Nell’era del coronavirus si intensifica la guerra agli immigrati da parte dei governi europei ed occidentali

E’ una imperdonabile mancanza l’assenza di un articolo di denuncia sulla crescente guerra degli stati occidentali nei confronti degli immigrati da parte di questo blog. Le immagini delle rivolte degli immigrati nel lager dell’isola di Lesbo e della repressione poliziesca dello stato greco, così come le recenti notizie delle asportazioni degli uteri delle donne immigrate perpetrate nei “camps” allestiti dal governo Trump ci parlano proprio di questa specifica guerra. Il blog Noi non abbiamo patria tenta di porre rimedio a questa lacuna, seppure in maniera incompleta e frettolosa.

Riportiamo le cronache circa la rivolta scoppiata nel campo lager di Moria sull’isola di Lesbo che provengono da compagni anarchici greci. I fatti hanno sollecitato in questi giorni importanti manifestazioni contro la guerra continua agli immigrati in Germania ed ovviamente in Grecia. Il resoconto riportato qui di seguito contiene la descrizione della situazione sull’isola da parte di questi compagni impegnati sul campo. Questa è una guerra continua, che abbiamo visto accelerarsi durante il mese di marzo quando l’esercito Turco braccava i rifugiati delle zone di guerra di Siria, ma anche dell’Iraq e dell’Afghanistan, spingendoli verso il confine greco. In quei giorni tutti i governi europei, il governo italiano, francese e tedesco si sono improvvisamente ricordati che la Grecia “stracciona” faceva parte dell’Europa. Si proprio quella Grecia che solo una decina di anni fa veniva ritenuta una regione del “terzo mondo”, indebitamente facente parte dell’Europa. Ed hanno sostenuto politicamente e finanziariamente l’azione delle guardie di frontiera Greca nel respingimento a colpi di fucile della marea umana in fuga. Per questo motivo, nel pubblicare queste cronache riprese dal sito CrimeThinc (su cui potete trovare l’orginale in inglese), si vuole precisare a questi compagni greci che le vicende e l’attenzione sul lager a cielo aperto dell’isola di Lesbo non causerà una attenzione internazionale tale da dissuadere lo Stato greco dall’intensificare gli attacchi ai rifugiati e agli immigrati. Infatti, in coda al loro resoconto, viene riportato un articolo scritto ad inizio marzo 2020 da questo blog, mai pubblicato prima. E’ un commento a caldo ed una denuncia politica di quei fatti, incompleta e con toni “agitatori”, dettato dalla rabbia suscitata nell’animo del militante comunista.

Cari compagni anarchici greci, dietro il governo greco di Nuova Democrazia, c’è tutta l’europa unita dei governi e dei padroni, dell’Italia (che è la principale responsabile nell’aver trasformato il mar mediterraneo in un cimitero per gli immigrati), ma anche tutte quelle agenzie “umanitarie” (come giustamente notano i compagni anarchici greci) e dell’UNCHR che tentano di governare l’immigrazione coatta ad uso e consumo degli interessi dei padroni (e di papponi “dell’umanitarismo” vario), orientando le migrazioni là dove meglio gli conviene, provvedendo a distribuire i “cerotti” dopo aver consentito che sulle teste di uomini, donne e bambini piovessero le bombe, in tutto il medio oriente, così come in questi giorni coprono in maniera complice la violenza della stato greco e dei governi europei nell’isola di Lesbo.


Grecia: il campo profughi di Moria brucia mentre la repressione dello stato si intensifica

Moria brucia: lo Stato greco fa la vittima

articolo da parte di un gruppo di compagni anarchici greci pubblicato sul sito CrimeThinc.com

Il campo profughi di Moria sull’isola di Lesbo è andato a fuoco.

Lo stato afferma che questo è stato il risultato di manifestazioni di persone disperate all’interno del campo che hanno reagito alle nuove misure che la polizia aveva opportunisticamente dichiarato in risposta a un’inevitabile e ora giunta epidemia di COVID-19 all’interno del campo.

All’inizio di settembre sono stati resi pubblici circa 35 casi; considerando l’intenso sovraffollamento del campo, il numero dovrebbe essere considerato molto più alto. Alcuni si chiedono se i fascisti vicini abbiano colto l’occasione per appiccare il fuoco sotto la copertura delle proteste dei rifugiati. È certo che alcuni degli abitanti del villaggio volevano che coloro che fuggivano dalle fiamme bruciassero vivi, mentre spingevano coloro che cercavano di fuggire nel vicino villaggio di Mitilene verso le fiamme.

Se l’affermazione del governo secondo cui l’incendio è scoppiato dalle manifestazioni è corretta, possiamo interpretarlo come un atto di disperazione da parte di individui che protestano contro una situazione insopportabile. Di tutti i campi di concentramento in cui i rifugiati sono contenuti su isole vicino alla Turchia o fuori dalla vista del pubblico sulla Grecia continentale, Moria è di gran lunga il più famoso, sia per le sue dimensioni che per la gravità delle condizioni. Moria ospitava oltre 13.000 rifugiati, sebbene fosse progettata per solo circa 3000. È un simbolo del razzismo e delle politiche di esclusione disumanizzanti che costituiscono la base dell’Europa moderna.

Era inevitabile che COVID-19 entrasse a Moria. L’imposizione di ulteriori restrizioni al campo già isolato e controllato con la forza ha portato una situazione già disastrosa sull’orlo del baratro. Adesso migliaia di persone soffrono la fame senza un riparo, compresi molti bambini. Di fronte alla violenza fascista e poliziesca, si trovano in una situazione ancora peggiore di prima.

In qualche modo, il governo diretto da Nuova Democrazia ha utilizzato il campo di Moria per affermare che l’UE ha deluso la Grecia nella cosiddetta “crisi dei rifugiati” risalente al 2015. Allo stesso tempo, l’amministrazione ha utilizzato il campo per alimentare le fiamme. della xenofobia, inquadrando le condizioni nel campo e la disperazione di chi lo occupa come autoinflitta. Lo stato si sposta tra queste narrazioni in base a ciò che è politicamente opportuno.

I fascisti ei loro alleati “patriottici” si raduneranno attorno al fuoco, incolpando coloro che sono all’interno del campo, e lo Stato utilizzerà il disastro per chiedere ulteriori finanziamenti all’Unione Europea. L’unico elemento positivo di questa storia è che Moria se n’è andata. Moria non avrebbe potuto peggiorare. Era un campo di concentramento. Ora il mondo sta prestando maggiore attenzione a un campo che era già famigerato per le sue condizioni atroci. Mentre la miseria è particolarmente visibile ora tra le rovine di Moria, speriamo che gli ex residenti trovino in qualche modo condizioni migliori e che l’attenzione internazionale che questo ha attirato dissuaderà lo Stato greco dall’intensificare gli attacchi ai rifugiati e agli immigrati descritti nei nostri precedenti rapporti. Molti sono sopravvissuti a Moria grazie a sforzi di base e campagne di solidarietà che non hanno nulla a che fare con lo Stato.

Lo stato ha incanalato gran parte dei fondi stanziati per il sostegno ai rifugiati a beneficio dell’élite civile e imprenditoriale e delle aziende da cui traggono profitto.

Oggi, mentre i media corporativi denigrano i sopravvissuti, i rifugiati senzatetto sono sparsi ai margini delle rovine di Moria, molti visti dormire nei cimiteri, uno dei pochi posti in cui possono trovare pace dalla polizia e dai fascisti. La polizia antisommossa è stata inviata. I funzionari statali intendono affrontare questa crisi umanitaria e sanitaria imponendo “legge e ordine“, incoraggiando i rifugiati a rinunciare e a fuggire da dove provenivano o trattenendoli e contenendoli con procedure di polizia intese a coprire la situazione fuori dalla visibilità, piuttosto che migliorare le cose per coloro che stanno soffrendo.

La situazione dei rifugiati e degli immigrati in Grecia è terribile; fate riferimento ai nostri rapporti precedenti per informazioni sui capitoli precedenti di questa lotta.

La rete di mutuo soccorso di Lesbo ha chiesto sostegno:

“Se hai bisogno, o se sei interessato a supportarci in qualsiasi modo, puoi contattarci per telefono: 6948580322 (+ Whatsapp) o per e-mail: lesvos_network@protonmail.com.” Anche il progetto “Other Man Social Kitchen Free Food For Everyone” è andato a Lesbo per cucinare per gli sfollati a causa dell’incendio.

Gli anarchici, gli esclusi e gli sfruttati tutti devono schierarsi insieme contro lo stato e il razzismo eurocentrico. Quando le leggi sui rifugiati e sull’asilo furono create dal tribunale internazionale di Ginevra nel 1951 in risposta alla seconda guerra mondiale, lo stato non poteva prevedere che queste avrebbero costretto l’Europa, gli Stati Uniti o il “Primo Mondo” in generale ad accettare coloro che sfuggono alle sofferenze del cosiddetto “Terzo Mondo”.

La reazione fascista a queste leggi mette a nudo l’ipocrisia intrinseca la natura delle filosofie neoliberiste del primo mondo. Sia che New Democracy sia “vittima” o persegua il populismo attraverso la xenofobia, la loro vera posizione riguardo alla difficile situazione di queste persone disperate è chiara nella dichiarazione di Adonis Georgiadis, il ministro dello sviluppo e degli investimenti e vicepresidente di New Democracy, in risposta all’incendio. I rifugiati dovrebbero “alzarsi e andarsene. Non li abbiamo invitati qui, dovrebbero andarsene.

La resistenza dei rifugiati a Lesbo e gli sforzi di solidarietà dei movimenti rivoluzionari più ampi sono diventati sostanziali. La situazione si sta sviluppando.

Le manifestazioni sono scoppiate spontaneamente nei pressi della capitale Lesbo. Migliaia di persone sono scese per le strade ad Atene l’11 settembre e in tutta la Grecia sono in corso vari sforzi di solidarietà. Una manifestazione antifascista locale ha avuto luogo a Lesbo l’11 settembre, ed è stata attaccata brutalmente dalla polizia in tenuta antisommossa che ha fatto largo uso dei gas lacrimogeni. Sono state arrestate diciannove persone, molte con ferite. La gente di Moria si rifiuta di perdere la propria dignità mentre deve affrontare attacchi da parte di abitanti fascisti, una brigata di polizia antisommossa importata e le minacce di deportazione e / o sparizione. I presunti sforzi “umanitari” da parte dello Stato sono proseguiti con l’approccio della “legge e ordine”, arrivando al punto di impedire ai militari di distribuire cibo per punire i rifugiati senza casa per aver protestato e manifestato. I fascisti hanno agito parallelamente alla polizia attaccando gli sforzi di sostegno all’aiuto reciproco – rompendo i vetri delle auto che portano aiuti o minacciando e aggredendo le persone che vengono ad aiutare i rifugiati.

Alcuni abitanti locali stanno combattendo gli sforzi dello Stato di costruire un altro campo di concentramento sull’isola. Alcuni di loro non hanno problemi con i rifugiati, di per sé, ma piuttosto con l’uso della terra da parte dello Stato per la costruzione del campo di concentramento. Tuttavia, è difficile, con così tante cose accadute, distinguere le intenzioni di ogni attore coinvolto. Molti rifugiati non solo sono senza risorse e sostegno, ma devono anche affrontare la manipolazione da parte della polizia e delle agenzie “umanitarie”, costringendone potenzialmente ad accettare la potenziale deportazione o la perdita dello status a causa di confusione, disinformazione e disperazione. Mentre Francia e Germania hanno accettato di prendere alcuni dei minori, i politici europei hanno affrontato questo disastro come un semplice dibattito politico di routine, piuttosto che affrontare la disastrosa situazione in sè.

Noi diciamo, ciao Moria. Mai più primo e terzo mondo!

per aggiornamenti sulla situazione a Lesbo clicca qui.


Guerra al confine tra Grecia e Turchia: le due facce sporche della stessa guerra dell’imperialismo contro gli immigrati e gli sfruttati del Nord Africa e del Medio Oriente.

commenti e rabbia di Noi non abbiamo patria scritto nei primi giorni di marzo 2020

Nei giorni del riconglionimento da “coronavirus” (che tra l’altro sottende ad un’altra sporca guerra del capitale a divenire – quella degli USA al pericoloso concorrente emergente Cina), riemerge sulla stampa occidentale, con clangore di trombe e lacrime false, la vicenda della crisi umanitaria e delle migliaia di profughi Siriani, Kurdi, Libici e Iracheni, donne e bambini intrappolati al confine tra Turchia e Grecia o nelle isolette del Mar Egeo: da una parte braccati dalle forze di polizia e militari Turche alle calcagna, dall’altra respinti dalla polizia di frontiera Greca a suon di lacrimogeni e raffiche di mitra.

Quello a cui stiamo assistendo non è un incidente di percorso. Ci ricordiamo perfettamente gli anni 90’: lo sbarco dei profughi Albanesi sulle coste della Puglia; ci ricordiamo l’affondamento voluto della nave albanese Kater i Rades del 1997 da parte della marina militare italiana (che fece centinaia di vittime che ancora oggi gridano giustizia che non riceveranno mai da parte delle istituzioni italiane, artefici impuniti di quell’assassinio in mare).

Quanto sta avvenendo in questi giorni, non è altro che un ulteriore epilogo senza fine di quanto avviene tutti i giorni nel mar Mediterraneo e nel Sahara dove migliaia di immigrati rimangono intrappolati e morti in mare o nelle sabbie del deserto.

“Erdogan è un criminale”, “la comunità europea dovrebbe sospendere le relazioni con la Turchia”, “i confini della Grecia sono i nostri confini e li dobbiamo difendere dalle manovre di questi macellai che si consumano sulla pelle di questa povera umanità”.

E Saviano chiosa: “questa è la Turchia di un criminale politico con cui l’Europa fa accordi”.

Ma quanta lurida ipocrisia!

Quale sarebbero questi affari e questi accordi, poi disdetti dal “neo dittatore” di Ankara? Avere pattuito di farsi baluardo dei confini dell’Europa contro la pressione dei profughi, in cambio di sonanti miliardi di Euro con i quali allestire al confine Turco–Iracheno e con la Siria e nelle zone Kurde quei lager che già funzionano nei deserti della Libia e del nord Sahara e che sono finanziati dall’Italia? In sostanza, se la Turchia avesse rispettato gli impegni e gli accordi – nemmeno tanto segreti – con i concorrenti Europei e con l’Italia, e avesse respinto lì – nei territori oltre confine dove l’esercito Turco è impegnato nei corridoi delle zone di guerra in Siria – allora sarebbe andato tutto bene? In sostanza, quale la “colpa” secondo costoro avrebbe il “neo dittatore” di Ankara? Quella di non avere recintato i profughi in quei lager ai confini dell’Anatolia per cui l’Europa di Bruselles e delle cancellerie di Roma, Parigi e Berlino avevano pagato?

La Turchia sta provando a giocare un suo ruolo in proprio nella spartizione e nello smembramento della Siria e della Libia, saccheggio avviato già ben prima da Francia, Italia, Gran Bretagna e USA, forze NATO e Russia. Balcanizzazione in atto e che prosegue senza sosta, di cui proprio la democratica Europa e l’Italia in testa sono stati tra i primi protagonisti (o vogliamo dimenticarci il via libera dell’Italia ai bombardamenti sulla Libia del 2011?). Quindi Ankara non solo spinge le sue truppe in Siria e verso la Libia per negoziare con gli altri briganti concorrenti la sua parte “legittima” del bottino, ma applica esattamente la stessa politica di “governance” dell’immigrazione che da lungo tempo l’Italia e la Francia attuano espertamente: orientare la fuga dalle bombe democratiche che piovono sui paesi aggrediti dall’imperialismo verso quelle “direttrici geografiche di fuga” che sono più consone al brigante di turno e meno digeribili per i propri concorrenti. E così il blocco dei porti e il pattugliamento dei mari serve proprio per contro bilanciare l’immigrazione coatta verso altre zone geografiche più convenienti.

Fintanto che la Turchia si limitava ad essere il comodo “cane da guardia” della NATO e degli USA (e in sub misura dell’Europa), allora si poteva chiudere un occhio sulla sorte dei Kurdi. Ma ora che esso prova a giocare per sé, scaricando i costi della crisi umanitaria verso i confini “sacri” dell’Europa, allora ecco che i “filantropi” delle “libertà di migrare” ed i “sovranisti” anti-immigrati, sono uniti in coro a denunciare il tentativo di violare i nostri sacri confini. Saviano e Salvini uniti per la patria!

Finalmente la Grecia, una volta la stracciona del vecchio continente, ora è parte integrante dell’Europa cui dare sostegno politico, logistico e militare per la salvaguardia delle nostre frontiere aggredite due volte: dalla marea “subumana” dei dimenticati dell’umanità e dai barbari Turchi (che sempre musulmani sono, dopo tutto).

Le migliaia di profughi braccati e schiacciati al confine Greco-Turco sono dunque l’altra faccia della sporca aggressione imperialista in Siria, Libia e nell’area nord africana e medio orientale tutta (senza dimenticarci le sortite assassine degli USA contro l’Iran di questo recente inizio Gennaio), che vede in prima fila e in contesa tra loro (sebbene in diverso ordine e con differente potenziale di rapina) USA, Francia, Gran Bretagna, Italia, Germania e Turchia, e con la Russia impegnata affinché la balcanizzazione in atto della Siria e del Nord Africa, non si trasformi in un indebolimento dei suoi interessi geo politici nell’area.

E se da un lato, le diverse milizie arabe, islamiche o Kurde in Siria vengono utilizzate in loco dall’imperialismo occidentale che li manovra a sua convenienza per sostenere i suoi interessi di rapina e in concorrenza con gli altri briganti (in uno scontro fratricida di tutti contro tutti e contro Assad), anche le migliaia di profughi di oggi braccati e ricacciati ai confini dell’Europa sono utilizzati come una arma di ricatto nella più generale contesa tra briganti in Sira ed in Nord Africa.

Le migliaia di profughi di questi giorni sono già vittime due volte dell’imperialismo, ed Erdogan ne è solo l’ultimo dei responsabili di questo scempio e di questo massacro. I principali responsabili di questa immane crisi umanitaria sono innanzitutto a Washington, a Parigi, a Berlino a Roma e a Londra che da anni si contendono il bottino in Nord Africa e in tutto il medio-oriente (e con occhi puntati più in là più verso oriente).

Qui da noi Salvini applaude e sostiene le forze di frontiera Greche a sparare sugli immigrati. Altri, come Saviano, versano false lacrime disgustose di pena per le sorti di queste migliaia di uomini, donne e bambini, ma tacciono sulla responsabilità prima dell’imperialismo italiano per quanto sta accadendo, come conseguenza diretta della manomissione occidentale nel mondo mediorientale e del Nord Africa. Costoro, denunciando Erdogan, ci chiamano ad una union sacrée per la difesa del confine Europeo messo in pericolo dal concorrente Turco, concorrente che sta anche osando a mettere in pericolo i nostri sacri interessi Italiani in Libia. E nel fare questo sono doppiamente complici dello scempio cui assistiamo, perché tacciono – come sempre hanno fatto – su chi siano i veri responsabili.

Lavoratori, lavoratrici e sfruttati italiani, sappiamo che questa ennesima crisi “umanitaria” verrà messa a servizio dai padroni del capitale nostrani contro di noi. Sappiamo benissimo cosa origina il vostro sentimento di ostilità e contrapposizione aperta nei confronti degli immigrati. Nasce dalla paura reale che se questa marea di disperati dovesse valicare le frontiere, questo fatto potrebbe compromettere le nostre condizioni di vita e di lavoro già precarie. In questi giorni, dietro la paura della pandemia, cui fa eco l’allarme che non vi sono strutture ospedaliere in numero sufficiente a tamponare l’emergenza sanitaria, giustamente trovate ipocrita chi ancora oggi vi chiede un sacrificio per l’altra parte del mondo che bussa alle nostre porte.

Ma accettare la deriva che l’unica via di uscita è quella di sparargli ai confini può sembrare amaramente l’unica soluzione possibile, è altresì una soluzione illusoria ed un tentativo vano che non può fermare questo processo umano di proporzioni incontrollabili.

Attenzione, l’unione sacra per la difesa dei nostri confini europei, della nostra “sovranità”, non prepara solamente il terreno di blindare ed armare i nostri confini contro gli immigrati. Prepara a blindare ed armare soprattutto i confini contro gli altri briganti concorrenti, domani contro i Turchi e dopodomani contro i Francesi e poi ancora contro chi e per cosa? Per ingrassare banche e capitalisti nostrani, per difendere in armi gli interessi dell’imperialismo italiano.

Sottrarsi a questo gioco al massacro vero e proprio tra sfruttati è possibile. Non rinunciamo a lottare senza quartiere per i nostri interessi di classe contro chi già si prepara a farci pagare il conto delle emergenze sanitarie ed umanitarie, sfuggendo dall’illusoria prospettiva che tanto più scacciamo gli immigrati e tanto più le nostre condizioni non peggioreranno. Viceversa, cominciamo a legare in questa lotta il nostro destino e la crescita delle nostre forze guardando agli immigrati già qui in Italia, come una parte di un unico fronte di sfruttati con cui lottare insieme. Ricacciamo indietro la logica strisciante di armare i nostri confini contro gli immigrati, perché quelle stesse armi saranno poi rivolte contro di noi per soffocare le nostre lotte, oppure ci verranno consegnate con l’ordine di andarci a scannare tra sfruttati dei diversi paesi e per determinare chi debba prendersi l’osso più grosso tra i vari predoni occidentali in concorrenza tra loro.

Denunciamo senza quartiere chi spara agli immigrati al confine e chi li bracca da dietro, ma prima di tutto denunciamo il nostro governo, il nostro imperialismo che è tra i briganti che stanno massacrando la Libia, la Siria e il Nord Africa.

La soluzione davvero ignobile questi briganti democratici l’hanno già trovata in queste ore: Italia e a Bruselles si preparano a pagare l’Albania per allestire nel paese delle Aquile dei grossi lager in cui rinchiudere le decine di migliaia di profughi che si stanno ammassando al confine greco e che nonostante i colpi di mitra non potrà essere contenuto, oppure confinandoli in lager a cielo aperto nelle isolette sperdute del mar Egeo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: