in avanti la stucchevole quanto falsa contrapposizione tra azioni dirette “violente” e “non violente”: nelle piazze di fronte alla polizia in tenuta antisommossa, alle truppe della guardia nazionale ed allo squadrismo della supremazia bianca, tra chi alza le mani in prima linea e chi lancia le bottiglie da dietro le energie si fondono, nessuno si scansa, tutti nelle loro differenti azioni esprimono un respiro sincrono e funzionale, domani forse ancora più forte per una ritrovata maggiore consapevolezza del “noi” che ci unisce. Che cos’è questo ritmato organico comporsi del proletariato in lotta? Ai militanti comunisti ed internazionalisti di ieri, oggi e domani questo blog non può fornire le risposte, ma solo l’invito ad ascoltare in modo complice il bisbiglìo ed il respiro che sale inconfondibile, sebbene questo non realizza ancora, e non può già esserlo, il precipitato politico e consapevole dell’auto attività storica – das Historische Selbstaktivität della classe degli sfruttati.


Introduzione di Ill Will Editions

Sebbene la rivolta di Portland abbia fatto parte del movimento generale degli Stati Uniti #BLM, è stata anche singolare sotto molti aspetti. Tra le sue caratteristiche distintive vi sono il suo continuo impegno per l’azione notturna, il grado di sostegno popolare di cui gode dagli abitanti di Portland regolari, il nuovo e ricco ecosistema di gruppi di movimento che gli forniscono le sue varie funzioni e l’emergere di un popolare, conflittuale, focoso, ma set limitato di tattiche. Nonostante questi punti di forza impressionanti, la rivolta ha lottato per sviluppare una chiara visione o pratica abolizionista della sicurezza della comunità, un fatto che ha generato una serie di problemi. Per affrontare questo limite, gli autori guardano al tessuto di esperienze divenute comuni per le strade, che suggeriscono già suggeriscono una via da seguire. Al di là della struttura più elementare della “diversità delle tattiche”, incoraggiano la crescita di un modello più robusto per comporre il potere popolare, capace di amplificare la nostra risolutezza e aumentare la nostra capacità di coordinamento pratico attraverso le differenze. Il percorso verso una cultura che sostiene l’autonomia è incorniciato da un obiettivo condiviso, vale a dire, far crescere il potere della rivolta di cambiare la vita. È questo impegno più generale, sostengono, che ci consente di superare molte delle false opposizioni che il movimento ci lancia.

Rhythm and ritual: composing movement in Portland’s 2020

Arriva il mattino. Il cielo è di un rosso dorato incombente, opaco per l’oscurità. Spostarsi all’esterno significa usare le maschere antigas originariamente acquisite per i gas lacrimogeni, purché siano anche classificate per il particolato. È difficile respirare. Quindi Portland sta prendendo una pausa. Ma la rivolta di Portland sta già ruotando sull’aiuto reciproco, riadattando le pratiche di protesta per sostenere gli sfollati e le persone senza casa distrutte dal fumo degli incendi.

Quando arriva la pioggia e il fumo si dirada, le azioni di strada torneranno. Ma per un momento, si instaura uno stato d’animo riflessivo. Cosa è successo? Cosa abbiamo imparato? Cosa potremmo provare a migliorare?

Questo documento condivide una tale serie di riflessioni. È stato ampiamente condiviso per sollecitare feedback, ma non pretende di catturare ogni aspetto di ciò che è accaduto e, naturalmente, molti divergeranno esattamente su cosa fare dopo. L’obiettivo qui è modellare un modo di pensare seriamente aperto, non purista e pratico sulla nostra situazione. Primo, un pensiero che fa riflettere: questo è vero. Il continuo accumularsi di rotture nel 2020 – Covid, la rivolta, gli incendi, il trumpismo: viviamo in condizioni profondamente imprevedibili e lo sappiamo tutti. È spaventoso. È anche un ambiente in cui, proprio nel momento in cui sembra che il destino imminente stia martellando verso di noi, le azioni contano più di quanto abbiano mai fatto prima. E le nostre azioni in particolare, cioè le azioni che legano ciascuno di noi a pratiche di rivolta, tutte radicate in un modo o nell’altro nell’illegittimità delle forme di potere esistenti. Questo è un “noi” espansivo, fatto di molti diversi tipi di persone che si muovono in direzioni diverse in risposta a questo momento. Ma questo “noi” è anche specifico: è un tessuto di relazioni viventi, qui e ora. È sfocato ai bordi, si sovrappone e si collega a molti che non si considerano radicali, che è uno dei suoi punti di forza. Ciò che ci ha uniti è “fanculo alla polizia“. Ma da lì abbiamo continuato in molte direzioni. La nostra intenzione in quanto segue è di esplorare questo “noi” e come possiamo abbracciare la complessità del suo potere.

Le battaglie di Portland – foto da Don’t Shoot PDX

Un rapido cinegiornale della rivolta di Portland

Un conto alla rovescia tremolante in bianco e nero, poi la schermata del titolo: Rivolta di Portland!

Nei primi giorni dopo l’omicidio di George Floyd, piccole proteste si trasformano in una massiccia marcia verso il centro. La rabbia ribollente si concentra fuori dal Justice Center, le cui porte vengono forzate e un piccolo fuoco acceso all’interno, seguito da una notte di rivolte e sfondamento di finestre. I funzionari della città reagiscono su Twitter con indignazione, imponendo il coprifuoco; questo ci incoraggia, poiché ci impegniamo a sfidarli ogni notte a migliaia. Alla fine, i funzionari cedono, ma la violenza cronicamente eccessiva della polizia radicalizza gran parte della folla, molti dei quali la stanno vivendo per la prima volta. Ciò si traduce in un crescente impegno a restare in strada.

Nei giorni e nelle settimane seguenti si svolgeranno più azioni ogni giorno in tutta la città. Emerge uno schema: sul lato est, grandi manifestazioni e marce guidate da un gruppo ben definito che controlla il microfono: un programma di riforme; sul lato ovest, in centro, una folla molto più dinamica, decentralizzata, orientata all’azione, capace di abbattere qualsiasi recinzione che la città solleva. Entrambi sono a guida nera, anche se in modi abbastanza diversi.

Il tempo passa. 

Rose City Justice, gruppo leader per i raduni del lato est ormai in declino, crolla sotto le tensioni interne ed esterne. Il Portland Protest Bureau, che frequenta il lato ovest, assorbe parte del loro numero. Nasce lo “Swooping”, seguito rapidamente dalla resistenza in picchiata. 

A luglio, quelli del lato occidentale sono un equipaggio più piccolo ma indurito. Il gioco del gatto con il topo con i poliziotti in centro diventa una routine familiare. Le persone si conoscono non dal viso (maschere) o dal vestito (nero) ma da idiosincrasie.

Quindi le dichiarazioni ALL CAPS di Trump portano a una pesante invasione pubblica da parte delle forze federali, che genera un massiccio afflusso di resistenza. Migliaia e migliaia, più ogni notte, infuriati alla vista dei rapimenti nei furgoni sotto copertura ed i colpi sparati alla testa.

In centro emerge un nuovo schema: la danza delle due demo. Il Portland Protest Bureau raduna una folla davanti al Justice Center con microfoni ad alta potenza, mentre altri aspettano alla porta accanto al tribunale federale di Hatfield l’inizio dell’azione: fuochi d’artificio, tiraggio di recinzioni, incendi; raffica su raffica di munizioni e gas lacrimogeni; soffiatori di foglie e scudi, ritirate e avanzamenti. Vinciamo. I federali si ritirano.

Nel giro di una settimana l’infrastruttura della rivolta è cresciuta a passi da gigante: nuovi gruppi forniscono risorse sul campo, nuovi “blocchi di identità” emergono tra la folla, tra cui il Muro delle Mamme, il Muro dei Papà, i Veterani, e altro ancora. E mentre la nostra folla si assottiglia quando i federali scompaiono, migliaia rimangono coinvolti. Lo schema ora diventa un ciclo di azioni in una parte diversa della città ogni notte: il North Precinct, l’ufficio dello sceriffo della contea di Multnomah (utilizzato anche dalla polizia di Portland), l’ufficio del sindacato di polizia e altri.

Man mano che Portland diventa un meme nazionale per la destra, subiamo un’accelerazione delle molestie e degli assalti da parte di “chud” che arrivano dalla periferia o attraverso il paese: guidare in / attraverso manifestanti, lanciare bombe a tubo e petardi, picchiare manifestanti isolati che tornano a casa, perseguitare persone e simili. Emergono giubbotti antiproiettile. I medici di strada iniziano a concentrarsi su come arrestare la perdita di sangue. In una delle invasioni di Trump-rally, un estremista di destra viene ucciso. Le tensioni, lo stress e la paura sono alti.

Tuttavia, persistiamo. Arriva l’anniversario del centesimo giorno di azione. Durante il giorno, centinaia di persone si uniscono a tre celebrazioni di grande successo per le vite dei neri e per il mutuo soccorso nei parchi pubblici, con scout che controllano le periferie; di notte, e nonostante la forte presenza della polizia rafforzata dalla pattuglia statale, un migliaio di persone contestano le strade di East Portland.

Poi, con il caldo bizzarro e le tempeste di vento, il fumo rotola dentro, dagli incendi che bruciano proprio fuori dalla città. Decine di migliaia vengono evacuate. Una rivolta radicata nella cura delle vite nere fa perno sulla sua infrastruttura per prendersi cura di quelli rimasti senza casa e degli sfollati.

Dissolvenza in nero. Questa non è la fine.

Il nero vive

Portland è notoriamente la grande città d’America con la più piccola popolazione nera, solo il 6%. All’inizio, l’Oregon escludeva per legge l’immigrazione di neri nello stato. Mentre la seconda guerra mondiale ha portato un gran numero di lavoratori industriali al cantiere navale di Vanport, determinando la crescita di una fiorente comunità nera, quella comunità è stata ripetutamente interrotta dalla pianificazione urbana: autostrade, stadi, centri congressi, gentrificazione.

E dalla violenza della polizia. C’è una storia continua di lotte nere a Portland, almeno dagli anni ’60. La candidata a sindaco Teressa Raiford non è solo la fondatrice dell’organizzazione di attivisti di strada a lungo termine della città che affronta la violenza della polizia (Don’t Shoot PDX), è anche la nipote degli obiettivi del famigerato adescamento razziale durante la grande ondata di resistenza negli anni ’70 e anni ’80 contro i poliziotti che uccisero uomini neri. Le originali pantere nere di Portland come Kent Ford sono state regolarmente nelle strade negli ultimi mesi. Un altro, Lorenzo, ha avviato i Riot Ribs.

D’altra parte, rispetto ad altre città, l’establishment della classe media nera è abbastanza conservatore. In effetti, è conservatore rispetto alla maggior parte di Portland, anche su questioni come la polizia. Ciò significa che le organizzazioni nere come la “Albina Ministerial Alliance”, che ha guidato per decenni crescenti tentativi per le riforme della polizia, sono state messe da parte dalla rivolta. Quando il Rev. Mondainé della NAACP di Portland ha tentato di organizzare un evento per annunciare il suo articolo del Washington Post di luglio che denunciava le proteste come uno “spettacolo bianco”, in pochi si sono presentati. L’articolo è stato strombazzato a livello nazionale da elogiativi di destra e centristi, ma a livello locale è caduto. Perché? Perché mentre i manifestanti sono certamente per la maggioranza non neri (probabilmente più o meno in proporzione alla popolazione della città), e sebbene “spettacolo” non sia una parolaccia per descrivere come la rivolta di Portland è stata raccontata dai media nazionali, l’esperienza nelle strade è qualcosa di diverso.

Portland è abbastanza piccola, e il movimento è abbastanza grande, che una percentuale significativa di residenti ha un’esperienza personale delle strade o conosce qualcuno che lo fa. E le azioni di strada dimostrano un’esperienza straordinaria, complessa, imperfetta, ma molto tangibile della leadership nera.

In particolare, le leadership nere competizione spesso sono in disaccordo in modo evidente. Come la maggior parte degli organizzatori in questo periodo, praticamente tutte le principali squadre di organizzatori neri di strada sono emerse con la lotta per George Floyd: Rose City Justice, il Portland Protest Bureau (ribattezzato Black Unity, seguendo i suoi mentori da Eugene), i Fridays 4 Freedom, iBlack Youth Movement e altri. Negli spazi che si organizzano, senza gruppi di leadership visibili, così come negli eventi delle azioni dirette, la leadership nera individuale è altrettanto nuova, ed è almeno altrettanto forte ed è diventata sempre più visibile.

Molte città segnalano repressioni rapide e di successo contro le tattiche di confronto, in cui le organizzazioni nere della classe media liberale ben consolidate e dotate di risorse sufficienti hanno cooptato la narrativa nelle prime fasi della rivolta. Siamo sfuggiti a quel risultato, probabilmente perché la versione di Portland era meno organizzata all’inizio. Quando il “picchiare” (cioè presentarsi a un evento organizzato in modo radicale, assumerne la direzione usando megafoni, denunciare e deviare dall’azione diretta, sfruttando il senso di colpa bianco) è diventato una tecnica affinata, un grande nucleo di persone aveva già sviluppato un forte senso di solidarietà reciproca nella loro opposizione pratica a una forza di polizia che aveva abusato di tutti loro, insieme, nei giorni e nelle settimane precedenti. Questa è diventata la base per la cultura “in controtendenza” che segue coscientemente la leadership nera a livello di strada in direzioni più abolizioniste.

È stato un viaggio difficile, ovviamente. Molti partecipanti non neri nelle strade senza dubbio iniziarono come progressisti stereotipati con più segni “Black Lives Matter” che amici neri, più familiari con il linguaggio anti-oppressione stile college che con la tradizione radicale nera. Sono stati commessi errori, grandi, disordinati, a volte su un palcoscenico nazionale (vedi: Wall of Moms). Nondimeno, nel tempo, coloro che tengono le strade hanno coltivato una pratica impegnata di mettere in primo piano le voci nere e il messaggio di liberazione dei neri (vedi: Moms 4 Black Lives).

Ciò significa che molti Portlanders bianchi hanno imparato in termini abbastanza pratici che seguire la leadership nera richiede delle scelte. Le prospettive dei neri sono profondamente varie. Quelli che parlano più forte, nei media e dai podi, sono generalmente amplificati dalla collaborazione con interessi consolidati. Ma nelle azioni di strada si può trovare una profonda rabbia nera, dedizione e amore che alimentano l’impegno ad abolire le forze che ci tengono legati. E idee su come farlo da noi stessi.

In che modo coloro che cercano di agire in modo solidale decidono cosa fare? Attraverso questa rivolta, i Portlanders non neri hanno scoperto di dover necessariamente prendere le proprie decisioni. Come? Sulla base delle proprie esperienze, esigenze, desideri. La forza motrice deve provenire dalle loro stesse vite, ma legata alle vite nere in lotta.

Quelli che si uniscono nelle azioni dirette notturne lo fanno perché quei sentimenti neri nelle strade risuonano con i loro. Tali interessi e idee si allineano con i propri. Insieme agli indigeni, ai Latinx e ad altre persone di colore, i bianchi a migliaia stanno iniziando ad agire come co-cospiratori nel lungo viaggio verso la rovina del potere dell’impero. E mentre il razzismo strutturale significa che molto rimane diverso tra noi, e gli errori continuano a essere commessi, l’esperienza condivisa di ripetute brutalità collettive da parte della polizia, notte dopo notte, approfondisce le nostre relazioni.

Tutto ciò ci colloca, consapevolmente o meno, nella cornice del lignaggio generazionale della tradizione radicale nera. Tra le molte pratiche ispiratrici che i narratori di quella tradizione sottolineano c’è l’attenzione alla cultura, alla dignità, alle relazioni e all’esperienza pratica al centro della lotta politica. Nella storia di Portland che segue, discerniamo i modi in cui queste caratteristiche sono presenti anche qui e ora. Anche questo approfondisce le nostre relazioni.

Resta da vedere dove portano tali connessioni. Sviluppare una complicità robusta e resiliente contro il razzismo è un’attività incompiuta e una storia molto più lunga. Ma qualunque altra cosa sia stata, la rivolta di Portland (come altrove) ha composto gente normale di molte razze, per lo più classe operaia e povera, guidata dai radicali neri al confronto diretto con la fine appuntita della repressione statale, insieme. È qualcosa.

Noi Abbiamo noi

Questi nuovi movimenti nelle strade raccolgono un’ampia varietà di persone. L’esperienza di cento giorni e più di intensa azione insieme è spaventosa ed estenuante, eppure molte persone rimangono impegnate e impegnate. Perché?

Vediamo due modelli al centro di esso. In primo luogo, non solo la maggior parte di coloro che sono coinvolti sono nuovi arrivati ​​all’azione di strada, ma anche la maggior parte delle squadre e dei collettivi chiave sono nuovi. In secondo luogo, l’enfasi sulla cura pratica reciproca è presente in modo particolarmente profondo.

La novità dell’organizzazione significa che le persone sono molto meno ostacolate dai successi e dai molti fallimenti della scena radicale di Portland a lungo termine. Ciò consente alle persone di essere più aperte l’una all’altra, a nuove idee e pratiche. In questo modo, attraverso il dinamismo e l’intensità di un lungo momento di rottura, le differenze ideologiche o di identità hanno causato meno antagonismo che nelle sottoculture radicali “normali”. E poiché le persone non arrivano già altamente identificate con raggruppamenti specifici, o con il bagaglio intergruppo, il legame profondo attraverso esperienze traumatiche ed esilaranti nelle strade collega le persone in generale a tutti gli altri presenti. 

Questa apertura e connessione è stata completata da un’attenzione organizzata alla cura reciproca. Parte di questa attenzione discende dalle precedenti ondate del movimento radicale di Portland, come l’infrastruttura dei medici di strada (in cui le squadre della vecchia scuola sono state raggiunte, a volte a disagio, da molti nuovi gruppi e individui) e le squadre che forniscono snack (SnackBloc, affiancato da Snack Van, ecc.). Per la maggior parte, tuttavia, gruppi eroicamente popolari come le Streghe (che forniscono DPI, protezione dalle munizioni e altro equipaggiamento) e Riot Ribs (un fenomeno di grigliata gratuito con un aumento e una caduta meteorica) sono emersi ciascuno durante il corso dell’attuale rivolta, fornendo un po’ di carnevale durante gli eventi, fino all’arrivo della polizia. Persino le funzioni tipiche degli attivisti come lo scouting, le comunicazioni, il controllo del traffico e simili sono state incluse sotto il mantello della creazione di una maggiore sicurezza per i partecipanti (SafePDXProtest), piuttosto che attraverso il linguaggio “militare della protesta” che avrebbe potuto essere usato prima.

A sua volta, questa cultura dell’assistenza è più invitante per i nuovi arrivati. Per la maggior parte di questo tempo, infatti, le persone sono state ampiamente generose e indulgenti l’una con l’altra. (Questo, in contrasto con una scena radicale preesistente che si è lacerata per anni a causa di spaccature ideologiche e personali). In effetti, c’è un gruppo specifico (PDX Comrade Collective) incentrato sulla creazione di uno spazio in cui le persone possano incontrarsi, fare amicizia e formare gruppi di affinità, ogni notte. Non si sottolinea mai abbastanza quanto sia stata importante questa apertura per mantenere un’affluenza costante a centinaia, notte dopo notte, dopo notte. Mentre alcune persone sono coinvolte nel sistema giudiziario o si ritirano dal trauma, altre prendono il loro posto.

Questo tenore di generosità è ovviamente minacciato. Le questioni relative ai comportamenti patriarcali e razzisti sono in corso e devono essere affrontate, e non abbiamo modelli di successo ampiamente condivisi da cui attingere. L’inevitabile infiltrazione alimenta sempre gli antagonismi, mentre anche l’esaurimento, la paura e la perdita vengono fuori in modi dolorosi.

Dopotutto, siamo sotto pressione a causa di aggressioni razziste e di un carico impressionante di repressione statale. Le pratiche sagge attraverso le quali prendersi cura l’uno dell’altro devono essere la nostra prima linea di difesa. Ciò significa aumentare i nostri accordi su come ci comportiamo insieme e farli aderire. Significa sapere che tutti noi commetteremo degli errori e che quelli che più probabilmente inciamperanno sono quelli arrivati ​​più di recente, che sono anche coloro che dobbiamo accogliere e sostenere per crescere, soprattutto. 

Noi abbiamo noi.

Supporto popolare

Nonostante gli sforzi concertati dei media mainstream, l’establishment conservatore della classe media nera e il discorso nazionale parodico, le proteste nelle strade rimangono ampiamente popolari a Portland, molto più popolari della polizia o del sindaco. Ciò è confermato dai sondaggi, così come dall’esperienza di camminare per le strade cantilenando (o correndo indietro per quelle strade, inseguito da poliziotti, gas lacrimogeni e colpi di fulmine) e di avere vicini che ci incoraggiano da porte e finestre. 

Tale sostegno popolare non è affatto scontato. A Portland, come altrove, le azioni anarchiche vestite di nero con finestre rotte, graffiti, ecc. sono spesso disdegnate dai non attivisti. Qualcosa è diverso questa volta.

In parte è stato il Portland Press Corps. Questa è la troupe di giornalisti che ha corso per le strade con le azioni, notte dopo notte dopo notte. Hanno iniziato come un miscuglio di freelance, giovani trader per i settimanali locali, alcuni dipendenti della stampa e un pool molto più ampio di dilettanti e live streamer. Ma a differenza di quasi tutta la stampa tradizionale che copre le proteste passate, questi giornalisti hanno subito gran parte della violenza che i manifestanti ricevono (anche se in qualche modo meno mirati, e solo dopo ripetute ingiunzioni del tribunale). Ciò significa che hanno sviluppato un senso di cameratismo tra loro, ma anche con la rivolta. Di conseguenza, hanno sia la capacità che la motivazione per raccontare una storia più profonda del semplice “comunicato stampa della polizia + slogan dei segni + foto appariscente” che troppo spesso comprende narrazioni mediatiche.

C’è stato un dibattito legittimo sui pericoli tattici della trasmissione di immagini che identificano le persone a fascisti e poliziotti. Anche se molti giornalisti sono diventati molto più bravi a proteggere le proprie fonti evitando i volti, il sentimento generalizzato “anti-mediatico” persiste tra alcune troupe sul campo. Ma non dovrebbero esserci dubbi sul fatto che la rivolta sarebbe molto più isolata se non fosse per la storia chiara, coerente (e notevolmente accurata) che il Corpo della Stampa è riuscito a inserire in piattaforme altrimenti antagoniste.

Eppure, anche il Corpo della Stampa sta nuotando contro la corrente dei media corporativi. Per questo motivo, è stato ancora più importante che una vasta gamma di “gente normale” (cioè quelli al di fuori dell’ambiente di attivisti autoisolati) fosse radicalizzata dall’esperienza di essere stata picchiata dall’ufficio di polizia di Portland nei primi giorni. Per questo motivo, una gamma ancora più ampia di persone collegate dalle loro reti è stata esposta a una visione interna e personale di ciò che è accaduto.

A ciò si sono aggiunti gli sforzi in corso per sondare i quartieri colpiti dalle proteste, per fare pulizia, per espandere l’aiuto reciproco ad altre comunità, ecc. Sebbene questo non sia stato uno sforzo coordinato a livello centrale e molte azioni individuali lo abbiano minato, sorprendentemente rimaniamo non ancora distaccati dal tessuto della città.

Spezzare la polizia

La polizia ottiene la licenza dallo stato per controllare, picchiare e uccidere. Ma non possono controllare, picchiare e uccidere un’intera popolazione, poiché non ce n’è sono abbastanza vicini. Quindi dipendono dal “poliziotto in testa”, la deferenza che concediamo, il più delle volte, a ciò che crediamo possa risparmiarci dal male. Se vogliamo “distruggere i poliziotti”, con ciò intendiamo, annullare il sistema di polizia, dobbiamo sviluppare pratiche che degradino la capacità della polizia di mantenere questo ordine violento.

Durante il periodo della rivolta, attraverso azioni di strada, la fiducia e l’abilità di Portland nel contrastare la polizia è cresciuta costantemente. A un certo livello, possiamo vederlo nelle risposte di gruppo agli ordini della polizia: siamo più resistenti quando attaccati, non ci tiriamo indietro fino a quando non siamo costretti e torniamo il più immediatamente possibile. Usiamo muri di scudi e fuochi d’artificio per contestare lo spazio, e talvolta solo numeri. Contestare lo spazio fisico in questo modo contesta anche la legittimità della polizia a usare la violenza per forzare la propria volontà. Contesta il “poliziotto in testa”, per coloro che scelgono di agire direttamente nel momento, ma anche per coloro che sono in mezzo alla folla, o che guardano dalla loro veranda, o in live streaming, o anche in TV. Questo è un inizio. Ma cosa si prova a interrompere effettivamente la funzione di polizia, più in generale? 

Un approccio è stato quello di “colpire l’orso”, cioè provocare azioni di polizia per mezzo di graffiti, piccoli incendi, lancio di bottiglie d’acqua e simili, notte dopo notte, anche se sembra che altrimenti potrebbero ignorarci. Perché? Per sollecitare una risposta quanto più ampia possibile, quante più ore di straordinario, quanti più furgoni antisommossa separati e smontaggi e corse di tori possibili. L’obiettivo è esaurire fisicamente e finanziariamente la polizia. La polizia ci ha ripagato di questo con percosse, veleno chimico e innumerevoli arresti. Ma è anche costato caro alla polizia. Come una forma di azione sindacale che interrompe la “fabbrica” della polizia, ha costretto la città a considerare se vuole intrattenere concessioni serie, oppure raddoppiare la repressione.

È importante notare che i nostri successi sono dipesi dai i termini di impegno chiaramente limitati [da parte della polizia n.d.r.]: nessun fuoco vivo, prima di tutto, e alcuni vincoli alla brutalità assoluta. Questi vincoli non sono un dato fisso, ovviamente. Derivano da una paura strutturale da parte dei funzionari della città e della leadership della polizia che una maggiore brutalità contro la resistenza costerà loro più di quanto possano guadagnare. Per mantenere i limiti alla repressione dobbiamo rendere reale quella paura e fare in modo che i singoli poliziotti e la struttura più ampia paghino per i loro “eccessi”.  Abbiamo avuto un certo successo in questo. Abbiamo visto funzionari politici ordinare limiti sui gas lacrimogeni e riassegnare gli ufficiali, abbiamo visto il Procuratore Distrettuale far cadere le accuse, ecc. Ma con l’aumentare della posta in gioco, è diventato sempre più chiaro che questa rivolta non svanirà senza combattere, sia il sindaco che il governatore hanno rischiato di inimicarsi la loro base progressista dando segnali sia taciti che visibili che alcune strette sono vietate. I poliziotti hanno amplificato la cruda violenza dei loro arresti, prendendo di mira le persone in modo più casuale, intimidendo e molestando anche in assenza di qualcosa di lontanamente illegale. E con la recente sostituzione federale a lungo termine della polizia statale (e ora cittadina), stanno dando libero sfogo al Procuratore Generale degli Stati Uniti di Trump per compilare il libro con le dozzine di arrestati ogni notte. Questo approccio rappresenta un rischio per l’ordine decisionale. Riusciranno a reprimere la rivolta prima che ne sorga una ancora più grande, radicalizzata dall’esperienza in rappresentanza del pugno grezzo del potere illegittimo? Questo è qualcosa su cui abbiamo influenza.

Abolizione

L’abolizione della polizia è passata negli ultimi sei mesi da un argomento marginale al centro del dibattito. Slogan come “Fanculo la polizia”, ​​”Nessun buon poliziotto in un sistema razzista”, “Sciogli il PPB” possono ora essere ascoltati ogni giorno per strada. Vari legislatori municipali (Minneapolis, tra gli altri) hanno dichiarato le loro intenzioni di sciogliere le loro forze di polizia locali. Molto più che mai, l’argomento è sul tavolo. Ora affrontiamo la sfida: cosa può significare concretamente l’abolizione?

Ovviamente, alcune delle tecniche per raggiungere questo obiettivo sono più o meno chiare: non solo mosse generali come il ribaltamento delle ingiustizie economiche che guidano la maggior parte dei crimini, ma anche più specifiche, come nuovi tipi di squadre di crisi per gestire la maggior parte delle chiamate di emergenza. che non sono violenti. Ma cosa facciamo con un comportamento violento e aggressivo? Come lo affrontiamo? Che aspetto ha una abolizione vittoriosa? 

Che il consiglio comunale lo decida o meno, “noi” come movimenti o come comunità avremo bisogno di creare la sicurezza della comunità attraverso un’azione diretta. Eppure, nella rivolta di Portland (e in molti altri contesti), i nostri movimenti hanno mostrato significative debolezze nel farlo, anche quando abbiamo il “controllo” sulla situazione. Alcuni esempi locali degni di nota illustrano sia la sfida che l’opportunità che ciò comporta. 

All’inizio di agosto, Riot Ribs, una straordinaria pratica di sfidante amore radicale alimentare, è stata annullata da un’acquisizione armata guidata da un partecipante scontento. Molte sfide hanno contribuito: l’acquisizione è stata guidata da un uomo di colore chiamando attivisti relativamente privilegiati che tenevano i cordoni della borsa mentre le persone senza casa lavoravano gratuitamente. Ma la presa di potere stessa è stata richiamata dai radicali neri per aver ricavato un soldo dal movimento e aver rivolto la violenza ai compagni. Molte persone appena svegliate non avevano chiarezza su come seguire le voci nere, pur facendo scelte critiche tra loro. Altri, che sapevano bene chi ascoltare, avevano ancora poca idea di cosa fare. 

Che cosa noi facciamo? Nonostante le discussioni su Twitter e il fatto che la polizia ci avesse in gran parte lasciato il centro di Portland, non siamo stati in grado di risolvere bene il problema. Alla fine, la maggior parte dell’equipaggio di Riot Ribs ha lasciato la città, lasciando il resto di noi a evitare goffamente gli “usurpatori”. Un paio di settimane dopo, questo fallimento è tornato a casa. Uno dei membri dell’equipaggio di questi giovani aggressivi che si erano aggregati ai nuovi occupanti di quello che era stato il Riot Ribs, uno che aggrediva le persone regolarmente, ha preso a calci uno spettatore incosciente in un attacco a tarda notte che è diventato virale, danneggiando la nostra credibilità sia per noi stessi che negli occhi degli altri.

Poco dopo, Michael Reinoehl ha sparato ad un estremista di destra, e poi cinque giorni dopo è stato ucciso da una task force federale. La sua è una storia complessa, ma le varie narrazioni emergenti dalla sua morte condividono elementi chiave. Sapevamo tutti che i gruppi della destra stavano sparando su di noi, aspettando una scusa per attaccare e uccidere, ma non avevamo elaborato una risposta chiara e condivisa collettivamente alla minaccia. Invece, è emerso un mix ad hoc di misure di autoprotezione, in cui Michael è intervenuto fin dall’inizio come agente di “sicurezza” auto-designato. Gli individui erano preoccupati per alcuni dei suoi comportamenti irregolari o patriarcali, ma non c’era alcun contesto in cui affrontarli. Secondo il proprio racconto, Michael si è ritrovato ad arrivare alla fine di una situazione tesa e con poche informazioni e nessun supporto da una più ampia infrastruttura di sicurezza.

Quello che è successo è stato tragico, anche perché la nostra confusione su come relazionarci con Michael ha minato la nostra capacità di addolorarci e organizzarci attorno al suo assassinio da parte della polizia. Faceva parte del nostro movimento ed era anche un essere umano imperfetto, che intraprendeva azioni influenzate dai difetti del nostro movimento. Le sue azioni erano per le molte persone che agiscono nel movimento al di fuori dei parametri impliciti con cui questi agiscono; ma non abbiamo nemmeno avuto un modo condiviso per sapere cosa sono queste azioni, nessun modo collettivo per praticarle. Ricordando Michael, ci rimane un vuoto, un pezzo mancante, un disagio. Perché anche se non siamo in linea con le sue azioni, condividiamo la sua paura di una minaccia incombente. Dobbiamo difendere noi stessi, le nostre comunità, i nostri movimenti e per farlo non possiamo fare affidamento sulla polizia; non dovremmo diventare poliziotti. Un altro modo deve essere trovato.

Quindi: “che aspetto ha l’abolizione?” non è un problema astratto. È viscerale, proprio qui e adesso. Abbiamo compiuto progressi su questo problema, qua e là, in modi diversi. Ma non è ancora abbastanza. Come possono essere intrecciati il ​​nostro impegno per l’autonomia e la sicurezza della comunità? Forse iniziamo riflettendo su come affrontare il tipo di sfide immediate di cui sopra. Forse nuove pratiche emergono nelle strade o negli accampamenti occupati. Forse organizziamo porta a porta in un probabile quartiere e prendiamo su noi stessi il ruolo di “primo soccorritore”, cacciando i poliziotti strada per strada. 

Qualunque cosa sembri, sarà difficile, piena di contraddizioni, piena di errori e imparerà dagli errori, per poi commettere di nuovo errori. Ma ne vale la pena. Nel resto di questo documento, utilizziamo i dettagli dell’esperienza di Portland per tracciare una possibile via da seguire.

Un quadro: noi

Come annulliamo la polizia? Come strappiamo lo spazio per la sicurezza della comunità dal tessuto del controllo violento, come parte di uno slancio più ampio per cambiare le relazioni sociali? Come non rimanere schiacciati?

Suggeriamo: concentrandoti su di noi. Se riusciamo a continuare a crescere e a diffondere intrecci di relazione in tutta la società più ampia, creando allo stesso tempo pratiche più forti che accrescono il nostro potere di agire in modi più comprensivi e coordinati, allora ci stiamo riuscendo. D’altra parte, non importa quanto siano eccitanti o brillanti al momento, se le nostre azioni ci sminuiscono, se attenuano la nostra coordinazione e potenza, allora stiamo perdendo e abbiamo bisogno di cambiare rotta o direzione. Questa distinzione, che valuta l’utilità di un atto in modo pratico sulla base di circostanze specifiche, piuttosto che in un modo ideologico basato su astrazioni, ci permette di eludere e disattivare molte delle false opposizioni che spesso affliggono il ragionamento strategico.

Ad esempio, si consideri la familiare dicotomia tra politica di pressione e azione diretta. Da un lato, ci sono coloro che si riferiscono alle proprie azioni come tecniche progettate per spingere i politici o altri responsabili delle decisioni all’interno del sistema a cambiare qualcosa; dall’altro, c’è chi vede l’azione come un modo per prendere in mano la situazione. C’è una dura opposizione qui? Se consideriamo gli impatti delle nostre azioni nel tempo, sul nostro potere, vediamo che a volte costringere i decisori a cambiare politica può darci un respiro per crescere, piuttosto che essere schiacciati; può costruire la fiducia dei nuovi arrivati ​​che un cambiamento significativo è in arrivo; e può farlo evitando la trappola di rafforzare la legittimità di quelle stesse élite. (Naturalmente, è più comune che tali azioni servano da preludio alla cooptazione di noi, smobilitare il nostro sostegno, riportare le cose “alla normalità”. Ma quale risultato prevale ha molto a che fare con noi). D’altra parte, quando prendiamo in mano la situazione, se lo facciamo in modo tale che un piccolo gruppo di “radicali” venga alienato o disconnesso dalle migliaia di altri nella città che attualmente partecipano alla rivolta, ci rendiamo più facili da schiacciare. E non è potente.

Questo quadro suggerisce che quando lottiamo su tattiche, priorità e alleanze, ci concentriamo su ciò che, in una situazione molto specifica, accrescerà maggiormente il nostro potere di agire. Poiché la crescita del potere collettivo procede per salti qualitativi, non è un problema algoritmico; non c’è un semplice calcolo da seguire. Non è mai una linea retta dall’azione al risultato. Tuttavia, possiamo fare ipotesi e scommesse a metà percorso su ciò che ha più senso, senza avere un piano astratto in anticipo. Si tratta di rimanere “vigili” e restare connessi o in contatto con la dinamica.

Questo è ciò che serve per diventare abbastanza forti da creare sicurezza senza oppressione. Abolire la polizia.

Il comporsi del movimento.

“Composizione” è un termine in evoluzione di recente per capire come accresciamo il nostro potere di agire e come questo venga collegato ad altre formazioni intorno a noi. Ovunque una lotta attiri tutti i diversi tipi di persone, “composizione” si riferisce alla sensibilità, modestia e intelligenza tattica che possono consentire a vari segmenti, funzioni e gruppi di partecipanti di articolarsi e coordinarsi abbastanza bene da agire insieme senza una singola leadership, linea o identità. 

Ad esempio, in questa rivolta le scene ideologiche, generazionali e sottoculturali di Portland, di solito auto-segreganti, sono state avvicinate in modi che si supportano a vicenda. Cosa lo rende possibile? Sebbene non ci sia una forma fissa da seguire, negli ultimi anni è iniziata una conversazione diffusa ma ricca su cosa funziona e cosa no. 

Un fattore che ha contribuito è stato l’uso flessibile degli slogan, che aiuta a tessere le persone, anche se possono essere interpretate in modo molto diverso. Lo stesso “Black lives matter” è un esempio supremo. “Pronuncia il suo nome! Dì il suo nome!” è allo stesso tempo un grido di lutto, uno strumento educativo e un segno di solidarietà. Gridare insieme mette i nostri corpi in risonanza. Quasi tutti gli slogan distintivi di questo momento ruotano intorno al proteggerci a vicenda, unendoci. “Che cosa hai visto? Non ho visto un cazzo”, “Stiamo insieme, stiamo stretti; lo facciamo ogni notte”, “Noi abbiamo noi”. Eppure, i nuovi arrivati ​​sperimenteranno queste frasi in modo completamente diverso dai veterani; per alcuni sono una promessa, mentre per altri un richiamo, o addirittura una nostalgia.

Per quanto riguarda cos’è “questo” che facciamo ogni notte, cosa “merda” non vediamo e come esattamente ci siamo “presi” l’uno con l’altro, ogni persona invocherà i propri referenti.

Un altro fattore è la densità dell’esperienza quotidiana condivisa. Dall’interno di un contesto di azione condiviso, scelte che altrimenti potrebbero sembrare allineate con questa o quella “ideologia” o “sottocultura” diventano eminentemente pratiche e utili in modi che chiunque sul campo può vedere. È palesemente ovvio perché il black bloc è utile, in questi giorni. Inoltre, questo non deve tradursi solo in uniformità: in vari punti altre formazioni hanno adottato altri approcci (come le mamme, i papà, veterani, gli insegnanti, i medici, i blocchi sacerdotali che utilizzano insegne di altri colori) che interagiscono con il black bloc senza negarlo neanche simbolicamente o in pratica. Invece, diventano parte di un ecosistema di supporto.

Ma il nostro apprendimento pratico sulla composizione è stato forse il più chiaro per quanto riguarda il più tremendo degli ostacoli, il cosiddetto dibattito tra “violenza e nonviolenza”. Anche qui il dibattito è stato ampiamente superato nelle strade. Questo non vuol dire che sia stato sostituito da un semplice, chiaro unisono sul bruciare tutto in continuazione. Ci sono stati momenti contestati, più e più volte, tipicamente per gli incendi. L’incendio al Mid-K Beauty Supply era legittimo? E all’Elk? E al Justice Center, dove c’erano le persone? Ovviamente, bruciare un distretto vuoto va bene. Destra? Alcune persone accendono un incendio. Altri ne discutono, ne urlano. A volte, un gruppo cerca di metterlo fuori e alle volte ci riesce. Questo è un processo molto più complicato di un “sì” o “no” definitivo, appropriato per tutti i casi, che verrebbe quindi applicato da una classe di polizia di protesta o da una squadra di polizia anti-protesta. Nelle strade le persone cambiano idea. Le pratiche evolvono. Ciò che non aveva senso la scorsa settimana, oggi sembra assolutamente ragionevole.

Sebbene queste contestazioni pratiche di tattiche nelle strade possano portare a tensioni individuali, la nostra sensazione è che tendano più in generale a unire le persone. I gruppi non si stanno sviluppando in eco-camere ipocrite isolate; stanno lottando, esternamente e internamente, pur rimanendo in contatto attivo.

Termini di impegno limitati

Fuori da questo processo a livello di strada, e senza molto spazio reale per un dibattito generalizzato su di esso, nei primi 100 giorni si sviluppò un repertorio specifico di tattiche. Possiamo chiamarlo il “modello Portland” di contestare lo spazio con la polizia. In generale, include:

Scudi, ombrelli, maschere antigas; Graffiti, macchine fotografiche che distruggono, finestre (di bersagli “appropriati”); Lanciare bottiglie d’acqua e fuochi d’artificio; Accendere fuochi con i bidoni di spazzatura, ma non tentare di bruciare edifici (o anche automobili); Uso offensivo e difensivo dei laser; Lanciare palloncini di vernice; Non molotov. 

Nel complesso, il principio di selezione consiste in quelle cose che si possono fare che è improbabile che producano gravi danni fisici agli esseri umani. A un livello, questa è una limitazione. Una volta che tali limiti sono stati posti in essere, diventa più difficile spostare improvvisamente il repertorio per accogliere forme più profonde di insurrezione. D’altra parte, le insurrezioni che non si generalizzano e si diffondono ad altri segmenti della società tendono comunque a fallire prima o poi.

Con ogni probabilità, ciò che fa la differenza è quanto del più ampio sostegno delle persone che devi tenere con te in ogni fase, così come le reazioni che questa o quella tattica genereranno nelle forze di sicurezza e come queste avranno un impatto su di noi. Non esiste una rubrica universale e non possiamo sapere in anticipo con certezza quale impatto avrà questa o quell’azione. Tuttavia, più sei vicino alle cose, meglio puoi indovinare. Per ora, i “termini limitati” del repertorio di Portland ci hanno permesso di superare il muro artificiale dello stallo “violenza / nonviolenza”. Nonostante i messaggi cronici delle élite, la maggior parte degli abitanti di Portland non sembra considerare illegittimi i manifestanti notturni, come probabilmente farebbero se ferissero attivamente le persone.

Sicurezza della comunità

Il modo in cui affrontiamo queste domande tattiche ha una relazione analoga su come pensiamo di sviluppare la sicurezza della comunità. In ogni caso, si tratta di un processo in base al quale i conflitti di strada presiedono all’emergere di una sensibilità condivisa su ciò che è accettabile e inaccettabile, che stabilisce accordi identificando comportamenti appropriati e mantenendo questi criteri nella pratica per un tempo prolungato.

Abbiamo avuto alcuni successi nello sviluppo di tali norme di sicurezza, ma sono fragili. Perché? In generale, siamo stati ostacolati da una mancanza di immaginazione riguardo a ciò che potrebbe significare “sicurezza della comunità di protesta” (al contrario di polizia di protesta), anche se la pratichiamo! Ci mancava un linguaggio attraverso il quale inquadrare ciò che stavamo facendo, lasciandoci senza alcun senso di come rafforzare la nostra sensibilità condivisa quando sono stati messi a dura prova. Questo spiega in parte perché le esperienze più impegnative che coinvolgono accuse di comportamento abusivo, come Riot Ribs e Reinoehl, sono state così difficili da gestire.  Il risultato di questa debolezza è che dobbiamo prendere l’abolizione più seriamente di quanto abbiamo fatto finora. Dobbiamo iniziare a praticarla adesso. Perché la sicurezza della comunità abolizionista protegge il nostro movimento da minacce sia interne che esterne; non solo contro le infiltrazioni, ma anche lo stupro e il razzismo. Tali pratiche dimostrano agli altri che esiste effettivamente un percorso da seguire, qualcosa a cui possiamo attingere in situazioni pericolose, e non solo aria calda. Ancora più importante, aumenta il nostro potere collettivo: più persone organizziamo in strutture di sicurezza della comunità, più spazio sottraiamo alla polizia. In effetti, questi forniscono un modello di “riforme” in cui possiamo esercitare pressioni sui politici, che (con il lavoro) si traducono in effettive zone liberate de facto simili a CHOP a lungo termine, anche se all’inizio non sono contigue e porose. In altre parole, se fatto in modo efficace, affrontare la nostra merda interna potrebbe spingerci verso un “finale di partita” con la città in cui siamo in grado di sconfiggere il PPB e iniziare a gettare i semi della sua fine. Potremmo fallire in questo, ma almeno vale la pena provare come sarebbe vincere. Siamo stati abituati a fallire, a essere schiacciati, poi a leccarci le ferite fino alla prossima volta. Ma ci sono altre opzioni. Le nostre azioni effettivamente cambiano il tessuto della realtà sociale. Soprattutto adesso.

Avvertenze

A questo punto, potrebbe sorgere un’obiezione comprensibile: ha senso discutere i quadri abolizionisti per la protezione della comunità isolandoli da tutte le altre dinamiche che accompagnano una rivoluzione o un’insurrezione, come la salute mentale, l’alloggio, le catene di fornitura e simili? Dopotutto, senza l’interruzione e la ridefinizione delle strutture del capitalismo che ci schiacciano quotidianamente, i problemi cronici della nostra società non condanneranno gli sforzi per creare una “rivoluzione in un settore”?

Sì, il pieno successo richiederà cambiamenti più ampi e fondamentali. Ma l’abolizione, in particolare, non può essere semplicemente un’idea che si allontana oltre un orizzonte sempre rinviato della rivoluzione futura, pur rimanendo inattuabile nel presente; deve anche essere una forza pratica sperimentale, qui e ora. A Portland, le persone escono ogni sera e si riappropriano delle basi della vita, rispondono ai compiti pratici che qualsiasi sequenza insurrezionale porterà con sé, inclusi salute mentale e benessere, e lo stanno facendo in un contesto di (limitata) “guerra”. Ciò significa che siamo già responsabili nell’affrontare le esigenze di sicurezza, come descritto sopra.

Ma come possiamo evitare di finire come quelle organizzazioni non profit dell’establishment a Minneapolis, dove la “sicurezza della comunità” è usata come mezzo per le élite per reprimere l’insurrezione? 

La differenza è che siamo noi a sviluppare un approccio alla sicurezza della comunità per noi stessi. Quando il problema viene affrontato in modo autonomo in modi che si basano sui complessi legami che noi frontliner abbiamo già sviluppato con la comunità più ampia, inclusi gli accordi riguardanti il ​​nostro repertorio tattico di cui sopra, possiamo ancora commettere errori. Ma quando noi facciamo il “decidere”, siamo in grado di cambiare le nostre menti, se scopriamo che le scelte fatte in precedenza hanno minato il nostro potere. La “sicurezza” come problema funziona come una tattica nel contesto di una strategia locale, sperimentale e immanente, orientata alla crescita del potere e dell’azione collettiva. Non è un sistema di valori imposto dall’esterno da chi pretende di “conoscere meglio”. 

Come possiamo prendere decisioni e farle rispettare, senza riprodurre le oppressioni dello Stato?

Anche qui va tenuto presente come è emerso il limitato repertorio tattico, in quanto testimonia una forma di “risolutezza” immanente che è emersa senza mai essere formalmente “decisa”. Ma, come abbiamo anche notato, un tale processo è di utilità limitata se rimane inespresso. Ad esempio, come possiamo assicurarci che i nuovi arrivati ​​ne vengano a conoscenza? In che modo questo tipo di consenso decentralizzato sulle pratiche interagisce con nuovi arrivati ​​ostili, infiltrati o gruppi organizzati che arrivano con la propria agenda?

Man mano che emergono pratiche condivise, dovremmo sviluppare un modello per notarle e rendere questo fatto esplicito l’uno all’altro. Più affermazioni e culture condivise possono essere comunicate esplicitamente, anche quando rimangono quasi generalità, meglio è.

Differenza e risolutezza

Il metodo di composizione risponde a una caratteristica fondamentale dei nostri tempi caotici odierni, ovvero l’implosione delle istituzioni sociali mediatrici. Per noi, abbracciare un modello di decentralizzazione è una resa necessaria dei nostri tempi. Al di là delle considerazioni organizzative legate alla cultura della sicurezza o ai pericoli della rappresentanza politica, dobbiamo riconoscere che, a un livello più profondo, il significato stesso di lotta e rivoluzione oggi è decentralizzato in sé.

I movimenti contemporanei non sono coalizioni tra gruppi o organizzazioni di interesse politico preesistenti. Piuttosto, i movimenti odierni riuniscono individui singolari nella loro singolarità, senza fonderli in un tutto formale. Mentre il crogiolo delle strade produrrà sempre nuove formazioni pratiche, che potrebbero (preghiamo) seminare nuovi percorsi di vita cruciali nelle lunghe emergenze a venire, è inutile chiedere ai nostri movimenti di fonderli nell’omogeneità qui e ora. Per il prossimo futuro, la forza non verrà dall’unità, ma come agilità nel caos. Dobbiamo acclimatarci a una situazione in cui persone diverse condividono esperienze comuni per le strade assegnando loro significati molto diversi. Il problema non è riunire tutte le particelle atomiche in un nuovo soggetto di massa, ma come sviluppare uno spazio d’azione permeabile e flessibile in cui corpi e desideri diversi possono coordinarsi attraverso la loro separazione. 

Da questo punto di vista, la differenza e il disaccordo non sono intrinsecamente un ostacolo, ma possono anche essere una risorsa e una fonte di forza. Diversi atteggiamenti o posizioni non solo creano percorsi diversi per i nuovi arrivati ​​per connettersi, ma possono anche impregnare le nostre azioni con una più ampia gamma di saggezza fornendo prove sperimentali e feedback su cosa funziona e cosa no. La domanda non è “come sosteniamo il consenso collettivo in tutto il movimento?”, Ma piuttosto “come coltiviamo le strutture, gli atteggiamenti, le abilità e le relazioni che approfondiscono la nostra capacità di agire in modo coordinato, anche se lo facciamo per motivi diversi?”

Dove il consenso fallisce, il ritmo e il rituale possono aiutare a rafforzare la coerenza. “Stiamo insieme, stiamo stretti” è un rito, enfatizzato dalla frase successiva: “lo facciamo tutte le sere”. Sappiamo che è un rituale quando lo vediamo muggito con tutta la sua forza anche da coloro che sono nuovi o che non possono venire ogni notte perché hanno un modo di vivere diverso. Dobbiamo creare spazi in cui tali relazioni modellate possano crescere. Dobbiamo notarli, coltivarli. Spuntini, medici e cura di sé sono importanti per nutrire i corpi individuali, ma come si nutrono le relazioni all’interno e tra i gruppi?

Infine, il modello di “portavoce” che è stato utilizzato a Portland in vari modi da quando il movimento alter-globalizzazione sta emergendo di nuovo oggi. Incoraggiamo un simile consiglio non solo a coordinare gli usuali “gruppi di affinità”, che presuppongono che tutti si organizzino più o meno allo stesso modo, ma anche come un modo per fare spazio a modalità di organizzazione molto diverse. Ciò richiede una progettazione qualificata e una rinegoziazione diplomatica. A tal fine, un tale consiglio portavoce può anche scegliere di non rendere la necessità del “consenso al 100%” un ostacolo, ma attingere a una decisione aperta. Quadri il cui obiettivo è rafforzare varie forme di risolutezza, la capacità approfondita delle persone di agire insieme con potere. Questo approccio consente ai gruppi di vedere chi è d’accordo su una proposta, di lavorare per perfezionarla e ampliarla, ma anche parallelamente per sostenere coloro che già accettano di agire subito in base al loro accordo, anche se altri non sono d’accordo. Ciò aumenta il valore dell’adesione di gruppi marginali, riduce il trascinamento del dibattito sulle minuzie e sottolinea l’importanza di controllare il palcoscenico. 

Tuttavia, un portavoce non è una bacchetta magica; non solo potrebbero essere necessari diversi tipi di consigli, ma non tutte le funzioni di movimento richiedono tali mediazioni, poiché molte possono essere risolte attraverso forme più organiche di costruzione di relazioni. L’obiettivo qui è quello di tessere insieme non solo “identità”, “settori” o proto-sovranità, ma i semi di parentele che mantengono il potere vicino a casa e radicato nella terra che condividono tra loro e per il resto della vita. Durante l’intero processo, dobbiamo prestare attenzione a qualcosa di più delle semplici parole, idee, formalità; dovremmo piuttosto rimanere alla ricerca di modi per onorare e far crescere i legami che coinvolgono i cuori e gli spiriti conviviali.

Rafforzamento

Quando nessuno ha il monopolio della violenza, ma tutti hanno la responsabilità di affrontare il danno, la “sicurezza della comunità” riguarda le persone che si assumono la responsabilità della loro comprensione delle pratiche condivise e raccolgono il sostegno per metterle in atto tra gli altri. Questo può essere un processo profondamente autonomo. Come abbiamo notato sopra nell’esempio degli incendi appiccati e spenti, è qualcosa che sta già accadendo nella pratica, ma che trarrebbe vantaggio dal diventare un processo più esplicito. Ciò consentirebbe una maggiore chiarezza su quanto supporto esiste o è necessario, rendendo più facile decidere se e come intervenire in questa o quella situazione. Quello che proponiamo va ben oltre la limitata tolleranza di “diversità di tattiche”, che spesso rafforza la separazione delle parti coinvolte. Le forme dei nostri movimenti non dovrebbero essere come l’olio e l’acqua che scivolano l’una sull’altra, ma devono essere coordinate e collegate. L’obiettivo non è solo quello di tollerare le differenze purché avvengano in luoghi e tempi diversi, ma di sviluppare modi intelligenti per comporre un blocco che attinga ai punti di forza dei suoi vari pezzi singolari. In questo modo le nostre tattiche non si limitano a coesistere, ma si completano attivamente a vicenda. Le persone baseranno assolutamente le loro scelte sui loro valori e sulle parentele di cui fanno parte, ma le discussioni sulle migliori tattiche dovrebbero essere il più tangibili possibile, radicate in un’attenzione condivisa alla crescita del nostro potere e delle nostre capacità collettive, verso una maggiore attenzione e non semplicemente astrazioni.

Libertà

Un’obiezione a questo approccio alla composizione è la preoccupazione che possa limitare la nostra libertà individuale. Lo vediamo come un malinteso – e pericoloso – del tipo di libertà che vogliamo o di cui abbiamo veramente bisogno. La “libertà” intesa come scelta individuale sfrenata mantiene la sua coerenza principalmente virtuale solo in virtù delle strutture del capitalismo e dell’impero. La “libertà” dei moderni è un ideale adattato all’esperienza del supermercato, del marchio sottoculturale, dei media on demand. La sua perpetua transitorietà – tra città, identità, occupazioni – ha il suo ambito esclusivamente all’interno di questo regno altamente ristretto, palpabilmente spettacolare e sempre più digitale. Anche se si “sente” infinito, rimane totalmente dipendente dall’orizzonte invisibile di questa sottostruttura economica politica. 

Questa concezione limitata infetta troppo la nostra comprensione della libertà “radicale”. Abbandonarsi, essere in movimento contro lo stato, rifiutare identità o ideologie: fin dove arrivano, sono tutti inquadrati come contrari al regime esistente, legato ai suoi limiti. Al contrario, diciamo che la libertà di diventare qualcosa di nuovo, di viaggiare oltre gli orizzonti e non semplicemente tra versioni sempre più intercambiabili di identità, richiede la nostra partecipazione all’esistenza collettiva. Ad un certo livello, questo è solo un riconoscimento che l'”individualità” costruita dal capitalismo liberale è un miraggio; le cose non funzionano mai in questo modo. Siamo esseri relazionali in tutto e per tutto. Ora più che mai, siamo chiamati ad attivare le nostre capacità di essere collettivo creativo. Per affrontare le forze di sicurezza, sostenere il mutuo soccorso, abolire la polizia, abbiamo bisogno di un’azione profondamente coordinata. Tale azione coordinata richiede nuove forme di motivazione, nuove fonti di resilienza e forza, almeno quanto richiede tattiche e comunicazioni. Dobbiamo diventare nuovi tipi di persone, legati come parenti in modi nuovi, con nuove culture dell’essere. Il modo in cui lo facciamo è una questione (una “materialità”) di economia politica, considerata abbastanza profondamente da includere gli spiriti che animano le nostre collettività. Siamo noi, anche se siamo molti, e questo “noi” non è uno ma è esso stesso molti – non è “io”.

Questo è qualcosa che abbiamo esplorato in questi ultimi mesi di lotta a Portland. Abbiamo creato nuovi modi di essere collegati, non uniformi ma interconnessi. Questa è stata una fonte del nostro potere.

Un caso di prova

La prima “Molly” è stata lanciata la centesima notte. Dal punto di vista che abbiamo sviluppato, è stato un fiasco totale. Un piccolo gruppo aveva deciso che era, o doveva essere, parte del repertorio. Nel momento in cui siamo arrivati ​​vicino alla polizia, è stato lanciato senza preavviso. Atterrò corto, bruciando due compagni e spaventando la folla, il cui panico è stato aggravato dal massiccio sbarramento della polizia che è seguito immediatamente. I gas lacrimogeni hanno colto molti alla sprovvista, poiché l’escalation aveva accelerato quello che normalmente era un processo piuttosto incrementale del suo aspetto. 

Cosa sarebbe potuto succedere invece? Immaginiamo una sequenza:

La gente vede qualcuno che si prepara a intensificare il repertorio in modo qualitativo. Qualcuno dice: “Ehi, questo non fa parte del nostro menu qui, cosa stai facendo?” La persona spiega le sue intenzioni, se lo desidera. Le persone effettuano il check-in almeno con la folla nelle vicinanze, quindi sono pronte, ecc. Idealmente, parte di questo dovrebbe comportare la sicurezza dei compagni.

Ci sono ovvie preoccupazioni con questo approccio. In primo luogo, corre rischi per la sicurezza: le persone non vogliono parlare in un grande gruppo di questo genere di cose. Inoltre, cosa succede se le persone nella folla non vogliono che accada? 

Dobbiamo immaginare una cultura del dibattito sulle potenziali scelte tattiche che non lascerebbe semplicemente a tutti automaticamente le preferenze personali. In un dibattito così ipotetico tra gruppi e tra di loro (ad es. In un consiglio portavoce, ma si possono immaginare altre modalità), la questione può essere affrontata: quando / come una data tattica è considerata appropriata? Tali discussioni informerebbero quindi sia coloro che stanno considerando di utilizzarli, sia coloro che pensano di intervenire. Dopo una discussione così aperta, anche se l’escalation in questione avviene contro la volontà degli altri, almeno è meno probabile che rimangano scioccati. Inoltre, questo è un processo che può testare almeno una parte di come una tattica influirà sul potere d’azione del gruppo – se spegnerà molte persone, questo potrebbe essere previsto.

Senza dubbio ci saranno disaccordi. Qualcuno potrebbe ben dire: “Adesso non sei d’accordo, ma una volta che vedi quanto è bello di persona e come le sue immagini circolano in tutto il mondo, vorrai provarlo anche tu!” Altri potrebbero essere abbastanza in disaccordo da tenere gli occhi aperti per le strade e intervenire. Sarà una gara di volontà, di potere, nelle strade stesse, dove le conseguenze possono essere viste più chiaramente. Ha delle insidie. Ma è meglio che rifiutarsi di affrontare tali disaccordi.

Guardando avanti

Non ci sono sfere di cristallo. Non sappiamo cosa accadrà, come si evolverà l’estate di Portland in autunno, inverno, l’instabilità sotto ogni cosa in questo momento. Ma questo momento di riflessione ha approfondito la nostra consapevolezza che ciò che conta di più, siamo noi. Guidati dalla tradizione radicale Black, possiamo prestare attenzione alla trama che ci compone. Possa la nostra cura reciproca fare la promessa di “noi abbiamo noi” in una sicurezza comunitaria, qualcosa su cui possiamo fare affidamento quando il pericolo è in agguato – fanculo alla polizia. Possa noi accogliere i nuovi arrivati, anche se inciampano; possiamo andare oltre i soliti sospetti, anche quando è imbarazzante; possiamo crescere.

Stiamo insieme. Stiamo stretti. Lo facciamo ogni notte.


Presto il fumo verrà lavato via. I Proud Boys torneranno in città, i folletti umidi. Amici e parenti dovranno prendere più decisioni su come supportare i nostri amici e i vicini neri, come coltivare protocolli condivisi, come essere decisivi. Le condizioni storiche continuano ad evolversi. Forse, in poche settimane, migliaia e poi migliaia di americani indignati e spaventati invaderanno le strade. Si chiederanno, si chiederanno l’un l’altro, ci chiederanno: come può essere contestare il controllo delle strade e vincere?

Vediamo. Vediamo, insieme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: